LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Turisti e romani spariti dal centro storico, in tanti solo a Fontana di Trevi
Maria Egizia Fiaschetti
Corriere della Sera - Roma 7/3/2020

È una Roma in apnea, sospesa tra gli anticorpi del fatalismo e quelli della paura. Surreale nella carrellata di istantanee che ritraggono i luoghi simbolo della città, dai monumenti come il Colosseo ai fulcri della vita sociale e aggregativa, tutti semideserti: cartoline svuotate della presenza umana. Piazza dei Cinquecento, davanti alla stazione Termini, che di solito è un formicaio, somiglia più a un gigantesco parcheggio che a uno dei principali capolinea, snodo di una rete che copre gran parte del territorio urbano.

Fila azzerata ai taxi, dove negli orari di punta arrivano ad assieparsi centinaia di viaggiatori e l’attesa, oltre i 30 minuti, tiene il tempo di una Capitale in affanno, sì, ma brulicante. «Le corse sono crollate del 50 per cento – si sfogano i tassisti – . Finora il clima è stato mite, ci aspettavamo il pienone, invece…».

Alla fermata Aracoeli, alle pendici del Campidoglio, un bus è «spiaggiato» per un guasto, gli altri sostano con le porte aperte. Il copione è a ruoli invertiti: autisti alla ricerca dei passeggeri perduti. L’unico, solitario avvistamento ci conduce a Giorgia («Mi spiace, niente cognome»), 39 anni, biologa: «Aspetto il 44 per Monteverde. La situazione è seria, ma continuo a utilizzare i mezzi pubblici, anche la metro. Gli interventi di sanificazione? Non mi sembra che le vetture siano più pulite…».

Stessa scena in piazza San Marco, di fronte a piazza Venezia, dove si conta non più di una decina di persone: «Prendo precauzioni, mi sposto negli orari meno affollati – ammette Marco Pasquali, 67 anni, pensionato – , ma cerco di condurre una vita normale, senza panico».

In largo Chigi, di fronte alla presidenza del Consiglio, è il deserto. Per trovare una situazione meno desolante bisogna spingersi fino a Fontana di Trevi dove, complice la planimetria (la sorpresa ottica incastonata in un lembo di spazio a un crocevia di stradine) si percepisce un friccico della Roma di sempre. Comitive di turisti schierati in semicerchio ai lati della vasca, il vigile che fischia per tenerli a distanza di sicurezza (dal monumento, non dal rischio di contagio) e l’immancabile corollario, resistente a tutte le calamità, dei venditori abusivi schierati in via delle Muratte tra finte borse griffate e ammennicoli pseudo artigianali e dei pittori improvvisati che spruzzano vernici chimiche non proprio salubri.

Le vie regine dello shopping – Frattina, Borgognona, il Corso – sono fughe prospettiche verso il Bello sterilizzato dall’elemento antropico. Sulla scalinata di piazza di Spagna, dove per dissuadere i bivacchi è servita un’ordinanza, si stagliano poche sagome dai tratti umani: qualcuna seduta in contemplazione, protetta dalla mascherina, qualcun’altra in posa per un selfie. La fontana della Barcaccia, in genere affollata, si è trasformata in un salotto per gli ultimi Mohicani del godimento estetico, i resilienti che, a dispetto dell’allarme globale, non vogliono rinunciare a immergersi nell’incanto. Abbie, 28 anni, appena arrivata con le amiche dal Regno Unito, si sente tranquilla: «Nessuna paura. In giro c’è poca gente? Meglio…». Marzia Repetti, 47 anni, di Genova, è sbarcata a Civitavecchia dopo aver fatto tappa a Marsiglia e Barcellona. Crocierista in viaggio con le figlie non è spaventata, nonostante il caso della nave Diamond Princess, bloccata per settimane in Giappone e diventata un focolaio epidemico: «Si sta spargendo troppa psicosi, l’idea di annullare la vacanza non ci ha neppure sfiorati. Dopo Roma andremo a La Spezia e Savona, poi torneremo a casa».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news