LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Veneto. Lavoro, primi bilanci. Milioni di perdite, stagione turistica finita
Giacomo Costa
Corriere del Veneto 7/3/2020

Lincontro delle categorie con Baretta e Martella

MESTRE. Cinquecento milioni in meno nel calzaturiero, quattrocento milioni mancati nei servizi. Crollano le esportazioni agricole del 70 per cento, unimpresa su due rinuncia alle fiere e ai viaggi di lavoro, il 65 per cento delle imprese parla di ordini e vendite in calo, oltre un quarto ha sospeso del tutto la produzione. Ci sono 18 alberghi veneziani che hanno avviato già le chiusure. Persino i teatri chiedono aiuto dopo essere stati costretti a rimuovere 246 spettacoli dai cartelloni di tutto il Veneto, con una perdita di quasi un milione di euro.

Il bilancio delle prime settimane in balia del Covid-19 restituisce un territorio col fiato cortissimo, che dopo aver annaspato per mesi a causa delle conseguenze dellacqua alta del 12 novembre ora si vede privata di qualsiasi speranza dossigeno.

Il tampone delle categorie allo stremo è stato presentato ieri ai sottosegretari allEconomia Pierpaolo Baretta e alla presidenza del Consiglio dei ministri, Andrea Martella, che in una sala dellhotel Bologna di Mestre hanno ascoltato i rappresentanti dei vari settori (tutti seduti a due metri di distanza luno dallaltro).

Negozianti, albergatori, imprenditori, ristoratori, agricoltori e costruttori hanno presentato ciascuno le proprie richieste specifiche, ma tutti concordavano nel raccontare una situazione drammatica e nellinvocare, come prima medicina, uniniezione di liquidità. Serve chiarezza, bisogna stabilire principi inequivocabili anche quando si parla di cassa integrazione in deroga, o finiamo solo col coprire le ferie - ha detto il presidente di Confindustria Vincenzo Marinese - Anche la distinzione tra zone rosse e zone gialle sta causando solo confusione: qui il calzaturiero ha già perso il 25 per cento del fatturato, limpiantistica chiavi in mano il 40, export e servizi sono bloccati. Tutto il Veneto dovrebbe andare in zona rossa. Bisogna anche congelare il rating bancario. Ancora più catastrofica la lettura del presidente degli albergatori veneziani, Vittorio Bonacini: La stagione turistica 2020 è già finita, dobbiamo capirlo. Novanta giorni di rinvio scadenze non sono sufficienti, il problema non si risolverà tanto presto. Piuttosto bisogna concentrarci sul mercato italiano, lunico che potrebbe riprendersi entro lanno tra quelli europei visto che siamo il primo Paese che si è mosso. Qualcuno, come Ernesto Pancin, presidente Aepe, è tornato anche sui contributi per i danni da acqua alta: Li aspettiamo, ma arrivano solo dopo il pagamento delle fatture. In questo momento come possiamo fare a tirare fuori altri soldi? Sarebbe meglio se i fondi statali andassero direttamente a pagamento, non a rimborso. Il tema è sempre quello della liquidità, presente o futura: Se non si guadagna ora, non potremo pagare neanche tra tre mesi, le sospensioni sono di scarso aiuto quindi, sarebbe meglio il credito dimposta - ha suggerito la presidente di Confesercenti Cristina Giussani - A Venezia i commercianti hanno già perso l80 per cento del fatturato, la garanzia al 50 per cento per il finanziamento bancario non basta alle piccole realtà, che non possono neppure mandare in cassa integrazione quellunico dipendente che si ritrovano o devono chiudere. Gianni De Checchi, segretario di Confartigianato, è stato anche più drastico: Il 63 per cento dei nostri 3200 artigiani lavora solo, senza alcun dipendente, altro che cassa integrazione. Per loro pagare tra sei mesi sarà drammatico, il Comune dovrebbe pensare a un taglio reale della sua fiscalità, non a un semplice rinvio. Baretta e Martella hanno ascoltato con attenzione tutti - lincontro è durato oltre due ore - e hanno spiegato la linea del governo: Arriverà un decreto al mese, per cercare di aggiustare il tiro in continuazione - ha detto il sottosegretario allEconomia, anticipando qualche misura che verrà ufficializzata mercoledì - Vogliamo estendere la cassa integrazione in deroga per tutti i settori, pensiamo a un sostegno anche più importante per le imprese delle zone rosse. Anche ad aiuti per le famiglie, con congedo parentale e voucher babysitter, ma soprattutto dobbiamo aiutare con personale, straordinari, spazi e macchinari i lavoratori impegnati nellemergenza. Martella, invece, ha ribadito la necessità di sforare gli equilibri di bilancio: Ma per farlo servono provvedimenti sia a livello nazionale che europeo.



news

09-04-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 9 aprile 2020

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

Archivio news