LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze svuotata, la falsa bellezza
Paolo Ermini
Corriere Fiorentino 7/3/2020

Laltro giorno un collega si è emozionato sentendo il rumore dellacqua alla fontana del Cellini in mezzo al Ponte Vecchio. Un altro si è stupito ascoltando il rumore dei passi in piazza San Giovanni. Improvvisamente è scomparso il rullio dei trolley sui marciapiedi del centro. E la distesa di cartoni che ogni giorno a ogni ora faceva bella mostra di sé davanti a casa mia si è ridotta a un paio di scatole. Flash. Esempi. Scorci di una città che i più giovani non avevano mai conosciuto, mentre chi è più in là negli anni ha rivissuto la stagione delle domeniche a piedi per lo smog oppure, ancora più lontani, i tempi della guerra. È una Firenze inedita, che fa riflettere. Ma è anche una Firenze più bella? Scrive Tomaso Montanari in un articolo comparso su Il Fatto Quotidiano di ieri intitolato Cosa ci insegna (di buono) il virus: Cè poi un risvolto tutto italiano di questa lezione: quello che riguarda la decisa frenata della turistificazione di città come Venezia e Firenze, che hanno perso improvvisamente circa la metà delle prenotazioni, e che in questi giorni appaiono belle e accoglienti come non lo erano da trentanni almeno. Una tragedia economica, un paradiso civile e sociale. Un paradiso?

Viviamo giorni carichi di tensione. Non solo per il timore del Coronavirus. Basta fare due passi e due chiacchiere in città per capire che stiamo camminando sullorlo di un baratro. Civile e sociale. La bellezza di una città non può essere solo estetica. Le città sono movimento, non immobilismo. Ricchezza di vita e di mestieri. Luoghi di incontro. Anche con chi viene da culture diverse. Colpisce sì il silenzio di piazza Signoria, ma è il silenzio di una città vuota. Anzi, svuotata.

Questo giornale ha posto per primo a Firenze il problema dellovertourism. Cioè dellinvasione crescente di un turismo arrembante, più assetato di outlet, pizze a taglio e gelati che di cultura. Per primi abbiamo denunciato la stortura degli Airbnb, che hanno dato una spinta decisiva alla fuga dei residenti dal cuore della città. Lo scenario adesso si è capovolto. Tanti palazzi del centro adibiti ad affitti turistici, e che da anni erano stati abbandonati dalle famiglie dei fiorentini, adesso sono desolatamente deserti. Un bellissimo bar dellOltrarno, punto di riferimento per molti, di recente si era convertito in una delle mille osterie per stranieri. Era sempre pieno. Ora è senza clienti. Sembra la legge del contrappasso.

È un dramma senza alcuna bellezza. Che però non deve piegarci. Anzi. Possiamo sbagliare, ma siano convinti che niente tornerà come prima. E allora bisogna trovare una strada nuova. E se questa strada non esiste andrà aperta. Basta con la cultura della spremitura a ogni costo, dei torpedoni, delle carovane da far passare dai commercianti amici, del modello mordi e fuggi (e lascia scie di unto dappertutto). Economicamente ci saranno molte vittime. Fatalmente cadranno velocemente i locali che attiravano i visitatori di un giorno. Bassa qualità e prezzi esagerati. In compenso bisogna investire da subito su tutto ciò che può essere legato allidentità vecchia e nuova di Firenze. Tante volte abbiamo scritto che tutti i più accreditati studi internazionali ci dicevano che il turista su cui puntare per sottrarsi alla morsa del degrado e dellusura, non è quello che vuole vedere e comprare, bensì quello che vuole vivere la città insieme con chi la abita, ci lavora, ci dorme. È da qui che dovremmo ripartire per trovarci pronti quando la presa dellepidemia si sarà allentata. Cè un turismo diverso da pensare e da affiancare a unindustria di primordine. Cè una rete di servizi da rendere finalmente efficiente. Cè una città da costruire, insomma. Più bella che mai. E non disperata.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news