LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino. Musei e teatri, chi tiene aperta la cultura
Paolo Morelli
Corriere della Sera - Torino 16/3/2020

Video, visite virtuali, streaming e passatempi letterari. E l’intrattenimento continua

Ci sono i video del Teatro Regio, dalla serie di #ProudToBeRegio a #OperaOnThe Sofa, che portano la lirica e la vita del teatro direttamente nelle case. Ma ci sono anche le iniziative del Polo del ‘900, che oggi lancia #ilpoloèsempreonline (dalle 14) con la prima puntata delle pillole di Giovanni De Luna. È sempre l’hashtag a fare da trait d’union fra le varie iniziative che gli enti culturali stanno creando in questo periodo, perché è soprattutto la comunicazione sui social network a mantenere vivo il loro rapporto con il pubblico. Dalla Fondazione Sandretto a quella di Torino Musei, dal Museo Egizio al Circolo dei Lettori, dal programma dello Stabile ai Live di Le Musichall, tutti gli operatori della cultura si stanno dando da fare per cercare di intrattenere in modo diverso e intelligente il proprio pubblico: video degli attori, visite virtuali, streaming e passatempi letterari: musei e teatri continuano a vivere e danno sfogo alla creatività nonostante la quarantena.

L’ironia della Sandretto

«Funziona molto l’ironia — spiega Silvio Salvo, ufficio stampa e social media manager della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo — ma in questo momento sta lavorando tanto il dipartimento educativo, per utilizzare contenuti che hanno minore visibilità durante l’anno». La fondazione ha aperto le proprie porte «in maniera virtuale», con nuovi contenitori sul proprio sito web, laboratori e workshop. «In questo momento è necessario avere contenuti in più e offrire un servizio utile». Meno post e generalmente più dedicati al settore educativo e didattico, che punta anche sulle newsletter. Senza dimenticare il linguaggio pop.
Rubriche in Fondazione

Si osserva anche la nascita di vere e proprie rubriche, come accade per Gam, Mao e Palazzo Madama, gestiti da Fondazione Torino Musei. «In questo momento — racconta Anna Follo, digital officer della fondazione — abbiamo individuato tre filoni: guarda, cerca, scopri. Visto che siamo stati tra i primi ad aderire a Google Art & Culture abbiamo molte esposizioni virtuali, usiamo un taglio molto leggero con aneddoti e curiosità legati alle opere». Il lavoro della digital officer, in collaborazione con Cristina Negus, responsabile della comunicazione, è volto anche alla creazione di contenuti ad hoc, soprattutto video. «Abbiamo registrato una impennata nelle iscrizioni ai canali YouTube».
I quiz dello Stabile

La strada dei video è molto praticata anche dagli enti teatrali. «Abbiamo ideato l’iniziativa #stranointerludio, trasversale a tutti i nostri canali — spiega Ilaria Godino, responsabile attività editoriali web del Teatro Stabile, dove lavora con Luisa Bergia e Silvia Carbotti — con piccoli contributi video degli artisti, anche di chi sarebbe dovuto andare in scena in questo periodo». È un modo per mantenere il contatto diretto con il pubblico. «Serve un dialogo continuo anche attraverso i quiz, che alterniamo ai video. Conciliamo la storia del teatro con i nuovi media. Già al suo insediamento, Filippo Fonsatti aveva puntato molto su questo», sviluppando il comparto nel settore stampa e comunicazione.
I live a Le Musichall

Gli spettacoli dal vivo possono andare anche in diretta Facebook. È il caso del teatro Le Musichall, diretto da Arturo Brachetti, che sabato (alle 18 e alle 20) manderà «in onda» un omaggio a Giorgio Gaber di Federico Sirianni. «Cerchiamo di portare il teatro a casa — dice Simone Lanzafame, responsabile comunicazione e social media manager — principalmente con piccoli spunti, perché poi più avanti si possa tornare più forti. Probabilmente manterremo questo tipo di contenuti anche dopo l’epidemia, perché se danno un ritorno significa che possiamo proseguire su questa strada».
Passatempi al Circolo

«Abbiamo lavorato in squadra — esordisce Alice Zanotti, social media manager del Circolo dei Lettori — per inventare contenuti trasversali adatti al nostro pubblico e a Facebook». Sono nati così Gli indispensabili, in cui gli scrittori consigliano «beni primari culturali» di cui fare scorta, oppure i Passatempi letterari, quiz a tema librario. Ma questa settimana nascerà anche il Dizionario dei tempi incerti, con scrittori e intellettuali che offriranno chiavi di lettura sul periodo attuale, coinvolgendo i tre festival gestiti dal Circolo. «Molte persone ci hanno scritto e abbiamo chiacchierato con loro. E sotto i post ci sono state molte interazioni». Il ruolo aggregativo prosegue anche sui social.
I laboratori dell’Egizio

Anche l’ente guidato da Christian Greco ha arricchito e modulato la propria comunicazione sui social, come spiega Chiara Del Prete, alla guida di un team dedicato (che include anche Divina Centore e Virginia Cimino). «La grande attenzione che si è sviluppata nei confronti dei musei sui social — racconta — fa piacere ma dà anche la responsabilità di essere presenti in maniera continuativa. Pensiamo a contenuti nuovi, come piccoli laboratori da fare a casa». E a breve arriveranno anche nuovi video del direttore. «Questa è anche un’occasione per riflettere sui format».



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news