LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lemergenza coronavirus e la sfida digitale di musei e gallerie
Antonio Carnevale
Lettera43, 20/03/2020

La chiusura imposta dalle misure anti-contagio potrebbe servire alle istituzioni della cultura per maturare una maggiore consapevolezza del rapporto con il pubblico. A partire dalla messa a punto di una curata offerta online fino a una maggiore centralità del territorio e della sua storia. Valorizzando, oltre al patrimonio fisico, anche quello immateriale.




Le nuove misure per contrastare il Covid-19 hanno imposto una chiusura forzata a tutti i luoghi darte almeno fino al 3 aprile. Ma la situazione sanitaria è ancora imponderabile.

Non è detto che a quella data potranno riaprire gli Uffizi di Firenze, Il museo Egizio di Torino, il museo archeologico di Napoli e le centinaia di altre gallerie civiche e regionali. La ricaduta economica sarà senzaltro grave.

Ma la nuova emergenza potrebbe avere anche risvolti positivi. La spiacevole pausa potrebbe servire ai musei per capire che il pubblico chiede un rapporto più caldo e diretto, un linguaggio nuovo, una comunicazione che sappia parlare a diversi tipi di visitatori.

LARTE E LA CULTURA DEVONO ENTRARE NELLE CASE

Da oggi saranno chiusi cinema, teatri, concerti, musei. Una scelta necessaria e dolorosa, aveva scritto l8 marzo su Twitter il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini. Ma la #cultura, aggiungeva, può arrivare nelle case. Chiedo () a tutti gli operatori culturali di usare al massimo i loro social e siti.

E certo il sacrosanto invito del ministro dovrebbe valere sempre, non solo nei giorni dellemergenza. Purtroppo, però, la maggior parte dei musei italiani non è attrezzata per raccontarsi in modo sensato.

LO SBARCO SUL DIGITALE SPESSO È SOLO MISURA DI EMERGENZA

Subito dopo la chiusura forzata, molti centri darte si sono precipitati online. Nel giorno dellappello di Franceschini, il direttore degli Uffizi di Firenze Eike Schmidt lanciava un video-messaggio per annunciare che da oggi i capolavori della galleria potranno arrivare nelle nostre case grazie a . Ci voleva una pandemia per convincere uno dei più importanti musei italiani ad attivare la sua presenza sul più vecchio dei social network. Ma il caso degli Uffizi non è isolato. A guardare le pinacoteche italiane, la comunicazione digitale ha tutto laspetto di una misura demergenza, una strategia messa in atto frettolosamente per fronteggiare la chiusura fisica, non invece una parte integrante dellofferta. Non mancano le eccezioni virtuose, naturalmente. LAccademia Carrara di Bergamo aveva inaugurato canali su Pinterest, Facebook, Instagram e Youtube fin dalla sua riapertura nel 2015, creando uno staff ad hoc.

In questi giorni è stata attivata anche la rubrica Vista da Casa, che porta la pinacoteca sui social in modo più approfondito, dice a Lettera43.it Gianpietro Bonaldi, responsabile operativo della pinacoteca. Stiamo preparando video con visite guidate alla mostra di Simone Peterzano, che avevamo aperto da poche settimane, continua. E ci stavamo preparando al lancio di unapp per offrire itinerari interattivi. Sarebbe dovuta essere pronta in questi giorni, ma la situazione attuale ha creato qualche problema, e slitterà di qualche settimana.

LA STRATEGIA DI PALAZZO BARBERINI E GALLERIE CORSINI

Anche le Gallerie Nazionali di Arte Antica di Roma (Palazzo Barberini e Gallerie Corsini) hanno consolidato la loro presenza sui canali social con offerte pensate apposta per questo momento difficile. Ma la comunicazione digitale era già rodata.

Da tre anni il museo si racconta sistematicamente attraverso la rubrica #lacollezione, dove finora sono state presentate 150 opere. Da qualche mese, la rubrica #Settecentoilluminato offre approfondimenti sullappartamento del Settecento con tutte le sue sale. E tra poche settimane partirà la nuova rubrica #andavadimoda, con i dettagli della moda del passato illustrati attraverso i quadri più importanti. In generale, però, i casi dimpegno comunicativo sono rari. Dei circa 5 mila luoghi statali di interesse storico-artistico, soltanto una piccolissima percentuale comunica sistematicamente attraverso il web. Pochi mostrano di aver capito che i luoghi darte non possono sottrarsi al gioco della comunicazione. Anche loro sono diventati realtà composite, il loro senso non può esaurirsi nella conservazione e nellesposizione delle opere.

LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMATERIALE

Anche al di là della mera presenza online, poi, pochissimi sembrano aver assimilato un concetto di valorizzazione che daremmo per scontato di questi tempi, e cioè che al patrimonio fisico va affiancato quel patrimonio immateriale di conoscenze che dà senso alle opere: il racconto delle collezioni, la storia di ogni museo, il rapporto con i luoghi di provenienza di dipinti e sculture, la stretta relazione con la vita e larte che abitano il territorio.

Nella maggior parte dei casi, invece, la comunicazione riguarda la mostra in corso, strumento ideale per convogliare molto pubblico in poco tempo. Talvolta lansia di rivolgersi alle masse ha indirizzato anche la comunicazione verso la semplificazione, ma senza una precisa idea di divulgazione né di una cognizione dei diversi tipi di pubblico. In un comunicato diffuso dagli Uffizi si legge che lobiettivo della presenza on line di questi giorni è tenere compagnia a tutti coloro che restano in casa.

COME CURARE IL RAPPORTO CON OGNI TIPO DI PUBBLICO

Il tema di un rapporto più strutturato tra i musei il loro pubblico, così stringente oggi, è lo stesso di cui ci occupiamo ormai da anni, sottolinea Simona Ricci, direttrice dellAssociazione Abbonamento Musei. Lassociazione è attiva in Lombardia, Piemonte e Valle dAosta ed è nata a Torino 25 anni fa con lobiettivo creare un progetto a sostegno del pubblico dei musei. Oggi conta 160 mila abbonati: un esercito fedelissimo e attento, assetato di esperienze ma anche di comunicazione. Non tutti i musei hanno la stessa forza comunicativa, organizzativa e mediatica, ammette Ricci, che in questi giorni è impegnata a prendersi cura di un pubblico spaesato perché abituato ad avere un rapporto di esperienza diretta con il museo. Pur non producendo contenuti, lAssociazione cerca di fare da cassa di risonanza online a quei musei che negli anni hanno digitalizzato le proprie collezioni o hanno attivato canali di comunicazione alternativa.

LIDENTITÀ DIVENTA SEMPRE PIÙ CENTRALE

Solo i musei che hanno già cominciato a ragionare sulla propria identità riescono poi ad attivare prassi capaci di dare frutti, fa notare Ricci. La pinacoteca di Brera, per fare un esempio, ha realizzato già da diverso tempo le didascalie per le famiglie, ha dato cioè attenzione anche a un pubblico che non potrà mai sentirsi a proprio agio tra pannelli didattici freddi o per specialisti. Brera, con questa e altre iniziative, si è posta il problema di comunicare in modo più semplice, senza banalizzare il messaggio. Questo atteggiamento significa avere una disposizione a capire che la comunicazione deve essere efficace. Se non si è fatto questo primo passo nel museo, difficilmente si potrà avere la capacità di veicolare anche un efficace messaggio del museo.

BRERA HA MESSO IN ATTO EFFICACI ATTIVITÀ DIGITALI

Non è un caso se dopo la chiusura dei centri espositivi a Milano, in anticipo sulle più stringenti misure nazionali, Brera sia stata tra le prime istituzioni a raggiungere il pubblico attraverso inedite attività digitali. Il risultato è stato ottimo in termini di traffico. Negli ultimi giorni più di 1 milione di utenti ha visitato il sito web della pinacoteca. Ma il direttore James Bradburne ha tenuto a precisare che non si tratta solo di un successo numerico, perché il museo non è solo un elenco di opere, è una comunità, è linsieme di tutte le attività che possono essere condivise. Anche quando, come nel caso dellemergenza di queste settimane, si deve stare a casa.

IL TERRITORIO E IL SUO RACCONTO

Cè poi un aspetto che molti musei trascurano in termini di comunicazione, ed è il loro rapporto con il territorio. Quando si parla di pinacoteche e gallerie civiche bisogna riconoscere che non tutte quelle presenti sul territorio nazionale hanno la medesima forza attrattiva, sottolinea Ricci. Detto in maniera un po brusca, non tutti i musei valgono il viaggio, soprattutto se vengono proposti da soli. Se invece si ha la capacità di raccontarli allinterno del loro territorio, allora acquisiscono un significato completamente diverso. Non cè niente di innovativo in quello che sto dicendo, tuttavia non è scontato che questo tipo di comunicazione abbia luogo da parte dei musei. Eppure è questo il lavoro più importante da fare.

MUSEI E GALLERIE VERSO UNA NUOVA CONSAPEVOLEZZA

Probabilmente, da questa crisi dei musei nascerà unaccelerazione e una nuova consapevolezza su questi temi. Forse, addirittura, unaccelerazione è già in atto. Molte realtà si stanno rendendo conto che non basta mettere sui social le opere darte come fossero figurine. Non sappiamo quanto durerà lemergenza dettata dal Covid-19. E nemmeno possiamo prevedere se nei prossimi mesi le misure di accesso ai luoghi darte imporranno limitazioni o nuovi modi di fruizione delle opere. Impegnarsi nel racconto di se stessi, per i musei, è lunico modo per costruire un nuovo tipo di rapporto con il pubblico. La valorizzazione del patrimonio artistico, dora in poi, passerà sempre più attraverso il suo racconto. Con o senza (speriamo senza!) lemergenza coronavirus.

https://www.lettera43.it/musei-digitale-coronavirus/


news

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

29-03-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 29 marzo 2020

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

Archivio news