LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

All’Unesco la «foto» dell’acqua alta. Fondazione Cini, 5 milioni di danni
Camilla Gargioni
Corriere del Veneto 25/3/2020

Distrutto il 50 per cento delle piante di bosso del chiostro. Impianti ko a Grimani e Ca’ Pesaro

VENEZIA.Tutti gli edifici e le istituzioni culturali simbolo di Venezia raccolte in una lunga lista, catalogate per danni subiti e interventi necessari al ripristino funzionale dopo l’acqua alta eccezionale dello scorso novembre.

La lista è stata fornita dal Mibact (ministero per i beni e le attività culturali) come materiale integrativo ai tre commissari Unesco, Bernhard Furrer, Réka Viragos e Tobias Salathé, che a fine gennaio hanno portato a termine l’«advisory mission» a Venezia. La commissione, di cui ancora si attende il report, è stata in città fino al 31 gennaio per stabilire se Venezia entrerà nella black list dei siti in pericolo o verrà riammessa in quella dei luoghi tutelati adeguatamente. La decisione era stata rinviata lo scorso luglio, dopo il dossier inviato da Brugnaro e l’annuale assemblea mondiale a Baku, concedendo tempo per far pervenire lo stato di avanzamento dei lavori per alleviare la pressione turistica, ambientale e delle grandi navi.

Nell’aggiornamento del dossier inviato dall’Italia e da Venezia a gennaio, c’è anche la lista dei beni culturali con i maggiori danni. Tra tutti spicca la Fondazione Cini, sull’isola di San Giorgio, che stima i danni causati dall’acqua alta per una cifra che supera i 5 milioni di euro: compromissione del pavimento in rovere degli anni Cinquanta, con distacchi e sollevamenti del sottofondo, tanto che alcuni palchetti risultano irrecuperabili in Sala Capriate, danni dovuti alle forti raffiche di vento, con distacchi e caduta di coppi dei tetti, danni a murature e intonaci e perdita del 50 per cento delle piante di bosso del chiostro, per citarne alcuni. Per la Basilica di San Marco, che è stata invasa dall’acqua alta per più di venti giorni consecutivi per un’altezza di circa 125 centimetri in corrispondenza del nartece, per circa 40 in corrispondenza della pavimentazione della chiesa e la cui cripta è stata completamente sommersa, è presente solo il costo per l’intervento di messa in sicurezza: poco meno di 4 milioni di euro. Si aggira attorno ai quattro milioni di euro la cifra necessaria per ripristinare la Fenice, dove sono già stati investiti 600 mila euro per i primi interventi: i danni al teatro si sono concentrati nei locali interrati, che l’acqua salmastra ha invaso per oltre un metro di altezza, compromettendo l’impianto antincendio, gli impianti idrici e l’impianto di depurazione. Stima di 600 mila euro poi per il museo di Palazzo Grimani, dove l’acqua ha danneggiato l’impianto elettrico che, andando in black-out, non ha poi consentito la messa in funzione del sistema di pompaggio. Altro museo particolarmente colpito Ca’ Pesaro, dove c’è stato un principio d’incendio, ma la documentazione insufficiente non ha consentito la quantificazione dei danni. Tra le chiese, molto danneggiata è la Basilica di Santa Maria Assunta a Torcello, dove risultano in corso gli approfondimenti diagnostici e la redazione dei progetti per interventi di manutenzione sugli apparati di rivestimento marmoreo, le sculture, le cortine murarie in mattoni, il portale storico in legno e la verifica della tenuta del manto di copertura. Presenti nella lista anche gli edifici storici dei licei e delle università veneziane, oltre alle biblioteche. Noti i danni subiti dalla Querini, che tra opere dell’Ottocento e Novecento e riviste e periodici, stima 170 mila euro per il recupero dei volumi grazie a una ditta specializzata bolognese. Alla Marciana, invece, sono stimati più di 340 mila euro di ripristino funzionale.Le cifre indicate nella lista, presenti solo per alcuni edifici, e gli interventi attuati fanno riferimento al mese di gennaio 2020, e per le quali è stato chiesto contributo ai fondi del Commissario delegato. La settimana scorsa sono arrivati gli 80 milioni per i danni denunciati da cittadini, imprese e enti pubblici.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news