LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ArT you ready? Un flashmob digitale per onorare il patrimonio culturale
Giuliano Volpe
The Huffington Post 29/3/2020


La maratona lanciata dal MiBACT. "I nostri musei, sebbene momentaneamente chiusi al pubblico, sono vivi e rappresentano lanima pulsante della nostra identità.
Il MiBACT ai tempi del Coronavirus sta dimostrando una vitalità e una creatività che fanno molto ben sperare. I musei, che fino a pochi anni fa ignoravano quasi del tutto la comunicazione digitale e la loro presenza sui social network era assai limitata, sono diventati molto attivi, in alcuni casi dimostrandosi più aperti ora che sono forzatamente chiusi. I direttori propongono visite guidate o approfondimenti di singole opere. Il canale youtube del MiBACT si è riempito di contenuti. La maratona LItalia chiamò ha avuto un grande successo con decine di interventi nellarco della giornata di venerdì 13 (sfidando anche la superstizione!).

Ora il ministero lancia per domenica 29 marzo il flashmob del patrimonio culturale italiano ArT you ready? nel quale si coinvolgeranno gli igers italiani: un termine, non a tutti noto, che indica gli instagramers, i tanti cioè che per professione o per diletto pubblicano foto su Instagram, specialmente su specifiche località o argomenti; sono comunità che raccolgono migliaia di persone. Ma sono invitati anche i semplici cittadini. Siamo infatti tutti un po igers quando fotografiamo un monumento, una scena, un luogo, e condividiamo limmagine su Instagram o altri social network.

Lobiettivo dichiarato delliniziativa è raccogliere, con gli hashtag #artyouready e #emptymuseum, migliaia di foto realizzate allinterno di musei, parchi archeologici, biblioteche e archivi dItalia, dando preferenza a quelle prive di persone. Foto che servono a ricordare che il patrimonio culturale, sebbene momentaneamente chiuso al pubblico, è vivo e rappresenta lanima pulsante della nostra identità.

Questa bella iniziativa assume, però, anche un altro significato di straordinaria importanza. Non voglio perdere loccasione per rimarcarlo: luso e il riuso delle immagini del patrimonio culturale. Forse non si ricorderà (in tempi di memoria assai labile) che fino al 2014 non era possibile fotografare nei nostri musei, al cui ingresso erano ben evidenti i cartelli di divieto. Solo da pochi anni, insomma, grazie alla legge sullArt Bonus, i visitatori di musei, gallerie, pinacoteche, aree archeologiche possono scattare liberamente fotografie, con lunica limitazione che non si utilizzi il flash e che le immagini siano utilizzate per finalità personali e culturali. Quella norma, peraltro, prevedeva che la liberalizzazione delle foto non riguardasse i beni librari e archivistici, per cui si è dovuto attendere il 2017, per una liberalizzazione generale, anche a seguito delliniziativa di un attivissimo movimento.

Tra le varie riforme promosse dal ministro Dario Franceschini, questa, che potrebbe apparire minima, è certamente tra le più rilevanti e segna una svolta quasi epocale. Quel divieto, infatti, era figlio di unidea proprietaria dei beni culturali, che ci ha tenuto lontani dallEuropa e dalla totalità dei paesi avanzati, dove musei, archivi, biblioteche non solo consentono di fotografare liberamente ma spesso mettono anche a disposizione sui propri siti web, ad alta risoluzione, immagini dei beni. Sempre di più anche i musei italiani (si pensi allEgizio di Torino) compiono passi da gigante in tale direzione, consapevoli che anche i possibili rientri economici non sono tanto quelli, del tutto risibili, dei canoni per luso di una immagine (a fronte di operazioni farraginosissime, tra richieste, risposte di diniego o autorizzazione, tempi lunghi, pagamenti con bollettini postali, costi del personale impegnato in tali operazioni) ma quelli ben più significativi derivanti dallindotto legato alla promozione del patrimonio, allinteresse che suscita nel pubblico, al desiderio di visitare un sito, un museo, una città, un territorio.

La battaglia, infatti, ora riguarda sia la totale liberalizzazione delle immagini per uso personale e per finalità di studio (si pensi ai costi sostenuti da un settore in difficoltà come quello editoriale, spesso con piccole case editrici specializzate che fanno fatica a sopravvivere) sia, anche se in maniera più problematica, il possibile riuso anche commerciale. Nellepoca di Instragam e della condivisione di miliardi di immagini, si può pensare che limmagine del bene culturale possa essere sottoposta al vincolo di canoni e di regole burocratiche? È non è forse questo il vero atteggiamento mercificatore e un po bottegaio?

Il patrimonio è una grande risorsa culturale e civile e lo è certamente anche sotto il profilo economico e sociale, perché può garantire forme di economia pulita e sana, di sviluppo e di lavoro: oggi più che mai sappiamo quanto ce ne sia bisogno. Ma i risvolti in termini di sviluppo si amplierebbero non certo con le poche migliaia di euro che quei burocratici canoni producono ma anche con la completa liberalizzazione delluso delle immagini, sfruttando tutte le potenzialità del digitale, che in questi giorni drammatici tutti stanno scoprendo.

La liberalizzazione delle immagini produce inoltre forme di fruizione allargata del patrimonio e sollecita la creatività e la partecipazione attiva, potenziando il ruolo dei professionisti dei beni culturali, dellassociazionismo e delle forze più vive della società civile.

In questi giorni una domanda ricorre frequentemente: cosa ci insegna questa drammatica esperienza? Come saremo dopo? Migliori o peggiori? Avremo dimenticato rapidamente e tutto tornerà come prima? Un insegnamento, tra i tanti, emerge con forza: il valore e il significato del patrimonio culturale, sentito da tutti e non solo da una piccola élite; per questo serve aprire, liberare energie, includere, coinvolgere.

La liberalizzazione delle immagini e lapertura ai dati non sia limitata solo alla fase dellemergenza ma diventi un caposaldo di un nuovo modo di dare valore al nostro patrimonio.

Ecco perché ArT you ready? di domenica 29 assume un significato ancor più forte e più alto di una semplice maratona delle immagini. È un invito alla partecipazione, alla creatività, alla sperimentazione di nuove forme anche di gestione del patrimonio culturale

https://www.huffingtonpost.it/entry/art-you-ready_it_5e7faaf3c5b6cb9dc1a1697b?ncid=other_email_o63gt2jcad4&utm_campaign=share_email


news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news