LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Un Picasso a 100 euro, la Natura Morta in palio alla lotteria
Stefano Montefiori
Corriere della Sera 31/3/2020

Liniziativa benefica in Francia, 200 biglietti in vendita

PARIGI. Un Picasso a 100 euro, e migliaia di persone avranno accesso allacqua potabile in Camerun, Madagascar e Marocco attraverso la ong Care. La produttrice tv franco-libanese Péri Cochin ha collaborato con il museo Picasso di Parigi per organizzare una lotteria a scopo di beneficenza e vendere 200 mila biglietti sul sito del museo, a 100 euro ciascuno.

Di solito i fondi vengono raccolti durante serate di gala accessibili a pochi, che oltretutto spesso si annoiano a morte e guardano lorologio perché non vedono lora di andarsene. Cento euro non sono una cifra irrisoria ma comunque molti anche non miliardari possono spenderli: per aiutare qualcuno meno fortunato in Africa, e comprarsi allo stesso tempo il sogno di possedere una tela di Picasso, dice Cochin.

Lestrazione prevista per ieri è stata rinviata, liniziativa lanciata prima di Natale si è scontrata prima con gli scioperi contro la riforma delle pensioni unepoca che sembra lontanissima poi con lepidemia di coronavirus. La nuova data immaginata è il 25 aprile alle 18 da Christies, a condizione che il blocco venga tolto il 15 aprile come annunciato dal governo in un primo momento.

Perché il biglietto vincitore venga tirato a sorte in diretta online rispettando le norme legali e le regole di trasparenza gli organizzatori devono riunire il notaio, i tecnici, gli uomini della ong Care e i rappresentanti delleredità Picasso, si legge sul sito. Bisogna quindi attendere la riapertura di Parigi, ma intanto i biglietti sono ancora disponibili e in vendita.

Il quadro, del valore stimato di un milione di euro, è stato messo a disposizione del museo Picasso dal più grande collezionista vivente dellartista spagnolo, David Nahmad, 72enne miliardario monegasco di origine libanese. Le opere darte di proprietà di Nahamd valgono circa tre miliardi di dollari, secondo una stima di Forbes, e 300 di queste sono dei Picasso. Ho proposto altri nomi, ma volevano solo lui, Picasso racconta Nahmad . È il nome che tutti conoscono, che ha qualcosa in più.

Nahmad è stato pagato con un milione di euro, perché gli organizzatori vogliono incoraggiare i collezionisti a rendersi disponibili a questo genere di operazioni, che potrebbero tenersi ogni anno.

Il dipinto di Picasso è una Natura morta datata 1921, un pezzo atipico perché lartista rivista il periodo cubista che è ormai dietro di lui, ma in modo più accattivante, dice al Parisien Laurent Le Bon, direttore del Museo Picasso. La scelta di partecipare a questoperazione è coerente con la personalità contraddittoria del pittore, criticato per come si comportava con le donne ma allo stesso tempo molto generoso.

Una prima edizione di Un Picasso a 100 euro si è svolta nel 2013 per raccogliere fondi a favore della salvaguardia della città libanese di Tiro. A vincere Luomo col cilindro dipinto da Picasso nel 1914 fu un 25enne americano, Jeffrey Gonano, che ha detto di considerare lopera come la sua assicurazione per la pensione.




news

21-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news