LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Impresa è cultura (e la nostra forza). Perciò dico sì al Fondo
Antonio Calabrò*
Corriere della Sera 31/3/2020

* L’autore è presidente di Museimpresa

«Gli italiani, abituati fin dal Medio Evo a produrre, all’ombra dei campanili, cose belle che piacciono al mondo». In questa sintesi perfetta Carlo Maria Cipolla, uno dei maggiori storici europei dell’economia, ha raccontato le caratteristiche principali della nostra impresa: le radici, il legame con i territori, la forza distintiva della bellezza e della qualità della manifattura, la vocazione internazionale. Cultura d’impresa, dunque, come chiave competitiva.

Una cultura politecnica, sofisticata e popolare, che sa legare le conoscenze umanistiche con quelle della scienza, Leon Battista Alberti e Leonardo, le scoperte di Galileo e la ragione illuminista dei Verri e di Beccaria nella Milano che si prepara all’industria, l’avanguardia artistica di Boccioni nella Città che sale e prefigura l’urbanistica e l’edilizia della metropoli (con il protagonismo di Gio Ponti con il Grattacielo Pirelli, simbolo del boom economico, giusto sessant’anni fa) e la chimica del premio Nobel Giulio Natta, che trasforma l’industria italiana con dimensioni mondiali. I teatri e la musica, sostenuti da parecchi imprenditori come mecenati. La cultura dell’Olivetti di Adriano, design e tecnologia. E quella d’una lunga serie di altre imprese che, appunto sulla qualità e l’estetica originale, continuano a fondare la propria capacità di «fare, e fare bene» e dominare così le nicchie a maggior valore aggiunto sui mercati del mondo. Non avremmo, insomma, sviluppo economico se le nostre imprese non fossero connotate da una robusta base culturale. La chiave dell’innovazione sta non tanto in un binomio «impresa e cultura» ma in una sintesi, «impresa è cultura». La nostra vera forza.

Museimpresa concorda, dunque, con la proposta, lanciata sul «Corriere della Sera» da Pierluigi Battista, d’un Fondo d’investimento per proteggere il patrimonio culturale. E condivide molte delle considerazioni avanzate sul tema da Federculture.

Investimenti

Servono cultura e scienza per progettare il futuro

Museimpresa, nata per iniziativa di Assolombarda e Confindustria, forte di oltre novanta iscritti tra musei e archivi storici d’imprese sia grandi (Leonardo, Ferrovie, Poste, Pirelli, Generali, Banca Intesa, Barilla, Touring Club, Fondazione Corriere della Sera, etc.) che medie e piccole, lavora sulla custodia della memoria come leva di consapevolezza storica e di rilancio dei valori delle imprese come attori sociali responsabili. E nella nostra identità c’è la consapevolezza del legame forte tra il patrimonio culturale e l’attitudine a costruire, appunto nelle imprese, lavoro, benessere, inclusione sociale. Cultura, cambiamento, solidarietà, in un orizzonte condiviso di sviluppo sostenibile, ambientale e sociale. Investire e valorizzare la cultura, la scienza, la ricerca, l’intraprendenza e la loro rappresentazione, soprattutto in tempi così dolorosi di crisi, è la via fondamentale per ricominciare a vivere e a crescere, progettando un futuro con maggiore e migliore equilibrio.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news