LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il museo è una creatura viva e pulsante
Francesca Bonazzoli
Corriere della Sera - Milano 4/4/2020

«Non è un luogo di polvere. Il mio pezzo preferito? Un abito del ‘700 della collezione di Mosè Bianchi»

Il suo ufficio, in via Borgonuovo, è prestigioso almeno quanto quello di re Giorgio. Armani, naturalmente. Che ha sede nell’edificio accanto. Tutte le mattine, quando Ilaria De Palma sale le scale del settecentesco palazzo Moriggia ed entra nella sua stanza con il parquet tirato a cera, i tappeti persiani, i mobili antichi e i libri che tappezzano le pareti, prova quasi soggezione, assicura. La vittoria di un concorso per il ruolo di conservatore l’ha catapultata a 35 anni, nel 2015, al timone del museo del Risorgimento, ospitato al piano terra, e del museo del Costume moda e immagine di Palazzo Morando di via sant’Andrea, altro luogo magico.

Consigli per chi vuole emularla nella carriera?

«Avere molta pazienza e studiare. Il requisito d’accesso per i concorsi di conservatore è la specializzazione post laurea, ma bisogna continuare a prepararsi su materie al di fuori della storia dell’arte. Occorre imparare a fare il bilancio, amministrare un budget, acquisire nozioni di diritto pubblico per capire come funzionano gli enti locali. E più lingue si conoscono e si parlano meglio è».

Quando ha deciso che voleva lavorare nei musei?

«Molto presto, durante uno stage con Francesca Tasso al Museo di arti decorative del Castello. Fu lei a suggerirmi di iscrivermi alla scuola di specializzazione. Intanto facevo diversi lavoretti di collaborazioni. Poi ho vinto il concorso per diventare custode alla Pinacoteca di Brera dove ho lavorato quattro anni: lì, osservando il pubblico per lunghe ore, ho imparato come funzionano sicurezza e vigilanza. Adesso so dove più servono allarmi e telecamere. E capisco bene le esigenze dei custodi: forse per questo non ho problemi sindacali».

Quali sono i pezzi che più ama dei suoi musei?

«L’enorme quadro di Domenico Induno “Il bollettino della pace di Villafranca”: un’opera bellissima che narra la storia dal punto di vista umano attraverso le reazioni del popolo alla notizia della pace; non una battaglia. Di Palazzo Morando sono invece affezionata a un sontuoso abito del ’700 della collezione di Mosè Bianchi, pittore ottocentesco che aveva una raccolta di abiti d’epoca con cui ritraeva le modelle in stile Settecento. Con quest’abito immortalò colei che divenne sua moglie».

Sono maggiori le difficoltà amministrative o quelle legate alla tutela?

«Io sento soprattutto il peso della responsabilità di tramandare al meglio, attraverso la comunicazione e la valorizzazione, un patrimonio importantissimo. Il museo deve essere una creatura viva, non un luogo di polvere. La parte amministrativa, invece, non è un problema: sai come sono le regole e ti ci attieni».

In questi mesi di chiusura come avviene la manutenzione delle opere?

«La vigilanza è continua e io intervengo su segnalazione di eventuali problemi. In vista della riapertura, cercheremo assieme ai custodi nuove soluzioni per le scolaresche e i gruppi».

Nei ruoli di project manager degli eventi «Leonardo mai visto» al Castello e di co-coordinatrice del palinsesto «Leonardo 500», ha notato differenze con i colleghi stranieri?

«All’estero gli organigrammi sono molto più ampi. Ma i musei italiani riescono a ottenere lo stesso risultati eccellenti e questo ci rende orgogliosi».

Che cosa farebbe apparire con una bacchetta magica?

«Più spazi per i depositi visitabili in modo da valorizzare le collezioni. Sto lavorandoci, anche senza magie».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news