LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. «Costretti a spacciare volumi di nascosto». Ventuno librai scrivono a Franceschini
Fabio Postiglione
Corriere del Mezzogiorno - Campania 5/4/2020

NAPOLI. L’emergenza per le librerie indipendenti della Campania è una fitta al cuore. Perché non sono state considerate come «attività essenziali» per la comunità dai decreti del premier Conte. E perché hanno visto sfumare i benefici delle tanto attese «Disposizioni per la promozione e il sostegno della lettura», che avrebbero dovuto portare una boccata d’aria per tutti.

Così è stata scritta una lettera firmata da ventuno librerie indipendenti della regione (ma già in settimana se ne aggiungeranno altre) che ha come destinatario il ministro della Cultura Dario Franceschini.

È un grido di dolore che reca un numero in calce: 47 milioni. Questo il dato stimato delle perdite nel solo mese di marzo per le librerie in tutta Italia per la chiusura necessaria a contenere la diffusione del coronavirus. Il rischio di assembramenti nelle librerie era ritenuto troppo alto e per questo si è deciso per la serrata. Ma come spiegano libraie e librai si sarebbe potuto procedere anche ad aperture volontarie, nel rispetto delle regole del distanziamento sociale, perché nel decreto non è specificato espressamente che le librerie dovevano restare chiuse: «Perché come i giornalisti anche noi divulghiamo informazioni e cultura». «Vogliamo precisare che la chiusura non è dipesa da un mero obbligo di legge. Ben si sarebbe potuto discutere sul carattere necessario della nostra attività. Se si fossero voluti cercare dei varchi possibilistici, questi non sarebbero stati privi di valide argomentazioni giuridiche. Non lo abbiamo fatto - scrivono i librai - perché ci sono i valori attorno ai quali una comunità si stringe perché univocamente condivisi. Come cittadine e cittadini, prima ancora che come libraie e librai, abbiamo sentito e creduto giusto fermarci perché nulla era ed è più importante della tutela della salute pubblica».

Così in molti hanno eliminato eventi in libreria ben prima che questo fosse consigliato o imposto, alcuni hanno poi rinunciato all’idea di consegnare a domicilio. Ma le cifre delle perdite non lasciano alcuno spazio all’ottimismo. L’analisi sull’impatto che l’emergenza ha ed avrà sul settore nel 2020 riporta numeri raggelanti: 47 milioni di mancati incassi nel solo primo mese, secondo il presidente Paolo Ambrosini dell’associazione librai indipendenti, 18.600 i titoli pubblicati in meno, 39,3 milioni le copie non stampate per l’associazione italiana Editori. «Auspichiamo che si intervenga presto, magari con una norma ad hoc ed in linea con i propositi della legge recente», dicono. E chi può distribuisce e regala cultura con ogni mezzo alternativo al negozio.

Nadia e Diego della libreria Libridine di Portici sono stati in grado di convincere lettori e appassionati a girare video con fiabe e letture da inviare a una lunga lista di contatti telefonici e ora anche le fiabe in Lis (la lingua dei segni) a cura di Cinzia Pizzardi, per non lasciare nessuno indietro.

Raimondo di Dante & Descartes di Napoli si dice stupito perché dopo 40 anni esce per fare consegne come un contrabbandiere, quasi di nascosto. I titolari della libreria Cicciapelliccia di Baronissi cercano ogni giorno di proporre video letture, teatrino delle ombre, spettacoli con le marionette per intrattenere i bambini «ma soprattutto per continuare a farci conoscere dato che avevamo aperto da poco».

L’Acrobata di Mugnano di Napoli ha adattato le rubriche al periodo con video lettura ed audio lettura divisi per giorni, dedicati ai piccoli e ai loro genitori. La libreria Che Storia ogni giorno da 20 giorni pubblica video letture per la buonanotte e consigli di lettura e qualche attività semplice per impegnare i bambini e le bambine. «Oggi più che mai chiediamo che ci si faccia comunità e, finito quest’inferno, ci si schieri a favore ed in difesa della cultura ed i suoi presidi di vigilanza attiva sui territori, e che si percepisca come profondamente ingiusto ed intollerabile che anche solo uno di questi sia costretto a chiudere», concludono.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news