LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Conservazione e conversazione. Ipotesi di futuro per i musei
Marco Bazzini
Artribune 5/4/2020

A differenza di quanto accaduto durante le guerre, i musei oggi non devono salvaguardare la conservazione delle opere, ma la conversazione con il pubblico. Al momento solo online, ma in futuro questo approccio dovrà tradursi in azioni sul campo. Le riflessioni dello storico e critico darte Marco Bazzini.

Per fortuna non siamo in guerra. Questo non significa che la situazione non sia assai grave e che le conseguenze non siano importanti. A essere travolto dalla pandemia che ha ribaltato le nostre vite è anche il mondo dellarte e dei musei, con risvolti ancora tutti da immaginare. Nonostante le incognite, credo sia possibile avanzare qualche riflessione per questi tempi di attraversamento a favore di quegli che verranno. Le guerre, quelle vere purtroppo, sono e continuano a essere in altre parti del mondo. Se veramente una infuriasse anche da noi, il mondo dei musei sarebbe stato chiamato alla difesa e allevacuazione delle collezioni. Emergenza a cui davvero dovettero rispondere allinizio degli Anni Quaranta del secolo scorso i funzionari dellallora Direzione Generale per lAntichità e Belle Arti del Ministero dellEducazione Nazionale (allora i beni culturali non avevano un ministero autonomo), quando più volte dovettero traslocare i più importanti tesori artistici italiani fino a portarli in Vaticano (durante la Seconda Guerra Mondiale godeva di immunità territoriale) o in sperdute località alpine in modo da salvaguardarli nella loro integrità. E quando questo drammatico periodo imposto dal COVID-19 finirà, non sarà necessario dare vita a un nuovo Istituto Centrale per il Restauro come avvenne sempre nel secondo dopoguerra, perché di danni fisici al nostro immenso patrimonio non dovrebbero essercene. Quindi, fortunatamente, non si impone alcun problema di conservazione per i nostri musei, questione che appunto ci fa sostenere che stiamo vivendo qualcosa di estremamente grave ma diverso da una guerra.
Eppure anche questa volta e in un così inimmaginabile frangente chi lavora in un museo una chiamata dallemergenza lha ricevuta. Una chiamata che, con la semplice inversione di due consonanti, potremmo dire, riguarda la conversazione e non più la conservazione. Attenzione, non è un semplice gioco di parole, perché gli artisti nel secolo scorso ci hanno insegnato che in arte anche il più piccolo spostamento dà origine a una nuova possibilità creativa e interpretativa.

MUSEI E DIALOGO

Infatti, in questo strano periodo che ci vede tutti chiusi nelle proprie case, i musei sono stati chiamati a mantenere aperto il dialogo con il pubblico. La reazione è stata quella di spostare la loro attiva presenza nella grande e magmatica rete social. Si è assistito a una frenetica corsa alle più diverse piattaforme dove sono andati in streaming i più diversi palinsesti, non tutti però con la stessa qualità. Infatti, come ogni emergenza, anche questa ha colto di sorpresa, ha colpito e costretto ad attivarsi quando non si era preparati. Ma nonostante le luminose sale dei musei talvolta siano state sostituite da stretti e un po oscuri salottini, quello che è successo è stato un passo decisivo e importante verso un mondo che almeno in Italia era rimasto fortemente emarginato. La speranza è che lo stare online di questi giorni, e di quelli purtroppo a venire, abbia superato i pregiudizi in cui era confinato ma abbia anche aperto gli occhi sulla irrinunciabile questione che i social, anche quando riguardano i musei, hanno bisogno di strategie e personale specializzato perché si sviluppi tutta la loro potenzialità. Quanto accade in questi giorni è comunque unottima palestra.
Credo, però, che il lato della conversazione non si possa esaurire soltanto virtualmente ma che debba diventare la vera altra missione, il vero altro polo a cui debba rispondere il museo post COVID-19. Infatti, il futuro del museo è essere sempre di più legato alla collettività di riferimento; a formare pubblici che devono generare senso di comunità. I musei dovranno essere luoghi di scambio in cui vivere vere esperienze, luoghi di verifica di valori condivisi e irrinunciabili dove alloffrire non deve semplicemente seguire il ricevere, come in uno scambio commerciale, ma da questo binomio far sbocciare il restituire, sia da parte del visitatore che del museo. Il museo dovrà mettersi in maniera ancora più aperta al servizio della città e dei suoi cittadini anche quando saranno cittadini provvisori come sarebbe più giusto considerare i turisti che, auguriamoci quanto prima, torneranno a visitare le sale ricche di opere e i nostri storici monumenti insieme agli altri visitatori.

NUOVI SCENARI NON SOLO VIRTUALI

Ho da sempre creduto che il museo debba oscillare tra conservazione, il suo vero essere da sempre, e conversazione. Oggi sono sempre più convinto che questo moto pendolare dovrà essere sempre più ritmico e frequente (oltre che frequentato). Una suggestione che non soltanto ritrovo nelle riflessioni solitarie di questi isolati giorni, ma anche nelle parole di Sir Nicholas Serota: Nel ventunesimo secolo i musei migliori saranno quelli che creeranno spazi per la conversazione, il dibattito e lo scambio di idee, non meno che per listruzione. Parole tratte dallintroduzione al libro Pezzi da museo (edito qualche mese fa da Sellerio e fortemente consigliato come lettura) e che ora risuonano in modo diverso al fine di aprire diversi scenari per il ruolo del museo nel mondo che verrà. Ma non sarà un passaggio automatico, le nuove idee andranno imposte (e questo riguarda anche le novità per quanto riguarda lambiente, la politica, leconomia, ecc.). Solo così il futuro sarà diverso da quanto abbiamo conosciuto fino a poco più di un mese fa.

https://www.artribune.com/arti-visive/2020/04/musei-futuro-coronavirus/


news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news