LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Trento. Le librerie in affanno. Con tempi lunghiè complicato resistere
Sara Hejazi
Corriere del Trentino 8/4/2020

Amazon record di incassi, luoghi della cultura chiusi
La Piccola libreria: Cambiare? Prima riapriamo
Àncora: Dobbiamo rivedere tutta la filiera del libro

TRENTO. Sono ormai quattro settimane che gli esercizi commerciali sono chiusi. Tra questi, anche le librerie che oltre a essere imprese svolgono un ruolo sociale cruciale per la vita culturale del territorio, organizzando e promuovendo eventi, incontri con autore e gruppi di discussione e confronto.

Lultimo giorno di normalità è stato il sabato 7 marzo racconta Federico Zappini, libraio assieme alla socia Elisa Vettori della Due Punti di San Martino a Trento. Poi, poco per volta tutti gli esercizi commerciali sono passati attraverso il setaccio dellessenzialità, cosa che ha incrementato in modo esponenziale i consumi e gli ordini su Amazon, che in questo periodo ha lo stesso numero di ordini che ha sotto Natale. Ma se Amazon vive il suo periodo doro, che fine ha fatto tutta lattività culturale movimentata dalle librerie del territorio? Sembra essere passata online continua Zappini Questo è un bene per un breve periodo perché aiuta a non sentirsi abbandonati. Ma bisogna chiedersi come faremo a riportare le persone nello spazio pubblico.

Per Simone Berlanda, direttore della libreria Àncora-Artigianelli, gli eventi culturali online rischiano di creare unofferta eccessiva, diminuendo la domanda: Si rischia che sia un ambito inflazionato, che perde la sua attrattiva. E non sostituisce lo stare con la gente, con gli amici. Soprattutto se si considera che attorno a una libreria vive e respira unintera comunità di lettori , scrittori ed editori. Noi ci siamo chiesti come tenere attive le relazioni con la nostra comunità racconta Zappini Così abbiamo iniziato a consegnare di persona libri in città, lasciandoli alledicolante aperto, oppure spedendoli via posta. Con lo stesso fine è nata anche liniziativa Libri dasporto che racconta Lisa Orlandi, titolare della piccola Libreria di Levico consiste in un fondo messo a disposizione dagli editori per pagare i corrieri per la consegna a domicilio dei libri, di modo che i librai non debbano accollarsi le spese di spedizione. La libreria Ancora-Artigianelli si è invece appoggiata alleditore Roberto Keller per fare pervenire i libri a casa dei propri lettori.

Ma se la consegna a domicilio è una piccola toppa in uno scenario che a oggi è incerto, bisognerà capire come affrontare mesi a venire in cui la maggior parte degli eventi culturali sono stati annullati o rimandanti: così il Festival della Montagna e dellEconomia, che, come fa notare Zappini, erano centralizzatori della proposta culturale. Cè da chiedersi, insomma, quali saranno le caratteristiche future di una libreria che riapre? Dovremo innanzitutto capire se riusciremo ad aprire e poi a cambiare, precisa Lisa Orlandi, perché ci sono spese vive da sostenere anche se la libreria è chiusa. La mia padrona di casa ha detto che ad aprile posso sospendere il pagamento dellaffitto, ma poi dovrò ripagarlo. Noi non abbiamo il tipo di backup che hanno i grandi franchising. Per poter riaprire bisogna che la chiusura abbia un tempo limitato: Una libreria non ha cassa infinita, non può stare chiusa 6 mesi conferma Zappini E non è unazienda che ha bisogno di un finanziamento da restituire in 24 mesi. Servirà dunque unazione politica che chiarisca come e se ridare spazio ai negozi della prossimità, come le librerie. Senza contare che, come dice Berlanda, anche quando riapriremo dovremo comunque fare il conto con un periodo di crisi, con lettori che avranno perso il proprio lavoro, con un nuovo modo di frequentare i luoghi pubblici. Come prepararsi dunque? Facendo rete dice Zappini, ponendo laccento sulla necessità di creare sinergia tra tutte le librerie della città. Poi bisognerà tornare a puntare sulla sostanza gli fa eco Berlanda che coinvolga tutta la filiera del libro: dalleditore, al distributore, al libraio. Bisogna ragionare e capire cosa valga davvero la pena pubblicare, specie se si considera che la nuova legge di questi giorni riduce lindice di sconto sul libro al 5%. Bisognerà insomma ragionare anche sul prezzo finito del libro, che non può essere troppo alto. Per Lisa Orlandi bisognerà cambiare ritmi: Listeria e la velocità sono stili di vita destinati a scomparire. Anche noi librai avevamo questo approccio, per dare a un certo tipo di lettore quello che voleva. Ma non sarà più così.



news

11-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news