LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Toscana. Barni: Al lavoro per le urgenze della cultura
Chiara Dino
Corriere Fiorentino 8/4/2020

Sbloccati 450 mila euro per i cinema dessai. Adesso pensiamo a Ort, Maggio, Fiesole

Nellelenco di chi potrà beneficiare dei fondi della Regione ci sono cinema epici come lArsenale di Pisa, i Quattro Mori di Livorno, lo Stensen, la Sala Esse, il Portico e il Principe di Firenze. Sono una sessantina le sale toscane riconosciute come Cinema dessai che potranno attingere da subito a una scorta di 450 mila euro appena messe a disposizione dalla nostra Regione.

Si tratta dei fondi bloccati da un triennio (2018/19/20) spiega lassessore alla Cultura della Regione che abbiamo deciso di sbloccare per tamponare lemergenza di questi giorni. Il perché di questo stop ce lo spiega Stefania Ippoliti, responsabile dellarea cinema della Fondazione Toscana Spettacoli: Normalmente questi contributi vengono erogati dopo che il ministero ci fornisce lelenco delle sale cinematografiche che ne hanno diritto rispetto a una serie di parametri di qualità che comprendono, tra gli altri, il sostengo ai film dautore italiani ed europei. Ma visto che questo elenco non era ancora arrivato lassessore Barni ha deciso di erogare comunque il fondo in base a unautocertificazione richiesta alle varie sale. Non sarà lunico contributo che la Regione proverà a erogare per sostenere un comparto, come quello dello spettacolo e della cultura fortemente provato dallo stop per lemergenza sanitaria. Oggi aggiunge Ippoliti ci incontreremo grazie a una riunione convocata da remoto con Monica Barni per avanzare delle altre richieste a favore del cinema.

E non solo di cinema nei prossimi giorni si dovrà ragionare nelle stanze dellassessorato alla Cultura della Regione Toscana. Aggiunge Barni: In questo momento stiamo ascoltando tutti gli operatori culturali che fanno capo a noi per sentire quali sono le loro urgenze, penso allOrt, al Maggio, a Palazzo Strozzi, al Teatro della Toscana o a alla Scuola di Fiesole e a vari Festival. Capiremo se e come fare da tramite con il Governo per poter attingere ai fondi per la Cassa integrazione o per avere dei contributi fissi. E poi ci sarà da affrontare il tema enorme e delicato del Fus. Normalmente uno dei criteri per lassegnazione dei Fondo unico per lo spettacolo è quello legato al numero di alzate di sipario. Ma questo non sarà più valido adesso. È un tema che stiamo affrontando con il Ministero. Ci teniamo in contatto con Roma quasi tutti i giorni per capire come si muoverà e per fare da consulenti ai nostri operatori culturali. Il nostro compito principale in questo momento è sostenere il mondo della cultura e dello spettacolo con tutti i mezzi a nostra disposizione. Da remoto, come questa chiacchierata fatta con il giornale da casa a casa. Come tutti.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news