LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

E Siena riparte dal restauro delle sue porte
Giulia Maestrini
Corriere Fiorentino 14/4/2020

Subito 150 mila euro per gli arredi di ferro e di legno delle prime tre: «Pezzi della nostra anima»

SIENA. «Cor magis tibi Sena pandit» c’è scritto su Porta Camollia, Siena ti apre un cuore più grande (della porta che stai attraversando): non solo memoria storica, ma promessa di accoglienza a cui i senesi sono, ancora oggi, legati.

Non è forse un caso, allora, che per guardare al futuro e al tempo stesso rafforzare il legame con l’identità, Siena decida di ripartire proprio dal restauro delle sue porte. La giunta comunale, infatti, ha appena deliberato il primo dei due interventi di manutenzione delle porte inseriti nel Piano triennale dei lavori pubblici: 150 mila euro subito per Porta San Marco, Pispini e Laterina, altri 125 mila nel 2021 per le altre, Ovile, Tufi, Romana, Camollia e Antiporto di Camollia che sono meno danneggiate e, quindi, meno urgenti. «Siamo partiti da quelle che presentavano maggiori criticità — spiega l’assessora ai lavori pubblici, Sara Pugliese — come San Marco che lo scorso ottobre era stata danneggiata ulteriormente dall’urto di un autobus. Vogliamo evitare che accada come con Porta Camollia, in passato lasciata troppo a lungo senza manutenzione fino a marcire. I senesi sono legati al loro territorio e alle porte che ancora oggi rappresentano l’accesso alla città: il nostro indirizzo è quello di tutelare, con queste, anche la storia e l’anima di Siena».

Per adesso la giunta ha approvato il piano di fattibilità tecnica ed economica del primo lotto e gli uffici lavorano per implementare la progettazione così che, quando i cantieri saranno sbloccati dopo l’emergenza Coronavirus, si potrà lavorare rapidamente. «Nel nostro piano iniziale — aggiunge Pugliese — i lavori a Porta San Marco sarebbero dovuti terminare a metà giugno, Laterina e Pispini entro l’autunno: adesso, però, è tutto da rivedere». Nella cerchia più esterna delle mura medievali che ancora cingono Siena, si aprono oggi nove porte (ma nelle variazioni urbanistiche, attraverso i secoli, se ne sono contate circa 40): le parti murarie sono di proprietà del Demanio dello Stato, mentre i manufatti lignei e gli elementi in ferro sono competenza del Comune e sono quelli più danneggiati dall’usura del tempo, il traffico, lo smog, gli agenti atmosferici . «Necessitano di cura e manutenzione — conclude l’assessora — perché possano preservare la loro integrità e il valore storico, urbanistico ed antropologico». Dove possibile i lavori dovrebbero essere realizzati sul posto.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news