LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Librerie, a Bari buona la prima. Carofiglio in coda da Laterza
Corriere del Mezzogiorno - Puglia 15/4/2020

Bari. Nessuna ressa o assalto. Ma file ordinate di clienti responsabili. Muniti di guanti e mascherine e a debita distanza l’uno dall’altro. Con buona pace dei detrattori che alla vigilia avevano preannunciato pericolosi assembramenti o lunghe code. Ripartenza all’insegna della tranquillità e di una parziale normalità per librerie, cartolerie e negozi per l’infanzia, che dopo circa un mese di stop hanno potuto anche a Bari e nel resto della Puglia rialzare le serrande. Così come previsto dall’ultimo dpcm. Sì a libri, pennarelli, quaderni e abbigliamento per bambini, ma in molti casi solo per metà giornata.

L’orario pieno ritornerà, ma non in questa primissima fase. E così clienti e appassionati di lettura non sono mancati ad esempio nella Libreria Laterza di via Dante, dove nelle prime quattro ore di vendita il registratore di cassa ha segnato le sessanta vendite. Tra i clienti più famosi lo scrittore Gianrico Carofiglio e il rettore dell’Università Aldo Moro, Stefano Bronzini. «La riapertura delle librerie è il recupero di un senso normalità» le loro primissime parole, tra una selva di fotografi e operatori tv a riprendere questo seppur anomalo ritorno alla quotidianità. «È andata molto bene e abbiamo consentito l’ingresso a un massimo di otto persone alla volta. Sono venuti anche diversi genitori per acquistare libri per i propri figli - tira le somme Maria Laterza -. Evidentemente c’è voglia di bellezza. E dobbiamo ripartire a piccoli passi». Per ora la libreria osserverà solo aperture mattutine. «Un segnale di sobrietà, ma anche di rispetto per i lavoratori. E soprattutto per motivi di sicurezza» spiega ancora Laterza. In un centro murattiano praticamente deserto – restano ancora chiusi negozi di abbigliamento, bar e ristoranti – le ore pomeridiane hanno l’atmosfera del coprifuoco.

Resta ancora chiusa la Feltrinelli di via Melo, al cui interno sono iniziate da ieri le operazioni di sanificazione. Secondo le prime indiscrezioni lo store potrebbe riaprire i battenti lunedì 20 aprile. E poi non mancano le librerie che hanno deciso tenere le serrande abbassate: si va dalla barese Prinz Zaum di via Cardassi alla Ubik di piazza Giordano a Foggia. «Non ci sarebbero – spiegano dalla struttura dauna - le condizioni adeguate per svolgere il lavoro di libraio e, non ultimo, per assicurare piena sicurezza sanitaria a lavoratori e lettori. Ingressi contingentati, impossibilità di visionare o sfogliare i libri, preclusione di qualsiasi rapporto tra lettore e libraio non tengono conto del valore e della modalità operativa della professione del libraio».

E se per le cartolerie è andata abbastanza bene – la scuola è sì chiusa, ma lezioni e compiti a casa continuano – qualche difficoltà interpretativa arriva per gli articoli di prima infanzia. Se ad esempio H&M ha riaperto in via Sparano solo lo spazio espositivo per bambini, lo stesso non si può dire per le mercerie al cui interno c’è anche la vendita di articoli per la prima infanzia. E così alcuni commercianti si sono rivolti al Comune e alla polizia locale per avere chiarimenti, girati poi alla prefettura. Identico problema anche per i negozi premaman. «Possiamo riaprire?» la domanda dei commercianti (a Bari sono almeno cinque le attività specializzate in abbigliamento per donne in gravidanza).

Nello store Babylandia di via Napoli al via la vendita in sede di alimenti, abbigliamento, pannolini, cosmesi e detergenza per bambini. Ma senza accessi. Ogni cliente deve attendere fuori e consegnare la propria lista ai commessi.



news

22-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news