LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Poche code, molti dubbi. A Firenze metà librerie scelgono di restare chiuse
Jacopo Storni - Edoardo Semmola
Corriere Fiorentino 15/4/2020

Il primo giorno di riaperture di librerie, cartolerie e negozi di vestiti per bambini porta con sé poche code ma molti dubbi, dalla sanificazione agli articoli che si possono effettivamente vendere. A Firenze metà delle librerie hanno preferito restare chiuse, almeno per adesso.

È chiuso, mi dispiace. Alessandro della libreria Florida, in piazza Dalmazia, rimane sulla soglia. Il bandone è aperto, ma non si può entrare. Ma come? chiedono due avventori. Ieri ci avevi detto che. Lui allarga le braccia e da dietro la mascherina spiega: Eravamo pronti ma la Regione ci ha colto in contropiede: quando è arrivato il testo dellordinanza era già Pasquetta, sapevo che avrei potuto riaprire oggi (ieri, ndr ) e mi ero preparato. Poi ho letto che non bastava una sanificazone fatta da noi, ci voleva unapposita ditta, che fino a domani non può venire e inoltre ha bisogno di sei ore in più perché il prodotto purificante si depositi. Riapriremo giovedì. Questa scena ieri mattina si è ripetuta quasi uguale svariate volte. Anche alla Marabuk in via Maragliano, alla libreria On The Road in piazza Giorgini. Mentre in piazza Salvemini nemmeno lo sapevano. Infatti erano aperti: Ho pulito tutto con varichina e olio di gomito. Non mi verranno mica a dire che non basta? si chiede allarmato Mauro. Io una ditta di sanificazione non la pago, ho avuto un solo cliente tutta la mattina e non ne vale la pena.

Chi lha fatta e con tutti i crismi per tutto sabato e domenica di Pasqua, la sanificazione, è Libraccio in via de Cerretani. Che infatti è aperta e ha visto pure formarsi una coda. Diamo gel disinfettante e guanti a tutti racconta la responsabile Roberta Perugini I clienti sono stati bravissimi, tutti o quasi a distanza e con mascherina. Solo due hanno provato a entrare senza. Per fortuna qui davanti cè una macchina della polizia e ci pensano loro. Alle 12 erano in otto in coda da Libraccio. Girare tra i libri era una delle cose che mi mancava di più dice un cliente. Un giovane e compra Il libro dellinquietudine di Pessoa. Una signora sceglie 21 lezioni per il ventunesimo secolo di Harari. Unaltra ragazza Il colibrì di Sandro Veronesi. Coda anche dai salesiani di via Gioberti: Ho servito 49 persone soltanto la mattina racconta il titolare Angelo Rizzone I clienti hanno fame di libri, molti gialli e zero saggistica. Sono chiuse le Giunti al Punto e Feltrinelli, ma solo per pochi giorni ancora. Rimanda tutto al 20 aprile la San Paolo delle Edizioni Paoline al Duomo ma i dipendenti stanno già lavorando per la ripartenza. Mezza aperta Todo Modo: solo consegne dallo sportellino. Come lAlzaia di viale don Minzoni, dentro lo Stensen e la Piccola Farmacia Letteraria. Molte hanno scelto di restare chiuse, disapprovando il decreto governativo. Altre hanno preferito iniziare con aperture su appuntamento. Comprese quelle prese in contropiede. Tante poi sono in preda ai dubbi: cosa si può vendere e cosa no? Libri essenziali, ma i giocattoli?

Delle tre tipologie di esercizi che potevano riaprire ieri, secondo i dati di Confersercenti le librerie hanno detto sì al 50%, le cartolerie all80 e i negozi per bambini al 70.

Alla cartoleria di viale Lavagnini, un telo di plastica separa la clientela dai titolari, mentre per terra ci sono pezzi di scotch bianco che delimitano le distanze. Aperta anche quella di via San Gallo: Molti dei nostri clienti sono genitori di bambini delle scuole elementari che cercano matite e pennarelli. E la Ostolani, piazza degli Ottaviani con pochi clienti, chiedono fotocopie, carta e quaderni, abbiamo sanificato tutto.

Marco Lottini di Mondo Birbo (viale Giannotti) ha dovuto chiamare la commercialista per capire se assieme a tutine per neonato e abbigliamento poteva vendere anche giocattoli. Abbiamo pulito il negozio creato da soli delle strisce per distanziare la clientela, predisposto gel e guanti allingresso e cercato di chiudere alcuni reparti racconta non facciamo entrare chi non ha la mascherina. Mentre Stefano Aiazzi de Lo Scoiattolo (via Gioberti) ha notato che molti sono venuti per le scarpe perché il piede del bambino era cresciuto. Abbiamo scritto alla Regione per avere chiarimenti dice il direttore di Confcommercio Toscana Franco Marinoni Le prescrizioni sono pesanti, non si capisce perché per i negozi al dettaglio è disposta una distanza di 1,80 metri mentre nella grande distribuzione è di un metro. Cè anche da capire cosa si intende per sanificazione straordinaria e se va affidata a ditte specializzate. È un aggravio dei costi, non so quanti decideranno di riaprire. In molti mi hanno detto che aspettano più chiarezza. E Lapo Cantini di Confesercenti Firenze, sottolinea che stanno arrivando tantissime richieste di chiarimenti da parte delle imprese, molti vogliono riaprire ma è complicato. Molti avranno bisogno di qualche giorno in più. Sarà comunque una riapertura nel dubbio.



news

02-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 2 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news