LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pieve a Celle. Salviamo questa casa dartista
Mario Ruffini
Corriere Fiorentino 15/4/2020

Giuseppe Gavazzi, sensibilissimo maestro del restauro delle pitture murali, miracoloso scultore del non finito nella scultura lignea, o scultore di terracotta col suo popolo dallo sguardo ingenuamente remoto, addensa ogni atto creativo nel suo straordinario laboratorio medievale, senza tempo, dipinto e sovraccarico. Era un giorno triste, più malinconico di altri: così Gavazzi ricorda il momento in cui nacque la sua prima scultura. Colpiscono in lui il sentimento di solitudine e lo spiritus creator.

La solitudine non mi è mai nemica: un assunto quasi profetico in questo drammatico periodo nel quale tutti noi siamo obbligati alla solitudine. Ma si può essere soli in quel paradiso nascosto fra le colline del pistoiese di Pieve a Celle, la sua casa-laboratorio che è opera darte essa stessa? Gavazzi è creatore per esigenze di natura, e non darte. La sua è una disciplina che ha dentro il mistero della cultura arcaica e il fascino seducente della modernità, che ferma in concreta materia scultorea figure, gesti e pensieri, con temi quali la maternità, i bambini, il cavallo.

Alla metà degli anni 90 risalgono i primi affreschi, di cui la facciata del suo laboratorio Le quattro stagioni costituisce un esempio che ormai segna iconograficamente il territorio di quella valle pistoiese. Il grande affresco ci obbliga ad accostarci al laboratorio di Gavazzi per vivere unesperienza carica di emozioni, poiché il lavoro nel suo farsi era lì colto nellintimità e nella solitudine del pensiero creativo. Quella bottega dartista era un gesto intimo, un viaggio metafisico in un luogo magico dove gli stessi strumenti di lavoro vengono ideati e forgiati alloccorrenza. Allinterno vecchie scaffalature accolgono miriadi di vasetti con pigmenti ordinati per colore e tipologia, e arnesi da lavoro recuperati dalla tradizione artigianale. Di ogni strumento Gavazzi spiega luso originario: è un viaggio nella storia dellarte italiana, attraverso gli occhi di chi, per una vita, ha restaurato tra gli altri i più grandi capolavori di Giotto, Ambrogio Lorenzetti, Paolo Uccello, Piero della Francesca, Ghirlandaio, Andrea del Sarto, trasferendo la conoscenza di restauratore nello spirito creativo dartista. Lavorava a mano, da solo, con martello e scalpello. Colpiscono le dimensioni colossali delle sue opere e lestrema forza che il maestro metteva nellaffrontare il lavoro. La visita allo studio prosegue con lillustrazione degli arnesi e degli strumenti di lavoro, mentre i pigmenti ben ordinati mostrano le varie gradazioni dei colori: il macinino che serve per trarre la polvere di minerale, il mortaio di lega in bronzo per pestare e impastare In Gavazzi e nella sua bottega si riuniscono il mestiere degli artigiani medievali: in lui la scultura riflette la coscienza della storia.

Vivissima è in Gavazzi lidea del tempo. Il tempo delle stagioni, della vita che scorre eppure è ferma, quello naturale del ciclo lunare o dellartigiano medievale. Egli ricorda che per realizzare una scultura in legno bisogna tagliare lalbero in inverno (e quando la luna è calante), momento in cui la vita rallenta, come quella odierna nella nostra forzata sospensione dalla vita: aleggiano qui una saggezza e una conoscenza oggi perdute. Il suo luogo incantato fra le montagne pistoiesi permette di osservare il manifestarsi del tempo, che nel laboratorio gavazziano si incontra, si percepisce, si tocca, osservando la facciata che accoglie il cauto e abbagliato visitatore e che raffigura, nelle simboliche concretizzazioni di quattro volti di donna, Le quattro stagioni . Unopera che evoca lirrevocabile destino umano delle cose che passano, e tornano, sempre diverse e uguali.

La casa laboratorio vive ancora oggi come accadeva nei tempi antichi: piena di attrezzi per le diverse esigenze dello scolpire una pietra o un legno, fondere un bronzo, plasmare la terracotta o costruire un cavallo in stuccoforte (che è un miscuglio di resina, vinavil, carbonato di calcio, pomice, sabbia, tessuto di lino e canapa). Si staglia a bella vista un barattolo col blu lapislazzuli, pietre arrivate da un mercante del Bangladesh: impasto di cera dapi, ragia di pino, pece greca, olio di lino e acqua ragia, pietra macinata Di ogni colore, Gavazzi potrebbe raccontare una storia: ma quella storia è ora lì, nella sua bottega, nei vasi dogni genere e misura contenenti i pigmenti, in parte fatti a mano, partendo dalla materia prima. Larte è una catena che si sviluppa da artista ad artista, e Gavazzi ha assorbito linsegnamento da molti degli anelli che lo precedono: i grandi maestri da lui restaurati sono stati la sua vera scuola. Lamore che metteva per il restauro e per la scultura risulta evidente anche dal fatto che Gavazzi costruiva da solo molti degli arnesi, inventandosi speciali scalpelli, sgorbie e altro perché non in commercio. Indimenticabili le visite della domenica mattina al suo laboratorio, col camino acceso, fra opere darte, scalpelli, bruschetta e prosciutto. Tante domeniche solitarie passare con Gavazzi, altre con Max Seidel (il suo massimo esegeta), o con Mina Gregori, James Bradburne o Claudio Di Benedetto. Lì il tempo si è fermato, non diversamente da quello che oggi viviamo: è necessario farne tesoro e non disperderlo.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news