LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cultura, i privati per la «fase 2» non basteranno
Carlo Fontana*
Corriere della Sera 17/4/2020

* Carlo Fontana è presidente di Agis e di Impresa Cultura Italia-Confcommercio

La proposta di Pierluigi Battista di costituire un fondo per il settore della cultura è quanto mai condivisibile ed opportuna soprattutto perché proprio l’arte in questi giorni contribuisce a rendere meno faticosa la vita della quarantena. Troppo spesso tendiamo a dimenticare che la produzione culturale è fatta dagli artisti, musicisti, attori, cantanti, registi, danzatori, tecnici, tutti liberi professionisti, non tutti baciati dal successo e dai conseguenti cachet. Un mondo fatto perlopiù di precariato che è e rimane l’anello più debole del sistema. Un mondo sommerso e pure così importante che rischia di essere travolto dagli effetti del lockdown. Una crisi sistemica che attacca il bene primario: il lavoro.

I nostri teatri, i nostri cinema, le nostre sale da concerto, malinconicamente chiusi, rappresentano un vuoto, una dolorosa privazione per chi fa cultura e spettacolo e per chi ne fruisce. Non sono in discussione le ragioni sanitarie ma c’è l’esigenza di dover riprendere l’attività rivolgendola a una società, a cittadini, a spettatori profondamente cambiati che forse vivranno inconsciamente i luoghi di spettacolo come luoghi di possibile contagio. Per superare questa legittima diffidenza, bisognerà impegnarsi nell’offerta di un prodotto che si rivolga a spettatori disponibili a riscoprire la socialità dell’esperienza culturale, dopo aver vissuto per mesi «forzatamente» cinema, teatro e musica in solitudine o, al massimo, all’interno della propria famiglia. La fase del riavvio si presenta quindi delicatissima, piena di difficoltà. E il mondo della cultura e dello spettacolo che pure, nella tradizione che tramanda e continuerà a tramandare, dovrà proporre una nuova «rappresentazione di sé», non potrà e non dovrà essere lasciato solo.

Per questo l’impegno dei privati, per quanto lodevole, non sarà sufficiente a sostenerci senza l’intervento indispensabile di considerevoli risorse pubbliche, come già ha fatto la Germania. Consapevoli che non si tratta di interventi solo per sanare le ferite economiche che lascerà il coronavirus, ma di un vero e proprio investimento su un settore fondamentale anche per il rilancio del nostro turismo e del relativo indotto prodotto dai tanti Festival estivi che contribuiscono alla crescita economica dei territori e dell’occupazione. Una grande alleanza tra istituzioni pubbliche e iniziativa privata per la rinascita di questo prezioso settore spesso non adeguatamente considerato che dovrà certo riflettere insieme ad altri soggetti (istituzioni, categorie, lavoratori, spettatori) su quello che dovrà essere un futuro diverso. Diverso, ma pur sempre un futuro.


Il dibattito La proposta di un Fondo nazionale d’investimento per proteggere il patrimonio culturale dalle conseguenze dell’emergenza Co- vid-19 è stata avanzata sul «Corriere della Sera» da Pierluigi Battista. Sono seguiti numerosi interventi. Il dibattito prosegue su corriere.it




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news