LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il castello di Thun. La lunga festa (virtuale). I dieci anni dal restauro: storie, racconti e video
Fabio Bozzato
Corriere del Trentino 17/4/2020

Al Castello di Thun gli ultimi restauri a terminare sono stati quelli del Cantinone, lo spazio che si apre sotto il Loggiato dei Cannoni: qui sarà allestita la collezione di carrozze di famiglia. Dieci anni fa il Castello di Thun, in Val di Non, riapriva al pubblico alla fine di un lungo restauro, presentandosi in tutto il suo splendore.

Anche se la pandemia in corso ha sospeso le celebrazioni, i festeggiamenti si terranno comunque, seppure virtuali, attraverso i social.

Da casa si potrà vivere il castello attraverso racconti, video e fotografie, partecipare a contest fotografici con scatti presi nel corso di questi anni dai followers o fare visite a corte a forma di fumetti (per tutte le info: castelthun.com).

Il Thun si può considerare una meraviglia architettonica e uno scrigno di storie che si ramificano in tutta Europa: così lo definisce Laura Dal Prà, la direttrice della rete dei cinque musei-castelli trentini, che comprende, oltre al Thun, il Buonconsiglio di Trento, il Castello di Stenico nelle Giudicarie, il Beseno nei pressi di Rovereto e il Caldes in Val di Sole.

In questi dieci anni, il Thun ha visto più di 875 mila visitatori, che arrivano al milione contando chi ha partecipato al programma di eventi culturali e visitato giardini e caffetteria. E intanto, continuavano i lavori di restauro, portando alla luce scorci e spazi interni di intensa bellezza: la sacrestia, le carte da parati nel cabinet della Camera Biedermeier, oltre a una lunga serie di dipinti e sculture. In tanti ricordano gli allestimenti scenografici, come la Sala delle Guardie e la Sala degli antenati, dove campeggia una sontuosa tavola apparecchiata con porcellane e vetri d epoca.

La comunità si è appropriata di questo patrimonio dieci anni dopo la scomparsa dellultimo discendente dei Thun, Zdenko, passando di proprietà della Provincia Autonoma di Trento nel 1992.

Ed è stato come fare un viaggio nel tempo lungo otto secoli. La mitria pastorale e la spada, simboli del potere vescovile che segnano gli ingressi, danno prova di una pagina di storia che comincia con Albertus o Albertinus nel XII sec.

La famiglia deve il nome al villaggio di Ton e in origine risiedeva sul dosso di Santa Margherita, a Castelletto.

Il primo documento in cui si parla dei Tono (poi Thun) si riferisce alla scorta garantita dal vescovo Corrado di Beseno a Enrico VI, figlio del Barbarossa: era il 1190.

Meno di cinque secoli dopo, il primo Thun diventava principe vescovo, guida di quella scheggia di Medioevo che durerà fino a Pietro Vigilio, schiacciato dallonda napoleonica.

Il 6 marzo 1803, infine, veniva letto in Duomo il decreto che segnava lintegrazione nellImpero asburgico del principato vescovile. Era la fine di unepoca.

La famiglia Thun ha continuato ad abitare il castello. Uno di loro, Matteo, sarà un fervente sostenitore dellUnità dItalia, finanziando con 7 milioni di fiorini le imprese risorgimentali. Finito in esilio, è il conte Francesco, della linea di Tetschen an der Elbe, ad acquistarlo nel 1926. E da lui al figlio Zdenko.

Una storia di incredibile fascino. Non è difficile credere che larchivio di famiglia sia di inestimabile valore.

Il castello è già di per sé un manufatto tra i più riusciti, rimaneggiato più volte, fino ad assumere lattuale inconfondibile fisionomia. Le mura alte, la porta spagnola che dà accesso al levatoio, la porta blasonata risalente al 1541 che porta a un porticato di 18 colonne in pietra che serviva per riparare i cannoni dalle intemperie. E poi il corpo signorile, 150 stanze affrescate e decorate, rivestite di dipinti, arredi e stemmi. Il salotto Luigi XVI, lo studio, una stanza per il gioco, una della spinetta, la sala dei convitti. Fino alla celebre Stanza del Vescovo, rivestita in legno di cirmo, il letto a baldacchino, il soffitto a cassettoni con stemma e una stufa di maiolica.

Splendore di una famiglia ricca e temuta, che aveva ibernato il suo potere per secoli su tutta la vallata e si era diramata in Europa allungando la sua influenza. Nel 1626, Cristoforo Simone, entrato a servizio dellesercito degli Asburgo contro i Turchi e i protestanti, era stato ricompensato con terre in Boemia e con il titolo di Conte dellImpero.

In questi anni è stato fatto un lungo lavoro per valorizzare questo patrimonio di storie e di architetture racconta la direttrice del Museo . Lemergenza coronavirus ha accelerato i progetti digitali: il futuro sarà dedicato alla multimedialità, alle esperienze sensoriali, al virtuale. Amplificheranno la bellezza del luogo.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news