LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bergamo. Radio GAMEC va oltre l’emergenza
Michela Offredi
Corriere della Sera - Bergamo 18/4/2020

«Uno spazio per arte, cronaca e società»

Radio Gamec, che in un mese ha portato (virtualmente) a Bergamo personalità come Paolo Fresu, Michela Murgia e Stefano Boeri, diventerà una vera e propria trasmissione radiofonica. Nata da un giorno all’altro, come «emittente dal fronte» nei giorni caldi dell’epidemia di coronavirus, non si spegnerà al termine dell’emergenza.

Ad annunciarlo, forte del successo riscosso in quattro settimane di dirette Instagram, è il direttore della galleria Lorenzo Giusti: «Siamo andati oltre le aspettative. Abbiamo allestito una vera redazione. Leonardo Merlini, a cui è affidata la conduzione, ogni giorno dalle 11.30 alle 12 dialoga con due ospiti, uno della città e uno da quello che abbiamo definito “il resto del mondo”. Abbiamo già i tempi, i ritmi e la capacità di approfondimento di una trasmissione radiofonica — dice —. Proseguiremo nella veste quotidiana tutto aprile, a maggio vedremo se diradare gli interventi. L’esperienza poi continuerà, anche se dobbiamo ancora capire come: stiamo valutando se appoggiarci a una radio già esistente o creare una web radio nostra».

L’intento, dunque, è di accompagnare, «con uno spazio che tenga insieme arte e cultura, cronaca e società», i giorni della ripresa. Perché «il domani — prosegue Giusti — non dovrà essere una semplice ricostruzione del passato. Come ci hanno insegnato i vari ospiti, bisognerà buttare il quaderno degli appunti e aprire la prima pagina di un quaderno nuovo, sulla quale tutti sono chiamati a scrivere». Anche per questo Radio Gamec che, in finora «ha fatto da megafono, soprattutto fuori dal territorio della città, alla raccolta fondi a favore dell’ospedale Papa Giovanni XXIII», da lunedì promuoverà il fondo di mutuo soccorso di Palafrizzoni. Difficile quantificare il numero di persone in ascolto (anche perché le puntate possono essere riascoltate sul sito e sugli altri profili social), ma, rivela Giusti, «posso dire che la trasmissione è diventata un palco ambito: in molti mi contattano per intervenire».

Radio Gamec è la punta di diamante, ma non è l’unica iniziativa messa in campo per rispondere al lockdown. È parte «di un riallineamento generale, che ha portato tutti i dipartimenti del museo a interpretare questo tempo, a produrre idee nuove, contenuti che abbiano un senso sul web». Lo sono i laboratori Art Room (che proseguiranno fino a maggio), le opere video che ogni settimana sono caricate nell’ambito dell’Artists’ Film International, ma anche «Il giro del giorno». Quaderno personale dell’artista Antonio Rovaldi, è nato dal desiderio di dare voce ai temi della sua mostra «Il suono del becco del picchio» (chiusa poco dopo l’inaugurazione) ed è uno scambio epistolare fra scrittori, fotografi, paesaggisti e giornalisti. «Possiamo però inventarci nuove esplorazioni verso geografie che non richiedono sforzi fisici, ma soltanto uno spostamento immaginifico del nostro pensiero, in grado di spalancare finestre su altre possibili realtà», scrive l’artista.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news