LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Alla cultura servirà la temuta regia
Cristina Acidini*
Corriere Fiorentino 18/4/2020

* Cristina Acidini Storica dellarte già soprintendente del Polo Museale Fiorentino


Il dopo virus: i grandi musei ce la faranno, piccoli e accademie no. Vanno coordinati

Fra le tante incognite che ci attendono per il dopo, durante la graduale uscita dalle restrizioni imposte dalla pandemia, cè la sorte dei luoghi della cultura nelle città darte, molto (troppo?) dipendenti dal turismo, come Firenze. Laccoglienza e le attività di questi luoghi musei, sedi espositive, ville, giardini storici riprenderanno certamente, ma è quanto mai opportuno fin dora chiedersi come.

E avviare riflessioni condivise sulle possibili risposte. Vengono subito in mente due argomenti cruciali, la sussistenza e la fruizione: per alcuni luoghi darte sono interconnesse, per altri no. Introduciamo subito una distinzione, magari antipatica ma utile, fra le istituzioni che generano un introito e quelle che non lo generano, o non in misura significativa. Se i musei possono integrare i fondi pubblici con bigliettazione, merchandise e altre forme dintroito (ma anche qui ci sono delle distinzioni da fare, e ci tornerò fra poco), istituti culturali come biblioteche e accademie, per definizione, non generano reddito direttamente, anche se contribuiscono a creare e a mantenere posti di lavoro in un vasto indotto di organizzatori, restauratori, editori e quantaltro. Dovranno dunque contare come non mai sui finanziamenti pubblici per continuare a esistere, e in questo senso suscitano aspettative le anticipazioni da parte del ministro Franceschini, sulla messa a punto di un piano per sostenere la cultura nei suoi vari aspetti. Cè da confidare che la Regione, la Città metropolitana, i Comuni vogliano a loro volta considerare questo sostegno non come un optional, ma come una necessità, fra le tante che la società segnala. Anche perché nel settore privato, che generosamente contribuisce alla cultura attraverso le Fondazioni di origine bancaria, le associazioni, le imprese, gli sponsor, è possibile e sarebbe comprensibile che le priorità siano ridiscusse, e che gli interventi nel sociale mettano in secondo piano le aspettative del mondo culturale.

Le antiche accademie fiorentine, intanto, hanno messo in moto un appello, che lAici, Associazione delle istituzioni di cultura italiane presieduta da Valdo Spini, ha accolto e diffuso, affinché siano considerati i valori che esse rappresentano, e il ruolo che hanno nella società. Si tratta di istituzioni prestigiose, fondate secoli fa, che hanno saputo attraversare il tempo sopravvivendo a guerre e calamità, ognuna fedele alla missione originaria e soprattutto capace di riformularla in armonia con levoluzione della società: luoghi di conoscenza e di creazione artistica super partes, depositi di esperienza, fucine del pensiero critico, e anche nodi di una rete di rapporti internazionali, che contribuiscono alla costruzione della comprensione reciproca e del dialogo culturale fra i popoli. E dunque, patrimoni immateriali da mantenere, non solo con risorse finanziarie, ma anche con agevolazioni nelle procedure e negli adempimenti dellesistenza quotidiana. E anche per i musei darte, storia naturale, scienza e altro saranno necessarie attenzioni e provvedimenti. I nostri musei hanno tutti, per un aspetto o per laltro, straordinario interesse e capacità attrattiva: ma, è inutile nasconderselo, non sono paragonabili fra loro. Uniniziativa meritoria, che lallora Ente Cassa di Risparmio di Firenze promosse per diversi anni di seguito, sintitolava Piccoli grandi musei, e univa i due aggettivi contrastanti per valorizzare proprio i musei minori, per la loro grandezza culturale. Come spesso accade nella storia, però, i veri drammi collettivi semplificano gli schemi complessi e cancellano le sfumature. E questo non è un episodio ben preciso, come furono la guerra del Golfo nel 1990-91 o il 9 settembre 2001 (molti di noi ricordano le sale vuote nei musei), non è un episodio che causa un crollo temporaneo di viaggi e presenze ma, a trauma superato, consente la ripartenza. Il cambiamento che ci attende condizionerà a lungo lo stile di vita, con ripercussioni durature sugli spostamenti e sulla condivisione degli spazi pubblici, oltre che sulle capacità di spesa delle famiglie e dei singoli. Dunque, alla riapertura auspicata da tanti (primo fra tutti, da Vittorio Sgarbi con la consueta veemenza), a Firenze e non soltanto sarà evidente quanto sono grandi i grandi musei, e quanto sono piccoli i piccoli.

Anche se gli accessi saranno sottoposti al contingentamento e al distanziamento sociale, alla sanificazione e via elencando, colossi come Uffizi-Pitti-Boboli, la Galleria dellAccademia, il Museo dellOpera del Duomo o Santa Croce dispongono di ampi spazi e di attrattive planetarie e dunque potranno contare su numeri importanti di visitatori, specialmente se ci sarà una ripresa del turismo interno ed estero. Molti altri musei, medi o piccoli, o semplicemente meno visitati nonostante i tesori darte, di storia e di cultura che espongono, potranno invece far fatica a recuperare la loro quota di gradimento.

Se questo, a grandi linee e con tutti i punti interrogativi del caso, è lo scenario del prossimo futuro, chi ha posizioni di potere e di responsabilità dovrà mettere a punto strumenti nuovi, non solo per ristabilire, per quanto possibile, un equilibrio a rischio, ma per renderlo migliore. Perché, secondo un noto luogo comune, da questo problema potrebbe nascere unopportunità, a vantaggio di quei musei, ville, giardini e luoghi che, tra addetti ai lavori, definiamo col gioco di parole minori-che-minori-non-sono. Abbiamo visto in queste settimane di reclusione quanto sono state utilizzate le risorse, immense, del web: ed è una strada da seguire, potenziando e disseminando il più possibile limmagine di ogni museo e luogo culturale. Detto questo, la vera sfida futura sarà quella dellaccesso fisico. E allora si potrebbe indirizzare limpegno collettivo a tentare, questa volta davvero, di distribuire i visitatori, come da anni si auspica e si richiede, e come mai si è riusciti a fare. Nei grandi musei infatti non potrà accedere la stessa quantità di persone, a causa del distanziamento sociale e daltre restrizioni: è auspicabile che si allunghino gli orari dapertura, ma non è detto, anzi è improbabile, che tutto torni subito come prima. E qui entrano in gioco i minori-che-minori-non-sono i quali, adeguatamente gestiti e promossi, potrebbero porsi come alternativa di qualità e attrarre quelle quote di pubblico che i colossi non potranno accogliere. Sarebbe potenziata la capacità attrattiva della città e del territorio, differenziate le mete e i percorsi.

Che cosa occorre? Di primo acchito, direi investire in uno strumento informatico di programmazione ben congegnato e ben gestito, che metta tutti, ma davvero tutti, dentro un sistema interconnesso di informazioni e di prenotazioni. So che sto evocando un fantasma antico e temuto, la cabina di regia nel settore museale e culturale, che in tanti fingono di invocare e che tutti in cuor loro detestano, o perché gelosi della propria autonomia o perché in difficoltà, per i limiti oggettivi della struttura, a programmare e a comunicare per tempo. So che sto dando per scontata la collaborazione di tanti soggetti, a partire dai tour operator, una categoria duramente colpita e alle prese con i problemi del settore. Ma solo unazione coordinata e tempestiva, verso un fine condiviso da tutti coloro che hanno le competenze necessarie (e a Firenze non mancano), potrà permettere di gestire un difficile dopo, e magari stabilire migliorie permanenti. Se cè un momento per accantonare particolarismi e competizioni, è questo. Ora.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news