LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I musei sono a tutti gli effetti un servizio pubblico essenziale
Andrea Bruciati
Artribune 16/4/2020

Andrea Bruciati, direttore dellIstituto autonomo Villa Adriana e Villa dEste a Tivoli, ricorda che i musei, come il cibo e i farmaci, sono un bene essenziale. E che devono giocare un ruolo chiave nella ripartenza post Coronavirus.

Lasciando vivo il paragone degli antichi, agguagliarli e superarli, come ben fa con grandi edifici, col nutrire e favorire le virtuti, risvegliare glingegni, dar premio alle virtuose fatiche.
Lettera di Raffaello dUrbino a Papa Leone X, 1519

I musei sono spazi democratici, in cui la cultura non solo viene conservata e preservata, ma comunicata, raccontata, condivisa e costruita. Si tratta in buona sostanza di spazi di partecipazione, di cui si alimenta il pensiero critico: in cui si costruisce la consapevolezza e il benessere della società e germinano idee sostenibili di futuro, le cui radici sono solidamente innervate nella tradizione culturale.
In questa ottica si può ripensare il ruolo dei musei in questo momento di crisi e di emergenza, vi si può riconoscere un presidio alla salute pubblica e permetterne un consapevole e sensato funzionamento. Del resto, molti dei nostri luoghi della cultura sono giardini storici e parchi archeologici allaperto in cui la bellezza, la cura, lequilibrio tra cultura e natura non possono non contribuire al benessere psico-fisico delle persone, garantendo al contempo quel distanziamento sociale che la prevenzione richiede.
Nei musei si può inoltre ritrovare una dimensione comune e condivisa in cui riconoscersi, si può recuperare ‒ nel patrimonio che fonda la nostra identità ‒ un nucleo di quella socialità negata dal Coronavirus e cominciare da lì la necessaria ricostruzione della trama dei nostri rapporti sociali.
Vorremmo che i musei ricevessero in fondo il riconoscimento politico che spetta alla cultura come essenziale al benessere dellindividuo e della società, al pari di quanto avviene per il cibo e le farmacie, perché non siano trascurati quei bisogni fondamentali che non attengono alla mera resilienza biologica. In questi giorni tragici, certo la sopravvivenza sembra ed è il tema principale, ma lemergenza ha portato alla ribalta anche altre domande sullessenzialità delle cose e la qualità della vita, sui valori comuni e le attese per il domani. Ecco, sarebbe bello non tanto e non solo per loggi, ma per il futuro e per la società che intendiamo progettare di nuovo, che le risposte a questi interrogativi coinvolgessero e riguardassero anche il nostro patrimonio materiale e immateriale. Sarebbe auspicabile che se ne comunicasse la primaria importanza, peraltro sancita per legge, che la si riscoprisse finalmente, per volgere una situazione drammatica in unoccasione preziosa di riscatto.
I musei, intanto, non attendono, non smettono di lavorare al benessere comune in vista di quella che io chiamo, per lIstituto, renovatio (alla faccia dei tanti anglicismi inutili che ammorbano queste giornate).

LESEMPIO DI TIVOLI

Le VILLAE di Tivoli sono in prima linea nella battaglia contro ogni forma di disinteresse, sfregio, abuso nei confronti del nostro patrimonio culturale, ambientale e monumentale, per una tutela estensiva del paesaggio in cui insistono. Siamo un Istituto metamorfico, organico, legato indissolubilmente alla bios e pertanto un museo verde, catalizzatore di buone pratiche per fornire un modello di crescita sostenibile sia alla comunità cui apparteniamo, che verso quella internazionale, dal momento che gestiamo ben due siti patrimonio mondiale dellumanità UNESCO. Al di là del nostro assoluto e imprescindibile valore estetico, vi è una ferma consapevolezza del nostro ruolo etico, e della responsabilità che mettiamo in campo attraverso le nostre attività che sono protese verso tutto ciò che riguarda la tutela della PERSONA. La ricostruzione, a cui bisogna porre cervello e mano, ci impone una domanda non più procrastinabile: quale ruolo intendiamo attribuire alla conoscenza, alla ricerca scientifica, alla formazione delle arti nel nostro sistema di valori? Questo nuovo paradigma sarebbe da definirsi quanto prima perché sarebbe anche un modo per dire che la cultura, e limmenso patrimonio artistico di cui siamo garanti, rappresentano un aspetto fondamentale del nostro essere, senza il quale non potrebbe sopravvivere la nostra società.
In questi anni lIstituto ha messo in atto un processo culturale di recupero e di reinterpretazione del paesaggio, che assume oggi, che siamo chiamati a riscoprire i valori del tempo e della naturalità del suo dispiegarsi, una notevole connotazione simbolica. La cura delluliveto di Villa Adriana, il recupero dei vigneti del cardinale Ippolito sia a Villa dEste che presso lantica Villa di Mecenate, nonché linserimento di arnie lungo le zone più defilate delle VILLAE, vogliono sensibilizzare le comunità per una riflessione sulle potenziali opportunità, anche economiche, per un futuro eco-compatibile e fondato su nuovi, perché antichi, paradigmi. Il fare rete con il territorio, attraverso lelaborazione di una buffer zone, cioè unarea di tutela estesa al di fuori dei nostri confini che abbracci lintero territorio tiburtino, e la creazione di una piattaforma trasversale ma collegiale come quella del Tavolo Verde, che vede Istituti similari alla gestione del patrimonio verde, vogliono e devono essere le risposte operative, oggi più che mai.

NATURA E BENESSERE

In questa ottica intendiamo la cultura come fattore attivo per la società e non mero, seppur necessario, surrogato. In questo momento è anzi la nostra parte più fragile, quella cangiante e a volte ingestibile, rappresentata dallincredibile simbiosi fra creatività delluomo e risposta dialettica della Natura che diventa la nostra risorsa per una risposta rigenerativa. Perché siamo anche musei verdi dove gli spazi aperti e il giardino storico, un bene necessario e imprescindibile, volto anche al benessere psicofisico, rappresentano un messaggio di resistenza, oltre che un valore da tutelare con maggiore attenzione in un momento in cui ne è preclusa al pubblico la bellezza. Sono state intraprese pertanto, compatibilmente con le norme di prevenzione, azioni ordinarie e straordinarie sui nostri parchi e giardini e si progettano interventi di accessibilità e fruizione ampliata. Siamo intervenuti non tanto sulla parte cosmetica ma siamo intervenuti sui polmoni, le arterie, lossatura delle strutture per poterle vivificare di nuovo, per renderle ancora più pronte ad accogliere chi ci ha onorati della sua visita, e del suo tempo.

https://www.artribune.com/professioni-e-professionisti/politica-e-pubblica-amministrazione/2020/04/i-musei-sono-a-tutti-gli-effetti-un-servizio-pubblico-essenziale/


news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news