LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ponte Vecchio, simbolo in bilico
Loredana Ficicchia
Corriere Fiorentino 22/4/2020

Gli orafi: rischiamo di non riaprire, abbiamo bisogno che le istituzioni ci aiutino

Gli orafi di Ponte Vecchio lanciano una richiesta di aiuto alle istituzioni. Con una lettera al premier Conte, al governatore Rossi e al sindaco Nardella, firmata dalla presidente dell’Associazione, Giuditta Biscioni, le botteghe orafe più famose del mondo fanno capire che riaprire per loro non sarà scontato, visto il legame stretto con un turismo che non tornerà presto, se non ci saranno aiuti forti.

Lettera a Conte, Rossi e Nardella: cassa integrazione di almeno un anno e ridiscutiamo gli affitti

Cassa integrazione per almeno un anno, affitti protetti, sanificazione mirata, trattandosi di merce preziosa, protocolli compatibili con negozi scrigno quali sono le botteghe di Ponte Vecchio. Che comunque non riapriranno neanche nella fase 2 al via il 4 maggio. «Non ci sono i turisti e i nostri sono negozi turistici, anche se di lusso» spiega la neopresidente dell’Associazione Ponte Vecchio, Giuditta Biscioni. Già domenica scorsa, a nome dell’associazione, ha inviato una lettera al sindaco di Firenze Dario Nardella, al presidente della Regione Toscana Enrico Rossi e al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, chiedendo un’attenzione particolare a un problema particolare, ovvero la sopravvivenza di Ponte Vecchio con le sue minuscole boutique celebrate nel mondo, una parte importante dell’identità di Firenze. «La nostra Associazione — si legge nella missiva — ha risposto alla crisi da Covid-19 chiudendo tutti gli esercizi commerciali l’11 marzo, quindi ancora prima che entrasse in vigore l’obbligo di sospensione delle attività commerciali. La decisione è stata presa innanzitutto a tutela della salute dei nostri dipendenti, dei nostri collaboratori, dei nostri clienti e di noi stessi, ma anche per una motivata responsabilità imprenditoriale a seguito della sopravvenuta antieconomicità nel continuare l’attività commerciale stante la drastica diminuzione di flussi prevalentemente turistici, ma anche locali».

«Vogliamo mettere in evidenza — insiste Giuditta Biscioni — le inevitabili ripercussioni economiche e sociali alle quali andremo incontro qualora non si affrontasse tale emergenza in maniera sistematica e coesa, ritenendo perciò che lo strumento della cassa integrazione in deroga di nove settimane non risolva il problema. E questo perché la riduzione del fatturato, prevedibilmente, si protrarrà ben oltre tenendo conto della natura della nostra attività economica fortemente connessa ai flussi turistici nazionali e, soprattutto, internazionali».

L’associazione chiede attenzione anche nei confronti del personale, dipendenti formati che non si può rischiare di perdere, ribadiscono. Altro ma non meno importante capitolo è quello che riguarda i canoni di locazione difficilmente onorabili in tempi di chiusura: «Sarebbe opportuno — si legge nella lettera — eliminare ogni incertezza riguardo l’invalidità delle eventuali richieste di sfratto per morosità, fondate sul mancato pagamento dei canoni di locazione nel corso dell’emergenza Covid-19, e congiuntamente un intervento mirato ad agevolare il raggiungimento di nuovi accordi tra i locatori e locatari tramite una serie di incentivi quali, “bonus” da riconoscere ai locatori per le mensilità non percepite causa chiusura obbligatoria dei locali commerciali; riconoscimento della cedolare secca del 10% applicabile a tutti i redditi da locazione di immobili censiti in categoria C1 qualora la proprietà riconosca una consistente nonché adeguata riduzione del canone di locazione». Quanto agli interventi di sanificazione l’Associazione Ponte Vecchio ritiene che le misure previste rendano di fatto impossibile lo svolgimento della loro attività economica. «Impossibile – spiegano poi — impedire al cliente di non avvicinarsi al bancone e provare l’oggetto. Per non parlare — tira corto Biscioni — come l’uso della mascherina possa mettere a repentaglio la sicurezza».



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news