LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Librerie, gioie e dolori (per le tante sparite) e il piacere delle riaperture
Giorgio Montefoschi
Corriere della Sera - Roma 23/4/2020

Ho sempre amato le piccole librerie, le medio-piccole, le librerie medio-grandi: quelle di Roma, quelle di Parigi, quelle di Londra. Le ho amate, e continuo ad amarle, perché entrando in una libreria di queste dimensioni non dico che hai la sensazione di stare nel soggiorno di casa tua, ma non ti senti aggredito dalla quantità immensa dei libri, dal numero spropositato dei titoli sui banconi e negli scaffali, bensì rassicurato e protetto. Da cosa? Beh, innanzitutto dal fatto che, essendoci meno libri in esposizione a causa degli spazi limitati, questo significa che qualcuno (il proprietario della libreria, il direttore, un commesso) hanno fatto delle scelte - ed è già tantissimo. In secondo luogo dalla presenza dei personaggi sopra nominati che non devono correre da una parte allaltra, sembra che stiano ad aspettarti per scambiare anche due chiacchiere.

O qualche opinione su un romanzo che sta andando benissimo e un altro che meriterebbe avere maggiore attenzione, e comunque stanno lì. Infine, proprio dallatmosfera quieta, dal profumo della carta stampata che, in quellambiente ristretto, non si disperde.

Stanno riaprendo, le librerie! Che gioia! Qualcuno ha temuto per laffollamento. Chi ha temuto per laffollamento delle librerie mi ha fatto proprio ridere: ma quando mai sono state affollate le librerie? Affollate come le sale corse, i bar, i negozi di audiovisivi? Magari avessimo visto negli anni passati tutta questa folla accalcata a darsi gli strattoni per comprare Manzoni e Carofiglio! Magari! Poi mi sono venuti in mente quelli che, con grave danno dei librai, leggono i libri sul tablet o sul cellulare, e lo giustificano col seguente motivo: Sai, dicono seri, portarsi tutti quei libri in vacanza è un peso. Ma perché mi sono sempre morso la lingua tu in venti giorni di vacanza, mettiamo un mese, quanti libri riesci a leggere fra il sesto bagno, le due ore di abbronzatura, e la gita in pedalò? Proprio te che non ti ho mai visto con un libro in mano? Queste due categorie di lettori, i preoccupati dellaffollamento e i preoccupati del peso, andrebbero messe in cornice.

Piuttosto. Alcune notti fa, nel corso di una delle mie abituali insonnie (precedenti il coronavirus, il cui repugnante logo con i fiorellini rossi, simile a una allegra torta per bambini, spero sparisca presto dagli schermi e dai giornali), invece di ripetermi i nomi di tutte le spiagge di tutte le isole greche che ho visto, o di contare le pecore come faccio sovente, arrivando spesso a oltre centomila, mi sono messo a contare quante famose librerie romane di medie dimensioni in questi ultimi anni sono sparite. È venuto fuori un elenco da paura: la libreria Einaudi di Via Veneto nella quale, da ragazzi, entravamo tremanti essendo erroneamente convinti che il severo direttore fosse il germanista Cesare Cases (chissà perché); la libreria Feltrinelli di via del Babuino col burbero direttore toscano Conticelli e al piano di sopra Nanni Balestrini, del Gruppo 63; la libreria Croce di corso Vittorio Emanuele, con Remo Croce che tutte le sere metteva almeno duecento sedie per le presentazioni (quasi sempre dei libri di Gervaso); Herder davanti a Montecitorio; la libreria Borghese vicino alla piazza, e la libreria Frattina in Via Frattina; lelegantissima Bocca in Piazza di Spagna, nella quale a darti i consigli trovavi il poeta Elio Pecora; la mitica Rossetti, un buco, con dentro un poltrona di cuoio sulla quale non di rado trovavi Flaiano Che ecatombe! Anche perché, chissà quante ne ho dimenticate di queste librerie umane che hanno chiuso, sono state sostituite da negozi di borse o di scarpe o di jeans, o di cose buone da mangiare come è accaduto alla storica Waterstone di South Kensington, soppiantata da un Waitrose.

Quindi, e in conclusione. Stupenda la riapertura delle librerie. E chissà se in questi tempi meno frenetici, più lenti, non si finisca per riscoprire il piacere di entrare in una di queste librerie che ho detto per esempio la Farheneit in Campo de Fiori, o la Manzoni di Viale Parioli gestita dagli eredi dellindimenticabile Alfredo fare un giretto e chiedere al direttore, o al commesso: Questo libro lo ha letto? Se no che mi consiglia?.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news