LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

«Che nostalgia, ci siete mancati». I torinesi tornano da libri e librai
Giorgia Mecca
Corriere della Sera - Torino 5/5/2020

Monica Lavopa de Il Melograno: «La riapertura emozionante come se fosse l’inaugurazione»
In tanti durante il lockdown hanno venduto online


«Non sai quanto ci sei mancato». Mattia Perin di Ca’Libro poco dopo avere alzato le serrande del negozio, viene accolto con un abbraccio, virtuale ovviamente, da parte di tutti i residenti di via Santa Giulia. I clienti numeri uno della fase due sono muniti di mascherina, ordinati in fila per uno e se c’è da aspettare si aspetta senza fare storie.

All’ingresso i librai offrono gel disinfettante e guanti per permettere, finalmente, di sfogliare le pagine dei romanzi in esposizione. «Ieri sera ho fatto fatica ad addormentarmi», scherza Monica Lavopa titolare di «Il Melograno», in corso Racconigi 15. «Ero emozionatissima, e lo sono ancora adesso, come se fosse l’inaugurazione».

Nel primo pomeriggio dopo il lockdown sono entrate in negozio almeno venti persone, qualcuno per comprare, altri per un saluto veloce, un bentornati guardandosi di nuovo negli occhi prima di lasciare il posto alle persone in coda. Il primo titolo del nuovo mondo è un regalo per un bambino che sta per festeggiare il suo primo compleanno. Era ora che dalle vetrine rispuntassero i libri. Da via Cernaia una signora si affaccia all’interno di Angolo Manzoni per chiedere «I fratelli Karamazov» al volo, all’interno invece si cercano gialli ambientati in città e i romanzi di Luis Sepúlveda, lo scrittore cileno morto di Covid-19 lo scorso 16 aprile a cui è stata dedicata la giornata della ripartenza. Il titolare Nicola Roggero si muove tra gli scaffali per aiutare chi glielo chiede.

I torinesi sentivano la nostalgie delle librerie indipendenti e dei loro consiglieri di fiducia; non vedevano l’ora di andarli a trovare. «In questi mesi di luci spente abbiamo fatto spedizioni in tutta Italia», dice «ci sono arrivati ordini da Pesaro, Venezia, l’Aquila». I librai indipendenti non sono mai stati fermi durante tutto il lockdown, hanno scoperto l’utilità dei social network e grazie alle consegne a domicilio hanno scoperto nuove opportunità commerciali che non vogliono perdere anche a serrande finalmente tirate su. Però dal vivo, per chi può, è tutta un’altra cosa. I libri aperti sono a disposizione di tutti e tutti possono sfogliare, leggere, abbandonare, chiedere pareri senza fretta, proprio come succedeva prima del virus. Alla Luxemburg in piazza Carignano per tutto il giorno c’è stato il solito viavai di affezionati lettori: «Ciao Gigi, ciao Tonino». C’è adrenalina nell’aria, e voglia di ritornare nei luoghi a cui siamo più affezionati. «Ci sono venute idee che sperimenteremo nel corso dei prossimi giorni, per rimettere insieme i pezzi di questa comunità che abbiamo sentito più che mai vicina in queste settimane complicate», hanno scritto su Instagram i titolari della Libreria Therese.

Messaggio ricevuto e condiviso: poco dopo la riapertura, in corso Belgio numero 49 tre persone erano in fila ad aspettare il proprio turno per entrare. Ha riaperto anche Spazio B in via Carlo Alberto, La Libreria del Golem in via Rossini, il Ponte sulla Dora in via Pisa 46.

Oggi riapriranno tutte le altre, tra queste la BorgoPo di via Ornato, I Libri di Eppi in via Piazzi 47, la Trebisonda di via Sant Anselmo 22. Tutte continueranno a garantire la consegna a domicilio, non solo in città. L’offerta è più forte di prima che il coronavirus sconvolgesse le nostre vite. A giudicare dalle persone in fila per il proprio libro, anche la domanda.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news