LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino. Così misuro la febbre anche a Mantegna. Proroga di tre mesi per la mostra a Palazzo Madama
Giorgia Mecca
Corriere della Sera - Torino 5/5/2020

La conservatrice Arnaldi di Balme: controlli continui

Anche Andrea Mantegna e la mostra Rivivere lantico, costruire il moderno sono stati costretti allisolamento e alla quarantena obbligatoria. Dall8 marzo, come tutti gli altri musei italiani, Palazzo Madama ha chiuso i cancelli al pubblico, dietro le quinte, però, la squadra di conservatori, restauratori e tecnici ha continuato a lavorare per garantire che i capolavori in esposizione rimanessero al sicuro e non si rovinassero.

In queste settimane di lockdown abbiamo deciso di spegnere le luci delle mostre perché le opere non fossero sottoposte a una inutile e dannosa illuminazione, spiega Clelia Arnaldi di Balme, conservatrice di Palazzo Madama. Tutte le telecamere, però sono rimaste attive 24 ore su 24, così come il servizio di sorveglianza e un operatore della squadra tecnica pronto a intervenire in caso di pericolo. Una porta aperta, un po di pioggia o un leggero movimento bastano per compromettere un capolavoro. A luci spente, le tele sono state coperte con carta velina, una richiesta che è arrivata direttamente dai musei prestatori dislocati tutto il mondo: New York, Parigi, Berlino, Vienna, Bergamo, Milano.

Anche i dispositivi che rilevano la temperatura e lumidità sono sempre rimasti accesi per controllare che nelle sale di piazza Castello non si verificassero sbalzi termici, pericolosi per i quadri. Ogni settimana abbiamo trasmesso i dati ai musei di provenienza.

La Pala Trivulzio, uno dei capolavori dellartista rinascimentale in esposizione a Torino, ha più di cinquecento anni, li porta splendidamente ma ha bisogno di controlli e di cure costanti e non deve essere sottoposta a stress o a movimenti bruschi, basta un attimo di distrazione o un colpo di vento per danneggiarla. Oltre al monitoraggio, prosegue Clelia Arnaldi, due volte alla settimana io o il mio collega Simone Balocco siamo andati di persona a controllare lo stato dei quadri. In particolare, mi preoccupavano le tele che riproducono i Trionfi di Giulio Cesare. Si tratta di tele incollate sul legno, particolarmente sensibili alle variazioni di umidità. Cera il rischio che i due supporti si muovessero in maniera incoerente. Per questo la Národní Galerie di Praga è stata molto attenta a seguire il monitoraggio dei dati che trasmettevamo. I prestiti erano in buone mani, lartista veneziano e i suoi colleghi hanno superato perfettamente la fase uno della pandemia: Abbiamo soltanto notato un momento di discontinuità. Nei giorni in cui cè stato vento forte lumidità è scesa e abbiamo dovuto accendere gli umidificatori portatili nelle zone più sensibili.

Le 130 opere adesso velate e al buio (oltre a Mantegna, Donatello, Leon Battista Alberti, Antonello da Messina), nei tre mesi di apertura al pubblico avevano avuto più di cinquantamila visitatori. Ieri sarebbe stato lultimo giorno prima della chiusura definitiva della mostra, ma Palazzo Madama ha chiesto ai musei di provenienza delle opere una proroga dei prestiti, in modo da poter prolungare la mostra fino alla fine dellestate. La risposta da parte di quasi tutti è stata affermativa. Dopo essere stati rassicurati sui dispositivi utilizzati per la messa in sicurezza e sulle misure anti intrusione adottate, si è deciso che Mantegna può rimanere per altri tre mesi a Torino, con qualche eccezione. Alcuni disegni su carta provenienti dalla biblioteca viennese la prossima settimana torneranno in Austria, ma in tutto si tratta di non più di dieci opere. Tutto il resto rimane in città, Mantegna è pronto per accogliere il pubblico.



news

11-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news