LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il futuro ambidestro di Venezia
Paolo Costa
Corriere del Veneto 7/5/2020

Considerazione amara. Ci voleva il coronavirus per rendere indiscutibile quello che, a chi lo avesse voluto vedere, era evidente da tempo: linsostenibilità della strategia di conservazione del bene culturale Venezia fondata sul solo turismo di massa. Sì di massa, perché il turismo colto, quello attratto dai capolavori artistici e dagli eventi culturali veneziani era solo il cacio sui maccheroni delle folle di foresti, vaganti tra San Marco e Rialto, che si erano impadroniti delleconomia della città, di Venezia storica, ma anche di buona parte della Venezia di terraferma e di mezzo Veneto, sempre più ingolosito dalla possibilità di far lì dormire i visitatori pendolari diretti alla città lagunare. Fino a ieri ci preoccupavamo delle distorsioni prodotte da questi fenomeni sulla città storica, requisita dal turismo - con uno spiazzamento progressivo di ogni attività residenziale e produttiva non turistica - e quindi impedita di vivere in relazione fisiologica dentro la Venezia metropolitana che si era formata al di là della laguna: le mura della Venezia medievale. Ma non pensavamo che il pericolo mortale della monocoltura turistica si nascondesse nella sua possibile caduta di schianto.

Ci ha pensato il coronavirus. Oggi Venezia, lurbs, ci appare in tutta la sua drammatica bellezza, liberata da ogni superfetazione turistica. Ma alla bellezza restituita allurbs corrisponde il dramma della civitas: delle migliaia di addetti ai servizi alberghieri, di ristorazione e di trasporto, ai negozi di specialità veneziane, di maschere o di vetri di Murano, e di ogni altra attività legata alla filiera del turismo, che da quasi due mesi vivono, da veneziani invisibili, il dramma del lavoro perduto, rinchiusi dal lockdown nelle loro case di Mestre, di Spinea, di Mirano, ma anche di molti comuni del trevigiano e del padovano, dove sono sorti alberghi e si sono convertite residenze private a servizio dellattrattore turistico Venezia storica.

Unindustria turistica la cui offerta, inquietante preoccupazione per il dopo virus, difficilmente potrà essere saturata ai livelli ante pandemia. Almeno finché questa non sarà stata sradicata da ogni angolo della terra o messa in condizione di non nuocere dallagognato vaccino.

Questo per le caratteristiche del turismo urbano in generale e di quello veneziano in particolare. Il caso di Venezia è emblematico nella sua crudezza.

Se il coronavirus ha bisogno di densità per circolare velocemente e connettività per spaziare in tutto il mondo, il turismo nelle città darte alimentato da visitatori provenienti da ogni parte del mondo ne è allo stesso tempo il complice e la vittima predestinata.

Esso crea infatti la densità artificiale del concentrarsi in Venezia storica di un numero di visitatori che fino a ieri tendeva ad eccedere la sua capacità di accoglienza e una altrettanto specifica connettività globale -utile al trasporto dei germi da e per i luoghi più lontani - dovuta alla grande prevalenza di visitatori esteri.

Se a questo si aggiunge che l azzeramento attuale della domanda turistica su Venezia non è, come per gli altri settori produttivi, esclusiva conseguenza della decisione governativa di lockdown, ma frutto in larga misura di decisioni autonome dei potenziali clienti, si comprende quanto delicata sia la situazione.

La capacità di carico turistico del centro storico è destinata a contrarsi per adeguarsi ad un qualche grado permanente di distanziamento sociale; il turismo internazionale subirà una sorta di de-globalizzazione riducendo il raggio dei suoi viaggi.

Venezia tornerà ad essere una destinazione turistica eccellente, ma scontando un livello di attività inferiore a quella di oggi e con un bacino di offerta residenziale che ne risentirà a partire dai suoi margini padovani e trevigiani.

Una rivoluzione nella base economica sulla quale vive la civitas veneziana e, di conseguenza, sulla sostenibilità economico finanziaria della preservazione del bene culturale Venezia.

Una situazione trattabile solo entro la logica di una gestione ambidestra della strategia di sviluppo futuro di Venezia, da reinventare in tutte le sue dimensioni dal centro storico al più grande organismo metropolitano. Una gestione nella quale diventa urgente combinare l esplorazione probiotica del futuro possibile (funzioni metropolitane terziarie superiori ridefinite nel nuovo mondo digitale o quelle connesse da una rilettura post Covid-19 anche del blocco porto- manifattura) con la reinvenzione antibiotica del presente (leconomia turistica).

Una gestione ambidestra che nel farsi carico del privilegio di mantenere il bene culturale Venezia deve sfuggire alla tentazione - quella ricorrente, che ha segnato in negativo almeno gli ultimi cento anni di storia veneziana - di rinchiudere Venezia nel suo passato. E il momento della transizione alla modernità di un bene culturale apprezzato come Urbs, ma che può vivere solo come Civitas.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news