LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Portiamo in piazza luci e musica. E facciamo parlare le facciate
Chiara Dino
Corriere Fiorentino 7/5/2020

Il regista Giancarlo Cauteruccio: riportiamo alla ribalta lo spettacolo dal vivo

Installazioni dinamiche, anche sui palazzi dei teatri, come segno di rinascita

La sua è una storia fatta di anticipazioni. Nella seconda avanguardia teatrale italiana ha dato il meglio di sé, prima e durante la stagione dei Krypton, il suo gruppo multimediale di produzione, sia quando dirigeva il Teatro Studio di Scandicci sia dopo, negli ultimi anni.

Così chiedere a Giancarlo Cauteruccio un input creativo per ridare vita allo spettacolo dal vivo, quando il distanziamento sociale è un obbligo di sopravvivenza, attiva un grimaldello che ci proietta verso il futuro prossimo per capire dove andare e verso il suo passato remoto e non per prendere ispirazione da quanto ha già fatto. E cioè la sua ricerca sul teatro totale ispirato a Walter Gropius e al Bauhaus, con la rottura del tradizionale rapporto frontale attore-spettatore, il coinvolgimento di tutte le arti visive e degli spazi architettonici e urbani in maniera non convenzionale. È netto Cauteruccio quando gli si chiede e ora che si fa?

Ho già in mente alcune cose che si potrebbero fare nei luoghi allaperto, penso alle piazze e agli spazi urbani. Sono contesti che potrebbero ospitare installazioni dinamiche proiettate sui muri dei palazzi, nelle piazze e nelle vie, performance visive, musicali e di parola, pensate per uno spettatore che è parte attiva dellevento anche in forza del suo essere lì, in piedi, durante una passeggiata. E non solo. Ho mandato un mio progetto che si chiama Portatori di luce alla Regione Toscana, a Tommaso Sacchi e alla Fondazione Toscana Spettacoli, suggerendo anche di fare delle installazioni dinamiche sulle facciate dei teatri così che possano continuare a esprimere la loro forza creativa e spirituale e dare un segno di rinascita attraverso la luce. A cose come queste Cauteruccio ci ha abituati da tempo: recentemente le ha fatte in piazza Santissima Annunziata e a San Miniato, per citare gli ultimi esempi. Ma se mi guardo indietro prosegue vorrei ricordare dei miei lavori fatti qui a Firenze: uno era quello che aveva portato gli spettatori in un Piazzale Michelangelo unito virtualmente al Forte Belvedere da un raggio laser. Un altro lo feci sullArno: era l84, si chiamava Intervallo , ed era una performance che si svolgeva tra Ponte Vecchio e Ponte alle Grazie dove, accanto a sculture galleggianti, si assisteva a coreografie subacquee e si ascoltava il teatro di parola con testi di Dino Campana in cui era coinvolto Piero Pelù. Infine ricordo un Romeo e Giulietta di Shakespeare alla Pergola, con Asia Argento. In quelloccasione, come quando lavorai in collaborazione col compianto Alfonso De Virgiliis per il suo premio Galileo, ribaltai la struttura del teatro mettendo gli attori in platea e gli spettatori nei palchi. Soluzioni avanzate in questi ultimi giorni da alcuni teatri ma da lui sperimentate anche più recentemente quando, quattro anni fa usò la cavea del Maggio come ora ha fatto Stefano Massini con un intervento che mi è molto piaciuto e che andrebbe replicato visto quello è uno spazio che oggi può rivivere aggiunge per mettere in scena lo spettacolo dal titolo Tre movimenti di luce. Rumore Tremore Fulgore. Un viaggio scenico sensoriale nella Commedia di Dante Alighier i, con spettatori e attori che si scambiavano il posto. Poi un salto in avanti per un progetto sui cui sta lavorando e che, dice: coinvolgerà il Tenax, la discoteca che per ora dovrà rinunciare alla sua ragion dessere. La trasformerò in luogo di produzione di performance di giovani coreografi, attori, scenografi non tutelati in questo periodo e fruibili tramite video e Tv. Non immagino opere convenzionali mandate in streaming ma prodotti nati per il linguaggio dei nuovi media. Penso allinsegnamento di Walter Benjamin nel suo Lopera darte nel lepoca della sua riproducibilità tecnica .



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news