LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Quelle 900 mila opere tornate a casa
Roberta Scorranese
Corriere della Sera 18/5/2020

Dalla Madonna del Pinturicchio ritrovata al finto Bruegel per ingannare i ladri
Il bilancio dei carabinieri che tutelano l’arte: «Mille i falsi, ma nel 2019 i furti sono in calo»

Ogni opera d’arte che ritorna a casa si porta dietro una piccola odissea. La quattrocentesca Madonna con Bambino del Pinturicchio, per esempio, rientrata a Perugia trent’anni dopo essere stata rubata nella casa di un privato: ha vagato per decine di città prima di ricomparire sul mercato, quando è stata riconosciuta prima di essere messa all’asta. Un lungo viaggio lo ha fatto un’altra «madonna», stavolta con la minuscola, perché parliamo del Ritratto di Nobildonna di Lorenzo Lotto, quadro del 1516 rubato nel 1976 dal museo Mozzi Bardini di Firenze: è accaduto che un priore dall’occhio attento, monsignor Marco Viola, lo ha notato nello stand di una fiera d’antiquariato. Viaggio quasi grottesco poi per una Crocifissione di Pieter Bruegel il Giovane, custodita in una chiesetta di Castelnuovo Magra (La Spezia): i ladri non sapevano che quella che stavano portando via era una copia messa lì dai carabinieri, che sospettavano il furto da mesi.

Il «nocchiero» di questi viaggi omerici è il generale Roberto Riccardi, comandante dei carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, che compie il suo primo anno alla guida di quel braccio dell’Arma che protegge l’arte: «È stato un anno complesso». I numeri: nel 2019 sono stati 902.804 i beni recuperati dal Comando e oltre mille le opere false sequestrate, che sul mercato avrebbero fruttato quasi 200 milioni di euro. Eppure i crimini sono in calo. «I furti sono stati 345 a fronte dei 474 del 2018 — dice Riccardi — e forse questo è anche merito di una strategia integrata, che unisce forze di terra, cielo e mare. Ma ricordo che i carabinieri Tpc gestiscono la più grande banca dati del mondo, con un milione e 300mila file di opere da ricercare. Quando sparisce un quadro ci si attiva con i confronti in tempo reale».

Poi ci sono i casi più delicati, che coinvolgono i rapporti con altri Paesi. Come quando si è trattato di riportare a casa una statuetta di bronzo, Fanciulla con colomba, trafugata nel 1943 dalle Terme di Diocleziano del Museo Nazionale Romano: si trovava in un museo svizzero dopo una «regolare» donazione di un privato.

Riccardi, lui stesso esperto d’arte, dice: «Crescono le contraffazioni. Specie di opere d’arte contemporanea. Per esempio abbiamo sequestrato dei falsi Pistoletto». Potrebbe sembrare facile per un artista vivente certificare le proprie opere ma la natura variegata del contemporaneo fa sì che spesso non lo sia. Come si fa a certificare senza ombre l’autenticità di un pannello in specchio con scritte in acrilico, riprodotto in tante copie ?

Più facile è stato riportare uno scudo che Garibaldi donò al popolo siciliano. O il Vaso di fiori di Van Huysum che, trafugato durante la Seconda guerra mondiale, era rimasto in Germania. «È diplomazia culturale — conclude Riccardi — un’altra nostra abilità».



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news