LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ripresa alla Camera la discussione su S. 3186. - "Semplificazione e riassetto normativo per l'anno 2005" (approvato dal Senato)
www.camera.it

IL DISEGNO DI LEGGE
APPROVATO DAL SENATO DELLA REPUBBLICA
il 18 maggio 2005 (v. stampato Senato n. 3186) "Semplificazione e riassetto normativo per l'anno 2005", stato trasmesso dal Presidente del Senato della Repubblica il 19 maggio 2005
(Relatore: MIGLIORI)

-------------------------------------------------
Si veda anche la discussione alla Camera di oggi
--------------------------------------------------


Il presente stampato contiene i pareri espressi dal Comitato per la legislazione e dalle Commissioni permanenti II (Giustizia), III (Affari esteri e comunitari), VI (Finanze), VII (Cultura, scienza e istruzione), X (Attivit produttive, commercio e turismo), XI (Lavoro pubblico e privato) e XIV (Politiche dell'Unione europea) sul disegno di legge n. 5864. La I Commissione permanente (Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e interni), il 15 settembre 2005, ha deliberato di riferire favorevolmente sul disegno di legge nel testo trasmesso dal Senato della Repubblica. In pari data la Commissione ha chiesto di essere autorizzata a riferire oralmente.
Per il testo del disegno di legge si rinvia allo stampato n. 5864.
------------------------------------

PARERE DEL COMITATO PER LA LEGISLAZIONE
Il Comitato per la legislazione,
esaminato il disegno di legge n. 5864 e rilevato che:

esso interviene su una pluralit di ambiti legislativi, con disposizioni di delega ovvero di modifica puntuale dell'ordinamento, in funzione dell'unitaria esigenza di semplificazione e di riassetto normativo di interi settori normativi;

attribuisce al Governo una pluralit di deleghe legislative: per il riassetto delle disposizioni che disciplinano le provvidenze per le vittime del dovere, del servizio, del terrorismo, della criminalit organizzata e di ordigni bellici in tempo di pace (articolo 3); per il riordino delle procedure di gestione amministrativa e contabile degli uffici all'estero del Ministero degli affari esteri (articolo 4 ); per il riassetto delle disposizioni di competenza legislativa esclusiva statale in materia di adempimenti amministrativi delle imprese (articolo 5, comma 1); per il riassetto normativo delle disposizioni vigenti in materia di pari opportunit (articolo 6); per il riassetto normativo in materia di ordinamento del notariato (articolo 7, comma 1);

definisce, in particolare, un innovativo meccanismo di riduzione e semplificazione del corpus legislativo avente come obiettivo, attraverso l'esercizio di un'apposita delega, l'abrogazione di tutte le disposizioni legislative statali pubblicate anteriormente al 1o gennaio 1970, con l'eccezione di quelle specificamente indicate (al comma 17 dell'articolo 15) e di quelle che siano ritenute indispensabili dal Governo con propri decreti legislativi (articolo 15, comma 14);

interviene, all'articolo 15, commi da 1 a 11, in materia di strumenti istruttori e di valutazione ex post degli effetti dell'attivit legislativa, sia con riferimento all'analisi di impatto della regolamentazione (AIR), sia introducendo lo strumento della verifica di impatto della regolamentazione (VIR);


reca in alcuni casi una modifica a disposizioni entrate in vigore in tempi recentissimi, circostanza che costituisce una modalit di produzione normativa non pienamente conforme alle esigenze di semplificazione e di riordino della normativa vigente (in particolare l'articolo 13 modifica il decreto-legge n. 35 del 2005, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 maggio 2005, n. 80; l'articolo 14 modifica gli artt. 19 e 20 della legge n. 241 del 1990, interamente sostituiti, da ultimo, dal citato decreto-legge n. 35);

detta norme in materia di ordinamento del Ministero degli affari esteri (agli artt. 4 e 9) ed in materia di ordinamento del notariato, degli archivi e degli atti notarili (agli artt. 7 e 12) procedendo a modifiche puntuali della normativa vigente e, contestualmente, conferendo una delega per la semplificazione della relativa disciplina;
opera, all'articolo 15, comma 13, una deroga implicita alla vigente disciplina contabile e, in particolare, al principio dell'annualit del bilancio, in modo non conforme a quanto previsto dalla circolare sulla formulazione tecnica dei testi legislativi, ove si prevede - al punto 2, lettera c) - che le disposizioni derogatorie richiamino la disposizione generale cui fanno eccezione;

contiene, all'articolo 17, comma 4 una norma di interpretazione autentica, formulata in modo non conforme al al punto 3, lettera l) della circolare sulla formulazione tecnica dei testi legislativi, secondo cui l'intento di interpretare autenticamente altra precedente disposizione (...) deve risultare nella rubrica dell'articolo;

reca disposizioni che contengono richiami normativi effettuati in forma generica, per le quali sarebbe invece opportuno, ove possibile, specificare la normativa oggetto del rinvio (ad esempio, l'art 12, comma 1, lettera c) sostituisce l'articolo 48 della legge n. 89 del 1913, in materia di presenza dei testimoni al momento della ricezione degli atti da parte del notaio, utilizzando l'espressione: oltre che in altri casi previsti per legge;

presenta, al medesimo articolo 12, al comma 4, capoverso 4-bis, un erroneo riferimento al comma 3, anzich al comma 4, dell'articolo 30 del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia di cui al decreto del Presidente della Repubblica n. 380 del 2001;

reca, nell'ambito dell'articolo 12, la cui rubrica fa esclusivo riferimento alle disposizioni in materia di atti notarili, una disposizione (al comma 9) concernente gli spazi per parcheggi, non omogenea rispetto al contenuto dell'articolo e a quanto indicato nella sua rubrica;

in numerose norme la tecnica della novellazione non utilizzata conformemente a quanto previsto dalla circolare congiunta dei Presidenti di Camera e Senato e del Presidente del Consiglio del 20 aprile 2001, al punto 9), secondo cui l'unit minima di testo da sostituire con una novella dovrebbe essere il comma (o comunque un periodo o una lettera), anche nel caso in cui si modifichi una singola parola, per consentire una pi agevole comprensione della modifica;

corredato della relazione sull'analisi tecnico-normativa (ATN);

non corredato della relazione sull'analisi di impatto della regolamentazione (AIR);

ritiene che, per la conformit ai parametri stabiliti dall'articolo 16-bis del Regolamento, debba essere rispettata la seguente condizione sotto il profilo dell'efficacia del testo per la semplificazione e il riordinamento della legislazione vigente:
all'articolo 11 - ove si autorizza la semplificazione di due procedimenti, entrambi di competenza del Ministero dell'interno, attraverso l'emanazione di regolamenti di delegificazione, emanati ai sensi dell'articolo 17, comma 2, della legge n. 400 del 1988 - si riformuli la norma in conformit a quanto statuito dal citato articolo 17, comma 2, della legge n. 400 del 1988, secondo cui le disposizioni volte ad autorizzare l'esercizio della potest regolamentare del Governo determinano le norme regolatrici della materia e dispongono l'abrogazione delle norme vigenti, con effetto dall'entrata in vigore delle norme regolamentari.

Il Comitato osserva altres che:

sotto il profilo dell'efficacia del testo per la semplificazione e il riordinamento della legislazione vigente:

all"articolo 4 - ove si delega il Governo al riassetto normativo in materia di gestione amministrativa e contabile degli uffici all'estero del Ministero degli affari esteri - dovrebbe valutarsi l'opportunit di procedere all'abrogazione dell'articolo 1, comma 81, della legge finanziaria per il 2005 (n. 311 del 2004), atteso che tale ultima disposizione prevedeva, entro novanta giorni dalla sua entrata in vigore, l'emanazione di un decreto ministeriale, da adottare ai sensi dell'articolo 17, comma 3, della legge n. 400 del 1988, diretto a conseguire una semplificazione nella gestione finanziaria degli uffici all'estero;

all'articolo 15, comma 18 - che consente al Governo di adottare disposizioni integrative o correttive dei decreti legislativi di cui al comma 14 - dovrebbe valutarsi l'opportunit di chiarire quali effetti conseguano all'eventuale individuazione, quali indispensabili, di ulteriori disposizioni anteriori al 1970 o, al contrario, all'esclusione di disposizioni in precedenza individuate, precisando se in tal caso (essendo gi decorso il termine abrogativo di cui al comma 16) se ne determini la reviviscenza ovvero quale sia l'efficacia temporale della loro abrogazione;

all'articolo 17, comma 3 - volto a precisare, con riguardo al personale del CONI in fase di prima attuazione dell'articolo 8 del decreto-legge n. 138 del 2002, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 178 del 2002, l'applicabilit dell'articolo 30 del decreto legislativo n. 165 e successive modificazioni (l'ultima delle quali viene apportata dal comma 1 del medesimo articolo 17) - dovrebbe valutarsi l'opportunit di coordinare tale disposizione con il comma 11 del citato articolo 8 del decreto-legge n. 138 del 2002, il quale fa gi riferimento agli artt. 30, 31 e 33 del decreto legislativo n. 165 del 2001;

sotto il profilo della chiarezza e della propriet della formulazione:

all'articolo 1, comma 1, lettera b), capoverso 3-bis - ove si affida al Governo il compito di emanare la raccolta organica delle norme regolamentari regolanti materie oggetto di codificazione -
dovrebbe valutarsi l'opportunit di specificare la tipologia del provvedimento mediante cui emanare la suddetta raccolta;
all'articolo 4, comma 1, lettera a) - che detta un principio e criterio direttivo per il riassetto normativo in materia di gestione amministrativa e contabile degli uffici all'estero del Ministero degli affari esteri - dovrebbe valutarsi l'opportunit di sopprimere la disposizione in esame, visto che il medesimo principio di delega gi presente nel nuovo testo dell'articolo 20 della legge n. 59 del 1997, che ha valenza generale e viene espressamente richiamato dall'articolo 4;

all'articolo 5, comma 1, lettera a) - che inserisce, tra i principi e criteri direttivi, la previa consultazione delle organizzazioni di rappresentanza delle categorie economiche, produttive e professionali interessate - dovrebbe valutarsi l'opportunit di ricollocare tale disposizione, atteso che essa concerne piuttosto le modalit di adozione del decreto legislativo in materia di semplificazione degli adempimenti amministrativi delle imprese ed il rafforzamento dello sportello unico per le attivit produttive;

all'articolo 6 - la cui rubrica, analogamente al comma 1, fa riferimento al riassetto normativo in materia di pari opportunit - dovrebbe valutarsi l'opportunit di riformulare la rubrica ed il medesimo comma 1, atteso che l'oggetto della delega non sembra rispecchiare appieno quelli che potrebbero essere i contenuti del futuro decreto legislativo, che appaiono pi ampi in quanto volti a superare ogni forma di discriminazione (per cause direttamente o indirettamente fondate sul sesso, la razza o l'origine etnica, la religione o le convinzioni personali, gli handicap, l'et e l'orientamento sessuale);

all'articolo 15, comma 14 - ove si delega il Governo all'adozione, entro ventiquattro mesi dalla scadenza del termine per l'individuazione delle disposizioni legislative vigenti, di decreti legislativi che individuano le disposizioni legislative statali, pubblicate anteriormente al 1o gennaio 1970, delle quali si ritiene indispensabile la permanenza in vigore - dovrebbe valutarsi l'opportunit di verificare la compatibilit di tale previsione con quanto statuito dell'articolo 76 della Costituzione, il quale dispone che l'esercizio della funzione legislativa non pu essere delegato al Governo se non [...] per oggetti definiti; in proposito, si rileva che, in virt del combinato disposto dei commi 14, 16 e 17, lettera g), l'oggetto della delega appare definito senza indicazione della materia trattata e in relazione al parametro della indispensabilit (delle norme anteriori al 1o gennaio 1970 e non comprese tra le eccezioni di cui al comma 17);

al medesimo articolo 15, comma 15 - ove, con riguardo alla delega al Governo di cui al comma 14, si affida ai suddetti decreti legislativi anche l'obiettivo di semplificazione o riassetto della materia che tali disposizioni disciplinano, anche mediante codificazione - dovrebbe valutarsi l'opportunit di chiarire esplicitamente se essa opera, per le medesime materie, anche in riferimento alle norme emanate successivamente alla data del 1o gennaio 1970;
all'articolo 17, comma 1, lettera a) - che modifica l'articolo 30 del decreto legislativo n. 165 del 2001, sostituendo al passaggio diretto tra le pubbliche amministrazioni l'istituto civilistico della cessione del contratto di lavoro - dovrebbe valutarsi l'opportunit di modificare anche la rubrica del citato articolo 30, atteso che essa fa riferimento al passaggio diretto di personale tra amministrazioni diverse;

al medesimo articolo 17, comma 1, lettera c), capoverso 2-quinquies - secondo cui, salvo diversa previsione, al dipendente trasferito per mobilit si applica il trattamento giuridico ed economico previsto dal contratto collettivo vigente nel comparto dell'amministrazione cui stato destinato - dovrebbe valutarsi l'opportunit di chiarire il significato dell'inciso salvo diversa previsione, precisando se si intende rimettere alla contrattazione collettiva una possibilit di deroga a tale disposizione, o se invece si intende far salve eventuali previsioni legislative riguardanti specifici comparti del pubblico impiego.




news

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

12-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 12 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news