LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il calvario della cultura è solo all’inizio
Gabriele Ferraris
Corriere della Sera - Torino 12/5/2020

Il dibattito sulla cultura nel tempo del virus ha il merito, comunque vadano le cose, di stimolare al confronto un ambiente che vedevo da tempo ripiegato su se stesso e sui propri guai di piccolo cabotaggio; e non trovava occasioni e spazi per esprimere visioni alte e obiettivi diversi dalla pura difesa di posizioni consolidate, o dallo sforzo di occuparne di migliori. Molte delle idee che su queste pagine vanno esponendo alcune delle risorse intellettuali più creative della città circolavano sottotraccia.

Già prima della catastrofe, ma stentavano a emergere nel clima depressivo di una Torino senza guida e senza più ambizioni. Averle portate alla luce, chiamando tutti a unire gli sforzi per progettare un domani diverso, è forse l’unico effetto virtuoso che posso riconoscere al tempo sbandato in cui l’epidemia ci ha precipitati. Ma è impossibile trascurare, oggi più che mai, l’aspetto economico che condizionerà pesantemente qualsiasi progetto di ripresa. Capisco che si tratta di materia vile, però mi pare giusto sottolineare alcune criticità. Valga per tutti l’esempio delle prescrizioni del Comitato tecnico-scientifico per riaprire i teatri all’inizio di giugno impongono regole di sicurezza stringenti, con adeguamenti dei locali e distanziamento tra gli spettatori in sala e gli artisti sul palco, con rigidi limiti alle capienze: si parla di un massimo di 200 persone nelle sale al chiuso, mille negli spazi all’aperto. In simili condizioni la riapertura si trasformerà in un disastro finanziario. Aumenteranno le spese (dalle igienizzazioni al personale di sorveglianza) e caleranno i profitti, perché un teatro da 1200 spettatori che può ospitarne al massimo 200 lavora in perdita. E uno che di posti ne ha solo 200, quanti potrà venderne distanziando di un metro ogni spettatore? Sessanta, a essere generosi? Certo, si risparmierà sui costi artistici: niente spettacoli fastosi, niente scenografie, trionferanno i monologhi e i concerti solisti. Ma così resteranno a spasso stuoli di artisti e di tecnici. E quanto vorrà pagare il pubblico a pagare per uno spettacolo di quel genere? Diciamo pure trenta euro, se c’è un artista in grado di riempire i duecento posti che equivalgono ai 1200 del tutto esaurito in tempi normali: fanno seimila euro d’incasso. Togli la Siae, le tasse, gli stipendi, le utenze, il service, le spese vive e magari un po’ di pubblicità: quanto rimane per il cachet dell’attore o del musicista, e per l’onesto guadagno dell’organizzatore? Che dire poi di uno spettacolo da 60 spettatori (in un teatro da 200), per cui si può ipotizzare un biglietto massimo da 20 euro? Frutterà se tutto va bene 1200 euro lordi. E non parlo dei teatri più piccoli, degli artisti di minor richiamo. Un teatro sta in piedi, con queste cifre? Forse un teatro pubblico, che può contare sulle sovvenzioni di Stato, Regione, Comune, fondazioni bancarie. Ma uno privato? Un teatro che vive del suo, grazie agli incassi? La risposta è evidentemente no. Neppure i teatri sovvenzionati possono però stare tanto allegri, con le casse pubbliche già stremate prima della bufera-covid: da anni i fondi per la cultura sono in calo, immaginate un po’ cosa accadrà adesso, con l’economia depressa, il tracollo del gettito fiscale e il debito pubblico al 152 per cento. È velleitario parlare di «diversa distribuzione delle risorse», se le risorse mancano. Altra incognita sono gli spettatori. Accetteranno le limitazioni? Andare a teatro è un’attività sociale, prevede spesso gruppi di amici che vogliono trascorrere una serata in compagnia. In compagnia sparpagliati per la platea? Mah. Può essere, però la vedo dura. E c’è pure l’aspetto psicologico. Il virus non scomparirà domani, e finché non sarà debellato qualsiasi attività comporterà una certa dose di rischio. Prima di acquistare il biglietto per uno spettacolo teatrale, ciascuno di noi si domanderà se il gioco vale la candela. Per assurdo, il problema sarà meno impellente se e quando riapriranno le discoteche e i club frequentati in prevalenza dai giovani, per loro natura meno apprensivi e nei fatti meno esposti alle conseguenze del virus. Purtroppo il pubblico dei teatri è in media più avanti negli anni, e dunque più cauto perché più vulnerabile. Anche per questa ragione gli spettatori potrebbero scarseggiare, almeno in una prima fase. Mi spiace essere il solito pessimista, ma — felice se verrò smentito — ho motivo di temere che per la gente dello spettacolo la sofferenza non finirà a giugno: il calvario è soltanto all’inizio.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news