LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cultura, Parma resta Capitale città di cronisti e narratori
Carlo Baroni
Corriere della Sera 21/5/2020

Un giorno qualcuno lo scoprirà. Perché una ragione ci deve essere. Quella che ha fatto di Parma una terra di narratori. Di raccontatori di fatti. Di testimoni del vero. In una parola: di cronisti. Anche, e non solo, per questo la città emiliana è Capitale italiana della Cultura per questo 2020, un riconoscimento che il ministro Dario Franceschini ha deciso di prolungare fino al 2021, per l’emergenza sanitaria che ha impedito di valorizzare l’evento come meritava.

Parma e i giornali. Un legame che viene da lontano. La sua «Gazzetta» (che festeggia i 285 anni e che oggi è diretta da Claudio Rinaldi), un’autentica fucina di talenti della penna. A gennaio, e fino alla chiusura obbligata dall’emergenza sanitaria, la mostra Parma è la Gazzetta a Palazzo Pigorini ne ha celebrato la storia, raccolta nell’omonimo catalogo, a cura di Claudio Rinaldi e Giancarlo Gonizzi, edito da «Gazzetta di Parma» (due volumi per un totale di oltre 800 pagine).

Per il «Corriere della Sera», una sorta di cantera dalla quale pescare i fuoriclasse del giornalismo. Una scuola per futuri cronisti con un ingrediente che non è cambiato nel tempo: l’umiltà. I primi passi delle grandi firme hanno tutte questo tratto in comune. «Redigevo notiziole di cronaca, accorciavo un articolo troppo lungo, correggevo bozze: articoli firmati pochissimi, forse una dozzina o meno». A ricordare i suoi esordi Egisto Corradi, grandissimo reporter. Penna e cuore. E competenza. Coniugata con un’arguzia che solo lui. Come durante i giorni della Primavera di Praga, nel 1968. La censura sovietica intercettava le telefonate degli inviati dei giornali occidentali. Egisto Corradi si fece passare Luciano Micconi, storico segretario di redazione del «Corriere della Sera» e parmigiano doc. Dettò le notizie nella lingua emiliana che solo loro due comprendevano. Riuscendo in questo modo a evitare le forbici delle spie venute da Mosca.

La scuola parmigiana era come la bottega dei grandi maestri del Rinascimento. Lì si imparava il mestiere, osservando, copiando, ripetendo. Per un giornalista il comandamento era uno solo, amplificato tre volte: «Esattezza, esattezza, esattezza», come indicava il direttore storico della «Gazzetta», Baldassarre Molossi. Insieme alla raccomandazione di scrivere chiaro, con parole comprensibili per «l’ortolana della Ghiaia» e anche di non far arrossire un professore universitario. La semplicità del grande giornalista che è un testimone di quello che vede. Niente di più, niente di meno.

Dopo Corradi, altri due inviati di razza della scuola «Gazzetta di Parma» hanno dato lustro al quotidiano di via Solferino: Luca Goldoni e Maurizio Chierici. I loro reportage da ogni angolo del mondo sono manuali da utilizzare nelle scuole di giornalismo. Goldoni, la penna brillante e caustica che ha colto vizi e virtù di un’Italia facile da vedere, difficile da raccontare al di là dei luoghi comuni. Chierici, l’inviato in mezzo mondo testimone delle guerre che hanno insanguinato lo scorso secolo. Un giorno, sulla stessa pagina del «Corriere della Sera» (25 maggio 1971), firmarono in tre con lo quello stesso Dna: Egisto Corradi, Luca Goldoni, Alberto Bevilacqua.

A scrivere per il «Corriere della Sera» aveva cominciato Bruno Barilli che a leggere la biografia sarebbe, anzi è nato a Fano nel 1880. Ma la famiglia era originaria di Parma. Antesignano dei grandi inviati, un po’ avventurieri, molto scrittori. Un link prestigioso che ha segnato la storia dei due giornali.




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news