LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bosco e Floridiana. De Magistris attacca Franceschini
Mirella Armiero
Corriere del Mezzogiorno - Campania 24/5/2020


Caro Franceschini, ci avevi promesso diversi mesi fa la riapertura del Parco della Floridiana, purtroppo è ancora chiuso con grave nocumento per la salute dei napoletani. Avete anche chiuso il Parco di Capodimonte, il più grande polmone verde della città. Il danno sanitario ed ambientale diventa ancora più drammatico in tempi di coronavirus. Così il sindaco Luigi de Magistris.

Napoli. Bellenger fa arrabbiare tutti. Tra pragmatismo e autarchia, con un colpo di teatro il direttore di Capodimonte ha sbarrato le porte del parco, dopo le numerose infrazioni dei visitatori alle nuove regole post Covid (500 violazioni al giorno, secondo il verbale del responsabile della sicurezza) e dopo il braccio di ferro con i sindacati sullutilizzo di vigilanti privati. Il parco chiude dopo soli cinque giorni di riapertura e un coro di proteste si solleva a Napoli.

Non si tratta solo dei cittadini che hanno trovato ieri mattina i cancelli serrati. Insieme a loro insorge il sindaco de Magistris, peraltro già in urto con De Luca che vuole i baretti chiusi alle 23. Il sindaco è invece per la linea dellapertura (oggi riapre anche il pontile di Bagnoli) e su Capodimonte proprio non ci sta, così scrive al ministro dei beni culturali, rilanciando anche il tema della Villa Floridiana. Caro Franceschini, ci avevi promesso diversi mesi fa la riapertura del Parco della Floridiana, purtroppo è ancora chiuso con grave nocumento per la salute dei napoletani. Avete anche chiuso il Parco di Capodimonte, il più grande polmone verde della città. Il danno sanitario ed ambientale diventa ancora più drammatico in tempi di coronavirus. Per non parlare dei tagli al personale e della mancanza di risorse economiche che mettono in ginocchio tutti i servizi in città, verde compreso. Vanno aperti gli spazi pubblici. Liberiamo i luoghi, no alla chiusura delle aree che il popolo ha diritto di usufruire. E conclude con il suo cavallo di battaglia: La città è un bene comune.

Contro Bellenger anche le organizzazioni sindacali che prendono le distanze dalla decisione di chiudere. Laccordo con il quale erano state stabilite le misure di sicurezza da adottare avrebbe permesso lapertura nel fine settimana e la possibilità di verificare lefficacia delle misure. Lamministrazione, senza consultare il comitato tecnico Covid 19 istituito nellente, ha unilateralmente stabilito la chiusura del parco senza valutare le innumerevoli proposte fatte nella riunione del 22. I cittadini di Napoli non meritano di essere privati dei loro tesori. La Cisl in particolare se la prende con Bellenger senza mezze misure. Il direttore ci ricorda tanto il burattino Pinocchio spiegano Lorenzo Medici segretario regionale Cisl Fp e Luigi DEmilio segretario di Napoli della Cisl Fp come si evince anche dai verbali abbiamo proposto il contingentamento degli ingressi e la chiusura di alcuni varchi. Laccordo cera, ciò che mancava era la programmazione. Prima di aprire lamministrazione avrebbe dovuto metter su un sistema per regolamentare gli accessi, un conta persone e un termoscanner.

Secondo il sindacato lobiettivo dellamministrazione Bellenger sarebbe un altro: Ci sono disegni per privatizzare servizi che devono essere eliminati sul nascere, la carenza di personale è un problema che affligge anche il Parco di Capodimonte e i suoi 140 ettari da vigilare. Ma abbiamo riscontrato una volontà nel ricorrere a un servizio di guardie non armate che di fatto non hanno alcun titolo nelleffettuare controlli alle persone. Se il tentativo è quello di privatizzare il servizio noi della Cisl annunciamo già la nostra battaglia. Sono stati banditi dei concorsi per assistente di vigilanza, concorsi bloccati per il Covid ma che adesso si devono espletare.

La carenza di personale è in realtà uno degli annosi problemi di Capodimonte, denunciato più volte dallo stesso Bellenger. Così come è reale la questione delletà media piuttosto avanzata del personale in servizio e la conseguente necessità di un ausilio esterno. Il direttore di Capodimonte del resto al Parco tiene molto, ha una sua personale visione più volte ribadita, quella di farne il Central Park napoletano. Basta questo a giustificare la drastica decisione di chiudere? La parola passa al Mibact che domani aprirà un tavolo in merito. Intanto stamattina si annuncia un flash mob davanti a Porta Piccola, organizzato dalla consigliera comunale Laura Bismuto per manifestare il dissenso rispetto alla nefasta scelta di chiudere il parco. Insomma, ci voleva il Covid per mostrarci quanto i nostri beni culturali siano a rischio perché sulla loro gestione non si è investito abbastanza. O meglio , non si è investito affatto.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news