LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Mondovì. Unantica storia darte, acqua e terra
Paolo Morelli
Corriere della Sera - Torino 26/5/2020

Sulle tracce di un passato fiorente, quando la città fu punto di riferimento per la manifattura

Dal tessile alla terraglia fine, cioè la ceramica dal corpo bianco, più leggera e porosa, il passo è breve. Almeno a Mondovì. La storia del territorio monregalese è un perfetto esempio di riconversione industriale, un argomento sempre di stretta attualità, oggi come due secoli fa. Allinizio dellOttocento, le numerose manifatture tessili di Mondovì entrarono in crisi. Il dominio napoleonico sul Piemonte, così come i cambiamenti del mercato e dello sviluppo industriale europeo, portò a un calo della produzione, in molti chiusero, altri, però, cambiarono vocazione. DallInghilterra, nello stesso periodo, si stava infatti diffondendo una diversa formula di produzione della ceramica, la terraglia fine, dal tipico colorito latteo. LEuropa assisteva a un cambiamento anche nella moda.

Linstaurarsi in Piemonte di una borghesia importante spiega Andreina DAgliano, presidente del Museo della Ceramica di Mondovì portò a una maggiore richiesta di stoviglie e vasellame dalle forme neoclassiche. Si riuscì a concepire una forma molto facilmente inseribile nellarredamento dinterni, con stanze più piccole e molto graziose, abbandonando le ridondanti tavole del Settecento. Come si semplificano gli abiti, si semplifica anche la tavola. DallInghilterra, la formula arrivò a Creil, in Francia, e da lì si estese sul continente arrivando prima a Savona, con manifatture importanti come quella di Jacques Boselly, e poi nel Monregalese.

A onor del vero, in questa zona del Cuneese esistevano già produzioni ceramiche, sebbene di carattere artigianale, non troppo distanti da Mondovì come a Chiusa Pesio. Mondovì prosegue Andreina DAgliano è stata molto emblematica come esempio di chiusura, una situazione negativa, volta in positivo. Grazie allenergia dellacqua, che già muoveva i mulini delle manifatture tessili, in molti si trasformano e avviano una produzione ceramica. Ad esempio la Manifattura Perotti, già nel 1805, o quella del savonese Benedetto Musso, che riconvertì un setificio.

Si verifica una sorta di circolo di gusto e di interesse storico-artistico per lanrichità aggiunge la presidente del Museo che dà luogo a forme più semplici, più adatte a unespressione in terraglia. La semplificazione di motivi e tratti non riguardò solo la ceramica, ma anche la porcellana e tutto ciò che aveva a che fare con larredamento dinterni. Lindustria, intanto, si sviluppava in tutta la Penisola. Le manifatture monregalesi si allargarono e nacquero anche, verso la fine del secolo, veri e propri colossi come quello di Richard-Ginori, nel 1896. Lazienda fu il risultato della fusione fra il gruppo del milanese Augusto Richard, con diverse sedi in Italia, e la Manifattura Ginori, fondata nel 1735 a Doccia (Firenze). Sebbene la sede centrale della nuova azienda si trovasse in Toscana, lo stabilimento di Mondovì risultava essere uno dei più importanti del gruppo. La produzione più importante della città diventa la terraglia racconta Andreina DAgliano e rimane sempre la presenza di diversi artisti. Questanno cade il decennale del Museo della Ceramica, che a novembre aprirà una mostra sulla Richard-Ginori. Non sarà celebrata solo la storia della ceramica monregalese, ma intendiamo guardare anche allo sviluppo artistico ed economico delle manifatture italiane raccolte dalla Richard-Ginori.

Del resto il museo è nato dalleredità di Marco Levi, tra gli ultimi imprenditori a chiudere i propri stabilimenti di ceramica a Mondovì, nel 1979 (è cambiato il mercato, ora resiste solo la Manifattura Besio 1842 di Giovanni Rovea). Diretto da Christiana Fissore, il museo raccoglie in sé anche leredità storica di un intero territorio, che nella ceramica ha trovato il modo di reinventarsi e crescere. I ceramisti, in realtà, ci sono ancora, ma il vecchio distretto industriale è pressoché scomparso. Il museo, intanto, guarda al futuro, con eventi in piazza, approfittando della bella stagione, e lidea di coinvolgere i cittadini e molte realtà del territorio.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news