LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino. La cultura dei tavoli e degli annunci a vuoto
Gabriele Ferraris
Corriere della Sera - Torino 27/5/2020

Lho scritto infinite volte, negli ultimi mesi: la cultura e lo spettacolo hanno patito, quanto e più di altri comparti produttivi, le nefaste conseguenze della pandemia; e continueranno a patirle anche nellincerta Fase 2.

Ma al male comune se ne aggiunge uno specifico di Torino, dove le politiche del settore gli assessorati alla Cultura, per intendersi sono negativamente condizionate da due avversità dipendenti dal fattore umano: inconcludenza e buone intenzioni.

Linconcludenza è il peccato capitale dellassessore Leon. In due mesi di lockdown non ha rabberciato lo straccio di un un piano strutturato e operativo, al di là dellovvio impegno a saldare alle associazioni i vecchi contributi non ancora pagati, e alla risibile dilazione (soltanto fino a dicembre!) del pagamento dei canoni per gli stabili comunali in uso al no-profit.

Anche laltro giorno, chiamata a illustrare davanti allapposita Commissione i provvedimenti a sostegno del lavoro culturale, e i progetti per lallestimento di punti estivi di spettacolo, ha citato infiniti tavoli. Se chiamavano in Commissione gli Artigiani della Qualità il risultato non cambiava, a parte che avrebbero parlato anche di divani.

Né è chiaro se e quando la Tavoliera delle Alpi si sia seduta, ai famosi tavoli. Quello più importante, dedicato ai punti estivi, è stato convocato solo mercoledì scorso, senza però riunirsi. E se pure i tavoli ci sono stati, e ci sono stati gli ascolti, e le consultazioni infinite evocate da Leon, beh, i risultati non si vedono. La Tavoliera in Commissione sè arrabattata come, davanti al professore, un qualsiasi liceale che non ha studiato la lezione. Tutto ciò che si è capito è che non cè nulla di pronto, e non si sa neppure quali e dove saranno, i punti estivi. Li stanno mappando, dice lei. Manco fossero esploratori che hanno scoperto un nuovo continente. La Tavoliera ha però assicurato che ci stanno lavorando. Espressione questultima da Leon spesso usata in gran difficoltà: sebbene io non abbia mai capito come e con che fine lavorino, e soprattutto quando si vedranno i risultati di tanto lavorìo.

E veniamo allaltra avversità. Anche le buone intenzioni sostenute da un attivo pragmatismo sono talora perniciose, se appartengono a quel genere di buone intenzioni che lastricano la strada per linferno. Strada che ha imboccato la pragmatica Vittoriona Poggio che, in quanto commerciante, aveva capito prima e meglio di altri le criticità economiche del settore; salvo cascare vittima dellimpreparazione come assessore alla Cultura.

Confesso che fatico ad essere severo con Vittoriona: lei accettando in extremis un incarico che altrimenti sarebbe andato a Roberto Rosso ha comunque reso alla cultura piemontese un servizio meritevole deterna gratitudine. Ciò tuttavia non la assolve dagli errori che sta commettendo in questo momento di crisi.

Il primo errore, dordine psicologico, consiste nel malvezzo tipico della politica di dare per certe quelle provvidenze che sono invece semplici aneliti di volontà. Due mesi fa la Regione ha annunciato limmediato pagamento dei contributi arretrati, senza tener conto delle lungaggini della burocrazia: con il risultato che i malumori per i soldi non arrivati prevalgono oggi sulla soddisfazione per quelli che arrivati sono. Trovo incredibile che la politica ancora non capisca che un annuncio a vuoto fa più danni di mille impegni mai presi.

Ma più grave è la condiscendenza di Vittoriona al callido Cirio, che ha inserito nel mitico decreto Riparti Piemonte uno stanziamento di 3 milioni per sostenere i lavoratori della cultura più svantaggiati, tecnici, artisti, partite Iva che finora non hanno goduto manco dei 600 euro Inps. Provvedimento buono se porterà mille euro nelle tasche di tremila persone in difficoltà; ma velenoso perché i 3 milioni salteranno fuori con un taglio orizzontale del 5 per cento dei contributi che la Regione stessa stanzia per le fondazioni culturali, tipo il Regio o il Museo del Cinema.

Vabbé, direte voi, la destra toglie ai ricchi per dare ai poveri: e allora? Si sa, non ci son più le destre e le sinistre di una volta.

E invece non funziona così. Le fondazioni culturali i soldi della Regione li spendono per la loro attività, che dovranno ridurre se ricevono di meno: e dunque daranno meno lavoro ai collaboratori esterni, tecnici, artisti eccetera. Alla fine della fiera quelli fregati sono sempre gli stessi. Con la differenza che se la fondazione non gli dà lavoro maledicono la fondazione; se non ricevono i mille euro maledicono il politico. E questo il callido Cirio lo sa.

Già prevedo lobiezione: si fa presto a criticare, ma al posto di sti poveri assessori tu cosa faresti? Niente, farei, perché io al posto loro non ci sono. Sono un asino, e non ho soluzioni in tasca. Nemmeno mi ci provo. Ma mi aspetto idee più intelligenti delle mie da chi, per ambizione o spirito di servizio, e senza che glielabbia prescritto il medico, conquista il potere promettendo di risolvere i problemi altrui mentre noi poveri essere fallibili stentiamo a risolvere i nostri. Altrimenti, che li pago a fare?



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news