LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Nardella chiede aiuto al mondo per far "rinascere" Firenze
Carmela Adinolfi
La Repubblica online 27/5/2020

Nardella chiede aiuto al mondo per far "rinascere" Firenze

Il sindaco: "Il mio obiettivo è promuovere anche a livello internazionale una campagna di raccolta fondi". La tramvia in via Cavour, stop a nuove strutture ricettive e tetto per gli affitti brevi (Airbnb). I cittadini possono mandare idee, ecco come

Come dopo un'alluvione, il rilancio di Firenze passa anche attraverso un appello al mondo, una richiesta di aiuto, un crowdfunding. Lo ha spiegato il sindaco Dario Nardella parlando nel salone dei Cinquecento a Palazzo Vecchio in occasione della presentazione di #RinasceFirenze, un documento per ripensare alla città. "Il mio obiettivo è promuovere anche a livello internazionale una campagna di raccolta fondi perché Firenze è un simbolo del mondo. Sarà il fondo per la Rinascita" ha detto Nardella. "Firenze - ha ribadito - è una delle città più amate a livello internazionale. Dobbiamo utilizzare questa nostra credibilità per ottenere aiuti da tutti coloro che hanno a cuore il futuro della nostra città". Il fondo, ha proseguito, "aiuterà la nostra città a sostenere i settori culturali, economici, educativi e turistici ispirati alla chiamata alle arti di Carlo Ludovico Ragghianti, lanciata all'indomani dell'alluvione del '66, quando il noto storico dell'arte invitò tutto il mondo ad aiutare Firenze a risollevarsi dichiarando 'Abbiamo bisogno di tutti'". "Un grido - ha ricordato il sindaco - che fece il giro del mondo e fu di impulso ad una generosità diffusa verso la nostra città, aiutando Firenze, capitale globale delle arti, a rivedere la luce dopo il fango". Ma il rilancio del capoluogo toscano, secondo quanto annunciato da Nardella dovrà passare anche attraverso grandi eventi sportivi.

Il Tour de France
"Vogliamo collaborare con l'Emilia Romagna per ospitare, a ridosso dell'Appennino, la tappa iniziale del Tour de France. La nostra volontà è attrarre i grandi eventi sportivi internazionali, su questo penso anche alla collaborazione già avviata con l'Emilia Romagna per le Olimpiadi 2032" ha spiegato il sindaco. Ripartire dagli eventi sportivi internazionali per riportare Firenze al centro dell'attenzione globale. E' l'idea di Nardella per il "Rinasce Firenze", un piano per fronteggiare la crisi economica provocata dall'emergenza covid-19. In queste settimane la pandemia si è abbattuta in maniera devastante sul capoluogo toscano: zero turisti, il 49% degli alberghi (dati centro studi Confindustria) che riaprirà solo a settembre, l'indotto tra ristoranti e logistica congelato. Con le casse di Palazzo Vecchio in forte affanno e lo spettro del taglio ai servizi essenziali.

Il patto con il turismo slow
Nardella poi ha ribadito la necessità di dar vita a un rinnovato patto di convivenza tra il mondo del turismo, "meno fugace", e la città. Inoltre, per la firenze del post Covid, ha fissato un paletto che ritiene oggi indispensabile: il contrasto alla "cultura della rendita passiva e improduttiva, che è entrata lentamente e inesorabilmente nelle pieghe della nostra comunità cittadina, soppiantando quella diversa cultura del lavoro e della produzione su cui si è sempre fondata la nostra città". Di contro, sottolinea, "lavoro, produzione e innovazione, dovranno essere le tre parole d'ordine della rinascita di questa grande città, non solo dal punto di vista operativo e organizzativo".

Stop nuovi hotel e tetto per Airbnb
Tra i punti del piano per ridare fiato al centro: uno sta nel rivolgersi alla regione e al governo per promuovere le aree 'zes' (zone economiche speciali), ovvero quelle a tassazione zero per "attrarre investimenti, favorire la crescita economica e la creazione di occupazione per creare quartieri la cui funzione primaria sia creatività, artigianato e cultura", è scritto nel documento. Un altro passaggio significativo riguarda criteti per definire "il divieto di realizzazione di nuove strutture turistiche-ricettive" (alberghi etc.), così come un "tetto" al numero di appartamenti utilizzati per le locazioni brevi tipo Airbnb (con gli host invece è stato aperto un tavolo per incentivare gli affitti a medio lungo termine). Inoltre palazzo vecchio realizzerà un nuovo censimento del centro, sul modello del 2011, "per avere il quadro esatto degli effettivi nuclei familiari residenti".

Aperta a tutti la partecipazione alle idee
Nardella: "Abbiamo deciso di affrontare questo tempo costruendo per la città una strategia del post-pandemia aperta allelaborazione collettiva, che, a partire dal disegno di alcune direttrici, raccolga idee e proposte di più ampia portata, per tracciare insieme nuove rotte e prospettive di sviluppo per la nostra comunità. Il risultato è un documento aperto al contributo di tutti, che da oggi si offre alla discussione".
E possibile inserire le proposte in un apposito form su www.comune.fi.it/rinascefirenze

Olimpiadi 2032
Ed è per questo che Nardella, che in più occasioni ha chiesto al Governo di intervenire per salvare i Comuni dal rischio default, ha messo a punto un piano per ripensare la città. Partendo, appunto, dalle Olimpiadi del 2032 e dalla corsa ciclistica più importante del mondo. "Ne ho parlato con il presidente Bonaccini con cui abbiamo una collaborazione eccezionale - ha aggiunto il sindaco Nardella -. L'Emilia Romagna già nelle scorse settimane ha lanciato la candidatura per il Grand Départ del Tour de France, che è un evento storico perché il Tour de France è partito da molti Paesi fuori alla Francia, ma mai dall'Italia. Come sapete è un mio vecchio pallino, che avevo inseguito fino a quasi al successo da vicesindaco, con l'allora sindaco Renzi". "Non riuscimmo allora - ha ricordato ancora Nardella - ma se ora mettiamo insieme le energie potrà essere fattibile". "Bonaccini ha accolto questa collaborazione: mettere insieme due Regioni come Emilia Romagna e Toscana significa mettere in campo una candidatura fortissima per avere la prima tappa in una delle prossime edizioni". "Allo stesso tempo - ha concluso - abbiamo deciso con Bonaccini di accelerare sulla candidatura alle Olimpiadi: è un obiettivo difficilissimo, molto lontano ma occorre partire subito per non farsi trovare impreparati. Servirà anche a dare stimolo all'economia ed entusiasmo alle nostre popolazioni. Insomma lo sport può essere un fattore decisivo in questo piano di rinascita".

Avvicinare la tramvia al Duomo
Una fermata del tram non in piazza San Marco, ma più avanti, alla fine di via Cavour. Non proprio sotto il Duomo o a fianco del Battistero, ma molto vicino. A pochi passi, i circa 200 metri che separano palazzo Medici Riccardi dal 'salotto buono' della città. C'è anche questo nella nuova Firenze immaginata dal sindaco e la 'rivoluzione' della mobilità per il centro storico è servita. "Nei nostri progetti e nella mia idea il tram non passerà dal Duomo. La pedonalizzazione è una conquista della città e dei fiorentini che rimane, sia chiaro. Nessuno fraintenda questo come il tentativo di attraversare il duomo in tram", sottolinea deciso. Tuttavia quest'appendice che ridà nuova prospettiva alla linea fortezza-san marco, rappresenta "un chilometro decisivo, che consente davvero di raggiungere agevolmente il centro sia da nord, con il capolinea davanti a palazzo Medici Riccardi, come per altro era un tempo, che da ovest, con il capolinea di piazza dell'Unità". Con questa soluzione, quindi, "potremo trovare la quadratura del cerchio: ovvero rendere il centro storico fruibile, raggiungibile con i mezzi pubblici, senza però tornare indietro su una decisione che io sostenni da vicesindaco, insieme al sindaco Renzi, e continuo a sostenere, cioè la pedonalizzazione di una delle piazze più belle del mondo".



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news