LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Leonardo, Cimabue, Botticelli. Quanti capolavori fuori posto
Chiara Dino
Corriere Fiorentino 29/5/2020

Tra maestà e pale d’altare, le nostre gallerie sono fatte di arte sacra

In potenza la proposta di Eike Schmidt — che mira a convincere i musei statali a restituire i dipinti alle chiese per i quali furono concepiti — potrebbe essere il primum movens di una trasformazione radicale delle nostre principali gallerie, che, nella maggior parte dei casi, sono contenitori di opere nate per altri contesti, soprattutto sacri. Così la ricognizione di quanti altri capi d’opera potrebbero seguire il destino della Pala Rucellai degli Uffizi, che il direttore tedesco si dice disposto a ricollocare a Santa Maria Novella, è infinita.

La sua proposta, nata sembra come alternativa a quella del sovrintendente Andrea Pessina che nei giorni scorsi aveva parlato di una politica di decentramento ipotizzando l’istituzione degli Uffizi 2 sulla scia di quanto fatto al Louvre, rimbalza nelle sale dei tre grandi musei, Uffizi, Accademia e Bargello, ma non solo. Partiamo dagli Uffizi facendoci guidare dalla memoria di Antonio Godoli, architetto delle Gallerie: le altre due Pale esposte nella sala della Rucellai, quella di Cimabue e quella di Giotto a rigore potrebbero tornare, la prima in Santa Felicita, e la seconda in Ognissanti. Secondo lo stesso criterio l’elegantissima Annunciazione di Simone Martini potrebbe far gola al Duomo di Siena. E che dire dell’Annunciazione di Leonardo che fino al 1867 si trovava nella chiesa di San Bartolomeo a Monte Oliveto o di quella di Botticelli commissionata da Benedetto di ser Francesco Guardi per la cappella di famiglia nella chiesa di Santa Maria Maddalena in borgo Pinti a Firenze?

Non basta: sempre in Santa Maria Maddalena dovrebbe/potrebbe tornare un’altra opera, questa volta dalla Galleria dell’Accademia. Si tratta del Santo Stefano tra i santi Jacopo e Pietro di Domenico Ghirlandaio. L’accademia per altro è ricca di pale d’altare: ci sarebbe la Trinità di Alesso Baldovinetti proveniente dalla chiesa di Santa Trinita a Firenze, e ancora la ricomposizione parziale della grandiosa pala dipinta nel 1500 da Pietro Perugino per l’altare maggiore della Chiesa dell’abbazia benedettina di Vallombrosa, raffigurante l’Assunzione della Vergine fra angeli e Dio Padre, con quattro Santi, e la Deposizione di Cristo dalla Croce proveniente dalla Chiesa della Santissima Annunziata iniziata da Filippino Lippi nella parte superiore e completata, in seguito alla morte del pittore sopraggiunta a fine 1504, dal Perugino nel 1507.

E al Bargello, cosa accadrebbe? Due esempi per tutti: l’edicola in pietra e il Vescovo Benedicente attribuiti a Tino da Camaino li potrebbe rivendicare Santa Maria Novella. Le opere citate sono una piccola parte di quelle potenzialmente spostabili. Quindi si vedrà come a Firenze sarà accolta la proposta di Schmidt. Da canto suo il direttore degli Uffizi ieri ha precisato solo di voler aprire un dibattito.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news