LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Da oggi alla Reggia di Venaria, la prima mostra dopo-covid. Si riparte dal Barocco
Alessandro Martini - Maurizio Francesconi
Corriere della Sera - Torino 30/5/2020

Duecento capolavori per 50 visitatori

Dopo due mesi in cui le opere già allestite sono rimaste in silenzio, è il momento dello svelamento: Sfida al Barocco. Roma Torino Parigi 1680 1750 apre al pubblico a Venaria Reale e rimarrà visibile sino al 20 settembre, prorogata di tre mesi. È una mostra spettacolare ed emozionante e trova la sua forza nelloriginalità del taglio e sicuramente nellallestimento. Raccoglie 200 tra dipinti, disegni, sculture, arazzi e opere di oreficeria, allestiti in 15 sezioni come in una grande galleria barocca e provenienti dalle maggiori istituzioni internazionali come Musei Vaticani e Uffizi, Louvre, Getty di Los Angeles, National Gallery di Londra, Versailles, Metropolitan di New York. È anche una delle prime grandi mostre della riapertura dei musei post-Coronavirus e la visita, inevitabilmente, adotta ogni necessaria misura di sicurezza: termometro, mascherina, 50 visitatori per volta (previa prenotazione online) e accesso scaglionato.

Dopo due mesi in cui le opere già allestite sono rimaste in silenzio, è il momento dello svelamento: Sfida al Barocco. Roma Torino Parigi 1680 1750 apre al pubblico a Venaria Reale e rimarrà visibile sino al 20 settembre, prorogata di tre mesi. È lesito di un lungo progetto voluto dalla Fondazione 1563 e propone uninterpretazione originale, quello della sfida negli anni in cui cambiano molte cose nellesperienza artistica e nel modo di fare arte, spiega Giuseppe Dardanello, curatore della mostra con Michela Di Macco. È una mostra spettacolare ed emozionante (soprattutto nella sezione delle pale daltare e degli arazzi) e, frutto di ricerche pluriennali, non insegue i grandi nomi e le opere più note, ma trova la sua forza nelloriginalità del taglio e sicuramente nellallestimento. Raccoglie 200 tra dipinti, disegni, sculture, arazzi e opere di oreficeria, allestiti in 15 sezioni come in una grande galleria barocca e provenienti dalle maggiori istituzioni internazionali come Musei Vaticani e Uffizi, Louvre, Getty di Los Angeles, National Gallery di Londra, Versailles, Metropolitan di New York. Pezzi importanti arrivano da Torino e dal territorio: non solo Musei Reali e Fondazione Accorsi-Ometto, ma anche la chiesa di Grazzano Badoglio con un magnifico dipinto di Andrea Pozzo. La rappresentazione della grande architettura barocca e della sua spazialità, è lasciata al contenitore con la sua dimensione spettacolare: la Citroniera juvarriana accoglie le opere come una straordinaria scenografia, valorizzata dallilluminazione e dallallestimento di Massimo Venegoni.

Sfida al Barocco è anche una delle prime grandi mostre della riapertura dei musei post-Coronavirus e la visita, inevitabilmente, adotta ogni necessaria misura di sicurezza. Al cancello dentrata un visore controlla la temperatura di ogni visitatore. Ovviamente muniti di mascherina, si accede alla reggia (attraversando il bookshop, regolarmente aperto): 50 visitatori per volta (previa prenotazione online) e accesso scaglionato (il numero sale fino a 250 allora per i giardini). Lingresso alla Citroniera è introdotto da uno scenografico tendaggio che, aperto, svela i tesori esposti. Se ci si aspetta una classica mostra sul Barocco si rimarrà, se non delusi, quantomeno stupiti: i curatori propongono un approccio del tutto originale. Non è una mostra sulla committenza e sui grandi cambiamenti epocali ma su come gli artisti guardano al passato e di come i loro modelli divengono strumenti attivi di cambiamento, capaci di sollecitare una reinterpretazione nuova e rivolta al futuro, spiega Dardanello. Roma è un luogo imprescindibile grazie alla presenza dellantico e dei grandi maestri del 500 e 600 ma anche il modello a cui guarda Parigi prima di aprirsi al colore e alla natura, con uno sguardo rivoto alla grande pittura veneziana e del Nord Europa. Torino è il terzo polo di questo discorso, perché tra 600 e 700, e proprio grazie agli artisti, intreccia un rapporto stretto con Roma e Parigi, confrontandosi con il passato e con le dinamiche della produzione contemporanea, spiega ancora Dardanello. Il Barocco è il primo momento in cui la capitale sabauda elabora una proposta autonoma attraverso le arti visive: Tutto ciò grazie soprattutto a Juvarra che, in ogni suo intervento su residenze reali e chiese, opera una selezione di artisti e opere in modo innovativo e originale, promuovendo i nuovi nomi della migliore produzione regionale. Ecco quindi la grande stagione torinese con De Mura, Solimena, Beaumont, Ladatte, Meissonnier

Se il visitatore non troverà i grandi capolavori da manuale scolastico (sebbene non manchino le meraviglie di Chardin, Subleyras e Maratti), non potrà non rimanere a bocca aperta davanti alle enormi pale daltare, agli arazzi, allallegoria della Pittura, Scultura e Architettura di Pompeo Batoni (dalla Collezione Cerruti di Rivoli), alla Galleria immaginaria di vedute di Roma antica e moderna di Giovanni Paolo Pannini (dal Metropolitan di New York) fino al Nudo femminile di schiena di Pierre Subleyras (da Palazzo Barberini), che lascia letteralmente senza fiato.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news