LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ma che c'entra il virus con l'alluvione?
Tiziana Masucci
Corriere Fiorentino 30/5/2020

Caro direttore, ho letto con curiosità il programma Firenze rinasce del sindaco Nardella.Tante buone intenzioni che, tuttavia, mi lasciano perplessa.

Credo sia una svista pericolosa affrontare il Covid-19 come lalluvione del 1966. Per quanti sforzi faccia, non trovo il file rouge se non nelliniziale sottovalutazione della gravità del problema e nellevidente disastro che, forse rispetto allalluvione, è di entità maggiore: il virus non è stato ancora debellato.

Lalluvione, sebbene mise Firenze in ginocchio, è stata uno spartiacque generazionale: il fango che i giovani spazzavano era metaforicamente la mentalità antiquata che li soffocava. Rendersi utili significava gridare al mondo di esistere e, soprattutto di darsi un ruolo: quello di salvatori della città, una città dal valore simbolico potente. Salvare Firenze era come salvare il futuro di generazioni. In un certo senso, lalluvione è stata prodromo pacifico alla rivoluzione del 68, e ha notoriamente richiamato il mondo a Firenze. Gli appelli internazionali, gli aiuti economici furono utili, lattenzione mediatica pertinente contribuì a sostenere la città; il sindaco Bargellini si adoperò da subito con coscienza e concretezza cercando di anteporre gli interessi della città alla politica, e fece un lavoro eccelso ma non dobbiamo dimenticare che a fare rinascere Firenze furono soprattutto i fiorentini con dignità, pazienza determinazione, e lontani dai riflettori. Affinché Firenze oggi risorga deve contare sulle proprie innumerevoli risorse, artistiche e artigianali, spesso maltrattate, e non mostrarsi al mondo con il cappello in mano chiedendo di essere salvata.

Ben venga il contributo internazionale ma la bontà non deve avere un prezzo occulto. Vale la pena ricordare che, ogni volta che ci si è messi a fare la questua , per quanto potesse sembrare lunica soluzione (e anche la più facile), il mondo è subito accorso a Firenze e tra ringraziamenti e clamore di clarine con una mano ha aiutato e con laltra ha preso. Mi chiedo, dunque, perché nellattuale situazione catastrofica mondiale, gli illustri e abbienti dovrebbero salvare proprio Firenze? Se da un lato è dobbligo pensare al futuro immediato, dallaltro è fondamentale comprendere che le modalità devono essere reinventate, totalmente. E questo richiede tempo, attenzione mirata e creatività fattiva secondo le esigenze endemiche di Firenze e dei fiorentini. Il coronavirus ha avuto leffetto di tabula rasa , se non si entra in questa ottica non si va da nessuna parte. Schemi collaudati non sono più applicabili; le misure pseudo-risolutive, il ricorso allevento attira turisti non funzionano poiché non risolvono il problema alla radice ma lo rafforzano. La lungimiranza e lintelligenza sta anche nel comprendere che questa calamità può essere una opportunità straordinaria per riportare alla luce lessenza vera di Firenze per troppo tempo travisata e alterata. Firenze illude chi la contempla, schernisce chi crede di possederla per citare Violet Trefusis che conosceva bene la città.

Lessenza di Firenze è unica, sfugge alla banalità dellapparenza seppur una apparenza meravigliosa; va cercata in profondità nelle sue radici, non si può catalogare, né imbrigliare in schemi alla moda che non le appartengono. Non è impresa facile, occorre una certa sensibilità e la capacità di sintonizzarsi su una lunghezza donda che non trasmette su canali main stream. Restiamo fiduciosi, poiché come recita un antico detto di Firenze: Molti pochi fanno un assai.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news