LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Rimosso il pino caduto. La Floridiana riapre, ma soltanto in parte
Corriere del Mezzogiorno - Campania 31/5/2020

Napoli. Martedì 2 giugno la Floridiana, che è chiusa al pubblico dal 23 dicembre dello scorso anno, riapre. In maniera del tutto parziale e per una porzione estremamente limitata, ma almeno si potrà entrare dopo lunghi mesi di blocco totale.

«Ieri – racconta nella serata di sabato Marta Ragozzino, da pochi mesi soprintendente per il Polo museale della Campania – finalmente è stato portato via dalla grande aiuola davanti all’ingresso del Museo Duca di Martina il pino che si era schiantato a fine dicembre. È un primo passo. Per dare un segnale ho deciso di consentire da martedì l’accesso ai visitatori dall’ingresso di via Aniello Falcone. Potranno intrattenersi sul prato finalmente libero dal tronco spezzato e potranno percorrere il tratto che conduce al Belvedere». Il resto del parco pubblico resta interdetto. Per una riapertura più ampia, che ripristini almeno le condizioni di agibilità che c’erano lo scorso autunno, quando si accedeva dall’ingresso principale di via Cimarosa e si poteva percorrere tutto il vialone centrale e parte dei viali della parte sopraelevata - dove c’è anche il Teatro della Verzura che fu costruito da Antonio Niccolini - bisognerà attendere il completamento degli interventi di verifica sulle alberature ed i lavori di somma urgenza che avrebbero dovuto essere effettuati già lo scorso inverno. «Gli interventi sono finalmente iniziati - dice la soprintendente - ma non sono in grado di dire ora quanto tempo occorrerà affinché si completino. Se necessario, dovremo mettere in sicurezza alcuni alberi con tiranti ed altri strumenti».

Qualcosa comincia a muoversi, però, e, dopo lunghi mesi di totale immobilismo, pare già una notizia. Si attende che si metta in moto anche l’iter per bandire le prime gare di appalto relative all’aggiudicazione dei lavori che saranno finanziati con due milioni di euro da parte del ministero per i Beni Culturali e che si spera possano – in tempi che al momento sarebbe azzardato ipotizzare – restituire finalmente alla città la Floridiana nella sua interezza, senza più recinzioni e transenne.

Martedì dovrebbe essere di nuovo visitabile dal pubblico anche il Museo Duca di Martina, all’interno del parco verde, che ha continuato a funzionare dopo la caduta del pino del 23 dicembre 2019 – si accedeva da via Aniello Falcone – ma che poi, come tutti gli altri musei, era stato chiuso a marzo dai provvedimenti adottati dal governo per contenere il pericolo di contagio da coronavirus. «La riapertura della Floridiana, sia pure estremamente parziale – commenta l’ingegnere Gennaro Capodanno, presidente del comitato Valori Collinari, il quale aveva promosso anche una petizione - è una prima vittoria. Il fatto che sia stato finalmente rimosso il grosso tronco del pino che era caduto a dicembre ci dà un po’ di respiro. Pare che si cominci a vedere uno spiraglio di luce». E conclude: «Mano a mano spero si vada avanti. Confido che nell’arco di pochi giorni si possa completare la messa in sicurezza in urgenza e si possa recuperare al pubblico anche il viale che da via Cimarosa conduce al Museo Duca di Martina».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news