LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lappello di Nardella. Il mecenatismo e i suoi rischi
Stefano Fabbri
Corriere Fiorentino 31/5/2020

Il programma del sindaco Dario Nardella per un soccorso internazionale che salvi Firenze ha senza dubbio il merito di rimettere la città al posto che merita in un difficile panorama mondiale. Ma in agguato ci sono alcuni importanti rischi. Il primo, visibile ad occhio nudo, è quello di trovarsi di fronte a reazioni tiepide a causa della profonda diversità tra la pandemia e levocato precedente dellalluvione del 1966: allora a restare danneggiato fu un prezioso patrimonio che il mondo sente ancora suo. Oggi, come se si fosse trattato di una bomba di gas nervino, quei beni non hanno riportato danni, incalcolabili invece nel tessuto economico di una città che, in barba alle più elementari leggi del mercato, non ha saputo diversificare puntando tutto da decenni su un turismo di discutibile qualità, oppure subendolo, ed è stata colpita al cuore. Anzi, vicino ad esso. Nella tasca dove si tiene il portafoglio. Il secondo rischio, più subdolo, si nasconde dietro alla fragile idea che vi sia ancora il mecenatismo di cinque o sei secoli fa. Sarà brutale, ma la maggior parte dei moderni mecenati sono pronti a donare, anzi ad investire, in cambio di qualcosa. Si racconta che a un ricco signore giapponese che ebbe un certo ruolo nel far crescere ruolo e opportunità del Maggio Musicale Fiorentino fu conferito il Fiorino doro. Sorridendo, ma neanche troppo, chiese quali vantaggi quel riconoscimento avrebbe potuto dargli: sconti sui viaggi o in albergo? Non ci sarebbe dunque da stupirsi se nelle sue interlocuzioni con potenziali sostenitori stranieri il sindaco si sentisse chiedere in cambio, magari, qualche pezzo pregiato di centro storico. Con la prospettiva di sostituire i b&b nostrani con resort di lusso. Firenze smetterebbe così di essere la Disneyland del Rinascimento per diventare buen retiro di qualche oligarca o magnate e perdendo così lopportunità, sebbene sorta da un momento drammatico, di ripensare a un sistema economico più equilibrato e a un diverso destino del suo centro storico. Gli investimenti, se ci saranno, servano a ricostruire una trama delleconomia artigiana, favorire la residenza e la permanenza di chi sceglie Firenze, innestare funzioni pregiate dove è stato fatto un deserto. Ma lo si può fare solo con una regia accorta e rigorosa che, certo, sarebbe più facile se vi fossero in città leve finanziarie come banche e assicurazioni che hanno scelto sedi diverse da Firenze. E magari con qualche sforzo in più di fiorentini abbienti che, non sempre ma talvolta, si ricordano di essere tali solo quando questo marchio di fabbrica è loro utile.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news