LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Piuro (Lecco). La «Pompei delle Alpi». I misteri del villaggio sepolto da una frana
Barbara Gerosa
Corriere della Sera - Milano 2/6/2020

Il borgo scomparso nel 1618. Scavi interrotti dall’epidemia

Lecco. È nota come la «Pompei delle Alpi». Non solo per l’entità della catastrofe, più di mille morti, l’intero borgo spazzato via, ma anche perché il materiale che per secoli ha ricoperto l’abitato l’ha in parte preservato. Una cittadina medievale con le case, i focolari, le botteghe. Piuro è oggi una amena località al confine con la Svizzera, tra Chiavenna, in provincia di Sondrio, e la Val Bregaglia. Alle ricchezze naturalistiche si uniscono quelle ancora celate sotto la frana che nel settembre del 1618 ha devastato il borgo.

Prima che il coronavirus bloccasse gli scavi, la ricerca archeologica aveva consentito di riportare alla luce parte dell’antico villaggio. Il progetto, che si inserisce nell’ambito della campagna Interreg Italia Svizzera Amalpi 18, aspetta solo di ripartire forte dei risultati fino a qui conseguiti. Oltre 60 fra studenti e ricercatori dell’Università di Verona, coordinati dal professor Fabio Saggioro, hanno lavorato senza sosta restituendo tesori preziosi: su tutto una rarissima moneta dei re Ugo e Lotario risalente al X secolo.

«Al momento della frana diversi edifici del Mot del Castel, dove si sono concentrate le ricerche, erano già stati abbandonati — spiega Saggioro, docente di Archeologia medioevale —. Abbiamo trovato orti e spazi aperti, mentre sino al 1300 la collinetta ospitava strutture, edifici, abitazioni. L’origine è da datare a prima dell’anno mille. La scoperta è eccezionale perché il ritrovamento di pentole e vasellame in pietra ollare fa comprendere come il borgo fosse conosciuto a quei tempi in tutta Europa proprio per il commercio di questa pietra particolare».

Lo smottamento del 1618 si staccò dal monte Conto, a sud dell’abitato: tre milioni di metri cubi di massi e terriccio. Le cronache del tempo ricordano i pochi sopravvissuti, l’oste Francesco Forno, il muratore Simone Ramada, una donna, due bambini, il fratello del Podestà. Risparmiato in parte il palazzo di Belfort, i cui resti sono visitabili. Ci sono poi il museo di Piuro e la chiesa di Sant’Abbondio dove sono custoditi i reperti della prima campagna di scavi risalente agli anni Sessanta.

«Abbiamo trovato monete rarissime e un calice in pietra ollare, ma anche un’abitazione con il focolare intatto. Botteghe testimonianza della vita quotidiana, tutto qui sembra essersi fermato a secoli fa — conclude Saggioro —. E il bello deve ancora venire: al limite attuale dello scavo sono emerse alcune sepolture che ci spingono a ipotizzare che, non a grande distanza, potrebbe esserci un edificio religioso. La speranza è di poter riprendere il nostro lavoro a settembre». La «Pompei delle Alpi» sembra celare ancora molti misteri.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news