LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli finalmente capitale. Ma stavolta facciamo sul serio
Gian Maria Tosatti
Corriere del Mezzogiorno - Campania 2/6/2020

I mesi della pandemia sono stati preziosi per poter fare un bilancio sui cocci di un crollo sociale, politico, culturale, ambientale avvenuto in precedenza, ma sul quale il ritmo delle nostre vite ci aveva impedito di soffermarci. Su giornali e riviste abbiamo visto fiorire molte analisi sulle criticità dei nostri sistemi e altrettante buone proposte. Oggi che è il tempo della ripartenza credo sia importante non far svanire quei ragionamenti come i postumi di un sogno, provando a tradurli nella realtà così come meritano, grazie agli strumenti di cui ci stiamo dotando per la ripartenza. Va premesso, infatti, che quel che andremo ad affrontare non sarà una semplice ripresa delle attività, ma una vera e propria ridefinizione del sistema, finanziata da miliardi di euro che ci costeranno cari in futuro e che, quindi non andranno sprecati, ma saggiamente investiti.

È necessario evitare che si torni a subire una nuova crisi senza uscita (come fu quella del 2009) e trovando la forza di fare dellItalia, divenuta ormai periferia culturale del mondo, il paese in cui tutti vorrebbero essere. Daltra parte questo infarto della società, se servirà a qualcosa, sarà a farci diventare adulti, sarà a darci lopportunità, come cittadini, di tornare ad un esercizio della democrazia più maturo ed attivo per riprendere in mano il nostro destino e scrollarci di dosso la vergogna che abbiamo provato negli ultimi decenni nel vedere i nostri politici arrancare in ogni campo, in patria e fuori.

Il primo segnale luminoso arriva proprio da Napoli, dalliniziativa di un gruppo molto ampio di cineasti che ha inteso dar vita ad una scuola innovativa, portata avanti con una mentalità più internazionale rispetto allarretrato sistema di formazione italiano, che da vanto che fu è diventato il vulnus del nostro paese. Sostengo quindi fortemente liniziativa della nuova scuola di cinema proposta dai premiatissimi Maurizio Braucci, Pietro Marcello, Mario Martone e compagnia. Una scuola come la loro che a me fa pensare alla Bauhaus è stata pensata, a detta dei suoi promotori, per dare anche agli studenti napoletani lopportunità di studiare il cinema come già si fa in altre città italiane. Io penso, invece, che la presenza di una nuova istituzione come questa possa suscitare in molti studenti, non solo italiani, lidea di venire a Napoli per studiare con tali maestri. E questa è la chiave.

Non giriamoci intorno, culturalmente lItalia, almeno dallinizio di questo secolo, è stata il paese da cui fuggire. I dati Istat parlano chiaro. Io ho vissuto dieci anni negli Stati Uniti e mi sono potuto permettere di tornare in questo paese solo nel momento in cui la mia carriera internazionale ha registrato un decollo per il quale da New York avrei potuto spostarmi anche in un eremo sullHimalaya senza che la cosa mi procurasse problemi. Ma scelsi Napoli. La ragione è che non si troverà una città nel mondo che sia più accogliente per un artista. Napoli è la città italiana con la più grande tradizione musicale ancora vivente, con la più grande tradizione cinematografica ancora attiva, con la più importante tradizione teatrale del paese, con la più trainante tradizione darte contemporanea, oltre ad una concentrazione di musei che mette sotto scacco qualsiasi competitor europeo ad eccezione forse solo di Londra, Parigi e Berlino, capitali di grandi paesi che in cultura, dal dopoguerra, hanno investito moltissimo, a differenza del nostro. Oltre a questo cè una rete di eccezionali artigiani che per gli artisti costituiscono una risorsa essenziale, ci sono costi bassi e unaltissima qualità della vita, cè una comunità intellettuale vivacissima assieme a un equilibrio di grandi gallerie storiche e giovani gallerie di ricerca entrambe capaci di proiettarsi sul piano internazionale. Cè una trasversalità della cultura che ha fatto di progetti come Arrevuoto un modello prezioso per tutto il paese.

Questo è quello che cè, o, per lo meno, che cera prima dellinizio di questa crisi. Parliamo di una infrastruttura che è già pronta a diventare una capitale culturale internazionale non nei sogni, ma nei fatti. Io ci ho creduto da quando sono arrivato. Se non è successo ancora è perché, forse, non labbiamo voluto. Abbiamo pagato quattro anni dassenza di un assessorato regionale alla cultura e ben otto anni di un assessorato comunale inconsistente. Sono responsabilità molto gravi che non possiamo far finta di non riconoscere. Ma anche questo è passato. Oggi siamo sulla linea dello start. Quando larbitro farà risuonare il suo sparo possiamo iniziare a correre sul serio. Ma bisogna progettare, immaginare, volere, fortemente volere ed anche regolare. Serve una cabina di regia, e che sia allaltezza.

Trasformare Napoli nellevoluzione di quella che fu Berlino allinizio degli anni 2000, un punto di riferimento internazionale per larte, è possibile, ma non può essere solo un obiettivo della città, deve essere parte di un progetto per il paese. Portare persone ed energie in città significherebbe realizzare un modello davanguardia che renda lItalia credibile su un asset sempre più importante a livello internazionale nella società post-industriale: la cultura. Troviamo il coraggio di essere il centro culturale dEuropa! Troviamo il coraggio di essere europei non solo istituzionalmente, ma nella pratica. Apriamoci.

Napoli è una città che ha decine di edifici storici pubblici vuoti. Ci sono centinaia di chiese abbandonate che la curia è disposta ad affidare. Questo sistema di spazi, assieme ad una ragionata dotazione economica, con una grande e seria regia istituzionale potrebbe diventare una galassia daccoglienza e di lavoro per attrarre le migliori intelligenze di tutti i settori culturali, per concentrare grandi artisti dalle aree depresse del paese che dopo la crisi si sveglieranno ancora più depresse e per attrarre protagonisti da ogni parte del mondo facendo tornare Napoli la città dei più grandi scambi culturali del Mediterraneo e forse dEuropa. Si potrebbero creare studi, progetti di residenza, libere accademie come negli anni doro della città. Arriverebbe il mondo ad abitare ed animare una capitale culturale democraticamente riconquistata alla bellezza. Ne parlo quotidianamente con gli amici, col regista Pietro Marcello, con il filosofo Nicola Capone. Se possiamo immaginarlo, perché non possiamo realizzarlo? Miliardi di investimenti a debito dovremo spenderli comunque. Li abbiamo già chiesti e ottenuti dalla Bce e miliardi pioveranno. Facciamo in modo che questi debiti che il nostro governo ha già contratto servano non a tenerci in vita, nella nostra solita agonizzante figura di secondo piano, ma a rimetterci davvero in piedi. Come notava anche il direttore Enzo dErrico nelleditoriale di venerdì, abbiamo una classe intellettuale allaltezza del compito.

Il contributo che Napoli potrebbe dare alla ripartenza del paese è questo: ritrovare il coraggio per essere faro. Altri territori faranno lo stesso in altri settori. Insieme potremo usare questa occasione per tornare ad essere lItalia che abbiamo studiato a scuola, quella di cui ancora andiamo fieri.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news