LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Paolucci: Per cambiare davvero va abbattuto un sistema
Edoardo Semmola
Corriere Fiorentino 2/6/2020

Lex direttore del polo museale fiorentino Antonio Paolucci: Grazie al virus tutti hanno capito gli errori fatti, ma forse è tardi. Snaturare il centro ha fatto ricchi tanti, vorranno tornare indietro?.

A marzo del 1999 lallora soprintendente del Polo Museale Fiorentino, Antonio Paolucci, pronosticava un assalto a Firenze da parte del turismo di massa. Uninvasione. Con la conseguente perdita dellidentità della città. In unintervista assai profetica a Leonardo Tozzi su Firenze Spettacolo elencava tutto quello che poi puntualmente sarebbe successo. E che oggi la crisi internazionale scatenata dalla pandemia di coronavirus ha messo ancora più a nudo. Ventuno anni fa proponeva anche un piano per evitare tutto ciò. Oggi invece dice: La pandemia è stata una straordinaria rivelazione: ha messo in evidenza tutti gli errori che la classe dirigente fiorentina ha compiuto negli ultimi anni. Anzi, decenni. Ma il rischio è che sia troppo tardi per tornare indietro.

Professor Paolucci, a quali errori si riferisce?

Quelli che hanno portato a costruire una Firenze fondata sul turismo dei grandi numeri e sul consumo della città, con la consapevolezza e la partecipazione di tutte le categorie sociali e delle élite politiche. Ora, grazie al virus, tutti hanno capito quanto fosse sbagliato tutto ciò. E quali rovine e quante macerie abbiano lasciato dietro di loro certe scelte.

Lei è stato alla guida del Polo Museale fiorentino e poi ministro dei Beni Culturali quando il centro storico della città non era ancora ridotto così. Quale pensa sia la strada più virtuosa da percorrere adesso?

A mio modo di vedere il processo è irreversibile, non si torna più indietro nonostante le buone intenzioni del nostro sindaco. I cocci sono rotti e dagli errori fatti, come allontanare dal centro le attività industriali, lUniversità, gli uffici, come si fa a tornare indietro? Vedo uno scenario di sostanziale irreversibilità. Mi pare che il destino di Firenze sia segnato.

Domenica il cardinale Betori ha puntato lattenzione sul problema della rendita e dellidentità di Firenze da recuperare. Larcivescovo una strada per provare a venire fuori da questo pantano lha indicata...

Appena lemergenza sanitaria passerà e le cose torneranno come prima, o simili, la gente dimenticherà facilmente sia gli errori fatti che le conseguenze patite. Una delle cose più stolte che ho sentito dire in questo periodo è che dopo il Covid le persone torneranno diverse e migliori. Mi fa abbastanza sorridere. Dopo tutte le tragedie che lumanità ha conosciuto, le epidemie, le guerre, i disastri, se avesse davvero dovuto migliorare ora saremmo un popolo di angeli, buonissimi e bravissimi. Non è vero che i disastri ci lasciano migliori.

Totalmente pessimista, fino in fondo.

Quando sento le parole rinascita o nuovo umanesimo... non ci credo e basta.

Ma secondo lei il tema della riscoperta dellidentità di Firenze, lanciato dallarcivescovo, non è una strada da percorrere?

Lidentità di una città è sempre plurale: è fatta dai residenti, dalle attività economiche, dagli intellettuali, dagli industriali. La Firenze che ho conosciuto da giovane io era una città plurale, dove gli artisti convivevano con i metalmeccanici e gli artigiani. È una Firenze che cera stata consegnata dai secoli precedenti. Non poi tanto dissimile da quella del Trecento, fino alla metà del secolo scorso. Poi è avvenuta una mutazione globale che ha fatto felici tutti, ha reso ricchi tutti, ma ha snaturato la città.

Faccia finta per un attimo di non essere così pessimista. E ripartiamo dal tema del lavoro: riportando le attività produttive in centro si potrebbe cambiare la sua faccia, almeno in parte. Quali sono le realtà che sarebbe più urgente recuperare?

Le case editrici, le tipografie, lartigianato di qualità, lattività finanziaria. La ricchezza di Firenze ha sempre dipeso dallintermediazione bancaria e dalla circolazione del denaro. Ma cosa è rimasto di quella Firenze oggi?.

E tra i servizi, quali pensa siano i più importanti da riportare dentro le mura?

Quelli che servirebbero ai residenti. Ma per riuscirci occorrerebbe smantellare un intero sistema di pensiero che è stato imperante fino ad oggi. Siamo sicuri che tutti quelli che finora hanno guadagnato da quel sistema sarebbero disponibili a tornare indietro? Ho i miei dubbi.

Un altro tema sollevato con decisione da Betori è quello della solidarietà.

Quella per fortuna cè sempre stata. Firenze è la città caritatevole di SantAntonino e dei buonomini di San Martino, la città dello Spedale degli Innocenti. Nella storia la nostra città ha fatto della solidarietà la sua stella polare. E credo non sia venuto meno quello spirito dei fiorentini.

Dopo la crisi da Covid i conti languono, non solo quelli pubblici. Lei è favorevole a introdurre il biglietto dingresso nelle chiese?

Mai stato favorevole. Sarebbe una carezza a quellidea di commercializzazione e turisticizzazione della città che ho sempre deplorato.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news