LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Il cardinale e la critica alla rendita. Ha ragione, ma sul turismo...
E.S.
Corriere Fiorentino 2/6/2020

Tutti plaudono a Betori, anche le categorie. Il distinguo di Confesercenti

Recuperare le radici. Smantellare la rendita. Ripartire dal lavoro, dalla solidarietà, dai servizi. In una parola: dallidentità dellessere fiorentini. È questo il messaggio che larcivescovo di Firenze, il cardinale Giuseppe Betori, ha lanciato domenica nella sua omelia in Duomo. Parlando di ripartenza post-Covid e di rinascita di un centro storico che la pandemia ci ha mostrato ormai desertificato. Senza più turisti, non ha altra vita.

È importante che un progetto nuovo di città apra scenari davvero innovativi che rompano con la città delle rendita, con la disarticolazione dei suoi territori, con la scarsa attenzione alle esigenze della vita sociale. Ma è altrettanto importante che il progetto resti ancorato saldamente alle radici dellidentità storica di Firenze ha detto.

Lomelia del cardinale è condivisibile e intrisa di passaggi che pongono al centro la bellezza della nostra città commenta lassessore allUrbanistica e al Turismo di Palazzo Vecchio, Cecilia Del Re e concordiamo che i minori flussi turistici, se da un lato metteranno in difficoltà il tessuto sociale ed economico, dallaltro dovranno essere vissuti come unoccasione per tutti per ridare spazio alle funzioni di base di una comunità. Per essere però davvero una comunità, occorre remare tutti dalla stessa parte con senso di responsabilità. Come ha sottolineato Papa Francesco: nessuno si salva da soloSul fronte delle categorie economiche, le parole di Betori trovano unanime consenso. Ma con alcune distinzioni. Per attenuare il valore della rendita bisogna allargare il concetto di Firenze pensa Maurizio Bigazzi, presidente designato di Confindustria Firenze. Noi lavoriamo per il profitto e invece la rendita è la cosa più parassitaria che esiste. Solo ragionando in ottica di Città metropolitana sarà possibile cambiare marcia, passando dal parassitismo allo sviluppo. Per il direttore di Confcommercio Toscana, Franco Marinoni, Betori ha ragione e lo diciamo da tempo che se Firenze porterà ancora avanti questa dicotomia tra la città dei turisti e quella dei fiorentini, il rischio sarebbe stato enorme: i turisti stessi vengono qui per condividere uno stile di vita che amano e che ora rischiano di non trovare più. La pandemia ha esasperato questo concetto. Sebbene sia difficile iniziare ora uninversione di tendenza è anche vero che non è mai troppo tardi ma ci vuole una politica molto decisa e mi sembra che il sindaco Nardella labbia iniziata. Il primo pensiero del direttore di Confcommercio va al mondo dellenogastronomia altrimenti a forza di delivery e cibo da asporto ci si trasforma nella Danimarca, mentre noi siamo quelli del cappuccino al bancone e della pizza con gli amici. Le proposte che Marinoni considererebbe decisive sono mettere da parte la Ztl e mettere a disposizione i tanti parcheggi cittadini a prezzi agevolati: un euro di giorno e 50 centesimi la notte. Riflette sugli errori delle scelte passate e fa unapertura di credito al piano Rinasce Firenze presentato la scorsa settimana dal sindaco in Palazzo Vecchio Luigi Salvadori, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze: Sono stati fatti errori nelle scelte passate di portare tutto fuori dal centro storico. Ma dagli errori si può sempre rimediare. Noi siamo disponibili a dare una mano, il cambio di prospettiva per il centro storico della città è una scelta che approviamo e vogliamo sostenere. In un momento come questo bisogna fare squadra, ridurre le critiche e unirsi contro i problemi. Questo è lo spirito della Fondazione. E non ci interessa puntare il dito contro i colpevoli dei problemi, ci interessa risolverli insieme alla città. Un distinguo arriva da Confesercenti. Il responsabile fiorentino Lapo Cantini condivide la necessità di cambiare rotta rispetto al centro e riportare servizi e investimenti ma è un processo lungo e complicato e ne serve uno intermedio che progetti come riportare il turismo, meglio se di qualità. Perché non si può buttare via il bambino con lacqua sporca. Nellomelia del cardinale però implicitamente cè anche la critica alle categorie economiche che ora plaudono alla lotta alla rendita pensa Massimo Lensi, fondatore dellassociazione Progetto Firenze che su questi temi si spende da due anni. Betori dice il vero: ciò che ha colpito di più Firenze rispetto ad altre città è il fatto che il Covid lha trovata già indebolita economicamente da una monocultura turistica. Lensi critica anche il piano Rinasce Firenze: non va immediatamente contro quel modello di città, dice, ma prende il tempo necessario per poi, tra un anno e mezzo, trovarla pronta a tornare peggio di prima.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news