LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Paolo Fabbri, pioniere della semiotica
Paolo Di Stefano
Corriere della Sera 3/6/2020


Molti dicevano che era lui la vera intelligenza teorica della semiotica italiana. Fatto sta che Paolo Fabbri (morto ieri a 81 anni) era stimato dai semiologi-filosofi come Umberto Eco e dai filologi-semiotici come Cesare Segre. È stata una mente unica, anche perché, dalla sua Rimini (dove era nato nel 1939), dopo i primi studi a Firenze, aveva deciso di formarsi a Parigi, dove fu amico di Guattari e Deleuze, lavorò con Barthes, con Goldmann e con il narratologo Greimas (linventore del paratesto e delle soglie). Non gli bastò essere adottato, giovanissimo, da Eco nel periodo della grande voga semiotica e linguistica, degli apocalittici e integrati, dei seminari estivi di Urbino, e continuò a vagabondare: insegnando a Parigi, a San Diego, a Toronto, a Santiago del Cile, a Lima. Rientrò in Italia come dirimpettaio di Eco al Dams, sempre pioniere e sempre inattuale, come amava definirsi con un po di snobismo: Bologna, scrisse, permetteva ancora negli anni Novanta una larga prospettiva sul panorama della ricerca.

Intendeva ricerca semiologica, il suo cavallo di battaglia, praticata come impegno, scommessa nel dire qualcosa di sensato sul senso. Fu in quella scommessa il più francese degli italiani e il più italiano dei francesi, ponendosi allincrocio tra logica, filosofia del linguaggio, linguistica, rigore testuale e antropologia. Per lui la semiologia proponeva un metodo a vocazione scientifica, ma soprattutto era (è) rimasta attiva quale forma di utopia e di resistenza politica e culturale (una specie di 68 esegetico). Animato dalla necessità di una vera e propria militanza culturale e semiotica, non si è mai fermato: ha insegnato anche a Firenze, Palermo, Venezia, Roma, ha diretto riviste e collane, è tornato a Parigi tra il 2000 e il 2004 per dirigere lIstituto italiano di Cultura. Autore di pochi libri, diversamente da tanti suoi colleghi seriali, concordava con il principio di Barthes secondo cui il professore è orale e lintellettuale è un professore che scrive. Sentendosi più professore che altro, ha puntato molto sulloralità, portandosi dietro moltissimi allievi. Non per nulla Eco lo inserì nel Nome della rosa come Paolo da Rimini, facendone il fondatore della Biblioteca, e attribuendogli lappellativo scherzoso di Abbas Agraphicus per le letture onnivore e per lavarizia della scrittura. Lanno scorso, guardando la fiction televisiva tratta dal romanzo di Eco, Fabbri era rimasto molto male (e faceva tutti gli scongiuri) nel vedere il nome del suo alter ego Abbas inciso su una lapide cimiteriale.

Il semiologo onnisciente Paolo Fabbri era dotato non solo di strumenti finissimi utili a mettere a punto le metodologie (La svolta semiotica, Laterza, è del 1998), a decostruire le argomentazioni, la narratività e i simboli, a soffermarsi su questioni di ermeneutica, ma era anche portato a uscire da ogni seminato, occupandosi, per esempio, del cinema di Fellini (Fellinerie, Guaraldi, è del 2011), della sfera degli affetti e dei sentimenti, come suggeriva Barthes. Per non dire dellattenzione per la comunicazione politica, per il linguaggio comune, per le strategie delle Brigate Rosse, per le trame del gossip, con ripetute incursioni inattuali nellattualità (Tira aria di revisionismo: non è la semiotica che è superata diceva è che siamo tornati indietro, viviamo in unepoca dominata dal principio di precauzione). Ovvio che un tipo come Fabbri era più che mai attratto dai meccanismi della traduzione (Elogio di Babele, Meltemi, 2000), in quanto apertura e confronto con laltro.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news