LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La ripartenza dei musei è in salita. Bene l’Egizio
Giorgia Mecca
Corriere della Sera - Torino 3/6/2020

Partenza timida ma fiduciosa per i musei torinesi. All’Egizio sono entrate (gratis) oltre 1.300 persone, 1,400 ingressi a Venaria. Un buon segnale di ripresa.

Nessuna coda e ingressi contingentati nel primo giorno di apertura dei musei: 343 persone per Mantegna, 120 alla Mole, 176 a Palazzo Reale e 1.400 alla Reggia di Venaria

Stesso abbigliamento del primo giorno, vestito verde acceso per la presidente Evelina Christillin e abito blu per il direttore Christian Greco e ancora più emozione di quel primo aprile 2015 in cui venne presentato il restyling del Museo. Alle 10 di mattina le scale mobili dell’Egizio hanno ricominciato a funzionare, ad accogliere bambini, famiglie, la vita di prima. È rimasto tutto uguale, con meno affollamento. Tra segnali in cui mummie stilizzate invitano al mantenimento della distanza e mascherine obbligatorie, ieri 1.348 persone sono entrate dal portone di via Accademia delle Scienze, riaperto dopo 85 giorni. Elena e Lisa, 9 e 11 anni, sono già state in mezzo a sfingi e faraoni con le scuole, «oggi portiamo la nostra nonna Elisabetta, per lei è la prima volta». Anche Raul, 10 anni appena compiuti, è un orgoglioso recidivo, «è la mia quarta volta, finalmente oggi posso visitarlo in pace, senza tanta gente intorno». Dal punto di vista di chi guarda, il distanziamento sociale fa bene alle mostre. Il 2 giugno al museo è una festa anche per le mamme e i papà. «Possiamo tornare a far qualcosa di normale, dal vivo, imparare qualcosa senza uno schermo davanti», dice Fabio, anche lui si gode i corridoi liberi, lo spazio e il tempo a disposizione. «Oggi non possiamo far stare più di 280 persone contemporaneamente e per questo siamo sold out. Di solito, in tempi normali lo standard è di tremila visitatori al giorno, per non parlare delle giornate d’oro in cui abbiamo staccato anche settemila biglietti», ha detto Greco. Torneranno altri numeri, per il momento l’importante è ripartire. Prima dell’apertura erano stati cauti, la previsione era quella di non far entrare più di 800 persone in tutto il giorno, ma siccome la richiesta era alta e il flusso di scorrimento veloce si è deciso di accettare più persone. Per il mese di giugno il museo rimarrà aperto il venerdì, il sabato e la domenica, ma in base alla domanda i giorni possono aumentare. «Secondo l’Ocse il 26 per cento degli italiani visita i musei. Questa è una buona occasione perché queste percentuali crescano. Mi auguro che vengano soprattutto i ragazzi, che sono stati lasciati molto soli», ha continuato il direttore, prima di affacciarsi al portone e dare il bentornato a tutti.

Negli altri musei cittadini ripartenza ancora timida ma fiduciosa: 120 ingressi al Museo del Cinema, 176 a Palazzo Reale i cui giardini sono ancora chiusi al pubblico, 166 da Camera, qualche accenno di coda ben distanziato per Andrea Mantegna a Palazzo Madama che ha staccato 343 biglietti, 1.400 ingressi alla Reggia di Venaria e una eccezione. La pinacoteca dell’Accademia delle Belle Arti ha triplicato i numeri rispetto al 2019, con più di cento biglietti staccati, la mostra Incanti russi, prorogata fino a settembre, piace ai torinesi.

L’arte è rimasta ferma, intatta, all’Egizio nessuno, nemmeno i maestri delle elementari che ogni anno portano le loro classi, se ne va via senza prima aver visto la Galleria dei Re e l’allestimento di Dante Ferretti: dentro ci sono capolavori che hanno migliaia e migliaia di anni, sono rimasti fermi al loro posto per tutti questi mesi. Per farli rivivere è bastato riaccendere la luce.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news