LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Le opere rubate da Göring possono tornare a Firenze
Simone Innocenti
Corriere Fiorentino 3/6/2020

Quelle opere darte furono trafugate a Firenze durante la guerra da Göring in persona. Poi finirono, ben nascoste, nel Museo nazionale di Belgrado, ma ora potrebbero tornare a Firenze dopo che il gip di Bologna ne ha decretato la confisca.

Furono trafugate a Firenze da Göring in persona. Le scelse tra i quadri presenti nella collezione dei Contini Bonacossi, di Luigi Ventura e di Luigi Bellini. Poi le caricò su una macchina e sparirono fino a quando i carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale hanno scoperto che si trovavano nelle sale del Museo nazionale di Belgrado a più di settantanni dalla fine del Secondo guerra mondiale.

Le opere darte italiane in oggetto sono state ricevute in malafede dalle autorità jugoslave che per anni le hanno tenute nascoste nei depositi del museo di Belgrado senza esporle, scrive il gip di Bologna Gianluca Petragni Gelosi. Che ne ha decretato la confisca. Confisca che la Procura di Bologna dovrà adesso rendere esecutiva affinché quei capolavori tornino in Italia.

Si tratta di veri e propri capolavori del Medioevo e del Rinascimento: il Ritratto della regina Cristiana di Danimarca dipinto da Tiziano, la Madonna con Bambino e donatore di Jacopo Tintoretto, il San Rocco e il San Sebastiano, entrambi di Vittore Carpaccio, una Adorazione del Bambino con angeli e santi della Scuola ferrarese del XV secolo, una Madonna con Bambino di Paolo Veneziano, un trittico di Paolo di Giovanni Fei e una tempera di Spinello Aretino.

Quelle opere non sono state consegnate a titolo di ristoro dei danni subiti dalla Yugoslavia nel corso della guerra perché ricostruisce il gip Petragni Gelosi non solo il diritto bellico esclude questa possibilità una funzionaria del Ministero degli Esteri ha precisato che dagli atti e dai Trattati di Pace non risultava alcuna menzione circa i risarcimenti dei danni di guerra per i predetti beni.

Ecco perché per il gip la specificazione da parte jugoslava che le opere darte in questione costituissero compendio risarcitorio per i danni subiti in guerra, serviva semplicemente per giustificare la provenienza da Belgrado delle opere darte italiane messe in mostra a Bologna e Bari.

Se ne sono accorti poi i carabinieri del Tpc di Firenze, incrociando i dati di Leonardo (larchivio delle opere rubate o scomparse) e larchivio della Soprintendenza di Firenze che nella mostra bolognese Da Carpaccio a Canaletto. Tesori darte italiana dal Museo nazionale di Belgrado, cerano appunto gli otto capolavori trafugati a Firenze.

Nellinchiesta poi aperta dalla Procura di Bologna sono emerse altre criticità. Le opere ha ricostruito il Tpc furono poi raccolte in un deposito dal quale le prese Mate Ante Mimara Topic, legato ai servizi segreti jugoslavi. E anche il Dipartimento di Stato americano era ormai perfettamente a conoscenza degli errori commessi al deposito ma si preoccupa non solo della pubblicità ostile che la divulgazione di tale errore provocherebbe agli Stati Uniti, ma altresì che il governo italiano potesse fare causa agli Usa per lerronea consegna di sei dipinti o che i Rothschild avrebbero potuto intentare un processo per la perdita di due dipinti.

Il Tribunale ha infine assolto tre funzionari ministeriali per mancanza di dolo.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news