LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Sì del Comune. I tavolini del bar a Santa Chiara
Vincenzo Esposito
Corriere del Mezzogiorno - Campania 5/6/2020

La prima volta in assoluto: tavolini, sedie e ombrelloni di un bar hanno fatto il loro ingresso nel cortile di Santa Chiara. Sorseggiare un caffè o sorbire un gelato ammirando la storica facciata della chiesa o il bugnato del Gesù da ieri è realtà. Nel dopo era Covid lautorizzazione è arrivata in tempi record in base alla delibera comunale sulla ripresa.

Napoli. È la prima volta in assoluto: tavolini, sedie e ombrelloni di un bar hanno fatto il loro ingresso nel cortile di Santa Chiara. Sorseggiare un caffè o sorbire un gelato ammirando la storica facciata della chiesa o il bugnato del Gesù da ieri è realtà. Potrebbero storcere il muso Michele Galdieri e Alberto Barberis, autori della celebre Munastero e Santa Chiara, ma tantè. È lera del dopo Covid dove ciò che prima era impensabile ora accade. E anche velocemente. Bisogna garantire la ripresa delle attività commerciali e gestire il distanziamento sociale. Così la delibera comunale del 29 maggio scorso autorizza i gestori dei locali a mantenere sedie, sgabelli e gazebo negli spazi prospicienti fino al 31 ottobre prossimo, ovviamente dopo legittima domanda. E se molti non lo sanno tutto lo spazio entro le mura che circonda la basilica, è del Comune, che può gestirlo come vuole.

Noi abbiamo presentato la domanda subito dopo la delibera e abbiamo ottenuto lautorizzazione - racconta Luigi Castagnola, proprietà del Bar Gusto che sorge proprio accanto al liceo Fonseca - Anzi voglio ringraziare il sindaco che concede a noi gestori di locali la possibilità di rinascere anche con iniziative simili. La burocrazia si è molto snellita e i permessi concessi ci aiuteranno nella ripresa. Sono stati due mesi molto duri, inutile nasconderlo.

Qualcuno però storce il naso. Ovviamente di fronte ad ogni novità - continua Castagnola - la gente si divide. Ieri è stato il primo giorno e sono venuti tanti ragazzi. Questo è un quartiere di studenti e hanno apprezzato moltissimo liniziativa. Qualcuno mi ha detto: lo sai che ora sei su Instagram? Questa cosa è bellissima e deve essere conosciuta da tutti. Ecco, sarei molto contento se nellincanto tra Santa Chiara e il Gesù nuovo quei tavolini si trasformassero in un punto dincontro. Un luogo dove scambiare idee, pareri. Un po come i vecchi caffè letterari. Questo è un esperimento che durerà quattro mesi, poi si vedrà. Io credo che il successo o linsuccesso dipenda sempre dalla gente. Se i clienti verranno significa che apprezzano liniziativa e la promuovono.

E il sito religioso? Lo rispettiamo al massimo - continua -. Chiudiamo alle 19.30 quando la chiesa serra i portoni. Non serviremo mai super alcolici e abbiamo anche provveduto alla pulizia dei giardinetti di Santa Chiara. Io sono convinto che le bellezze di Napoli devono essere fatte risaltare. E questo è un modo intelligente e nuovo di farlo.

Perplesso padre Giovanni Paolo, francescano e parroco guardiano di Santa Chiara. Quello spazio è comunale certo, e non possiamo dire nulla in merito, ma non siamo stati neppure interpellati - spiega - e questo ci dispiace. Quando stamattina sono uscito ho trovato i tavolini e non ne sapevo nulla. Non nascondo che mi erano arrivate voci ma forse non volevo crederci. Le confesso, però, che sono giunte subito le lamentele dei fedeli che lo considerano uno scempio. Abbiamo incontrato la Soprintendenza e aspettiamo una risposta. La cosa ovviamente non ci fa piacere. E ad essere sinceri già in passato il sindaco de Magistris ha concesso lo spazio con troppa facilità a mercatini, manifestazioni e altro. Magari rumorose e con musica alta, che ci disturbava durante le funzioni religiose nella nostra basilica. Anche in quel caso il sindaco non ha mai avuto la decenza di informarci.

Ma il proprietario del bar dice che rispetterà il sito e che quei tavolini potrebbero diventare un punto di incontro intellettuale per i giovani. Lo conosco, una persona perbene - continua padre Giovanni Paolo - ma è inutile nascondere che la cosa non ci fa piacere. Tutto quello che vuole ma in un altro luogo.

E le altre reazioni? I comitati cittadini gridano allo scandalo e allo scempio. A parlare per tutti è Antonio Pariante del Comitato di Portosalvo: Siamo contrari a queste concessioni che violano in pieno il Codice dei beni culturali e danneggiano i monumenti della nostra città. Tra laltro allinterno di un centro storico tutelato dallUnesco.

Il dibattito è aperto, intanto i tavolini sono lì, e nella prima giornata sono stati apprezzati. Ci resteranno fino al 31 ottobre. Poi si vedrà.



news

26-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 giugno 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news